Il cambiamento nel surrealismo di Giuliano Giuggioli

Il cambiamento nel surrealismo di Giuliano Giuggioli

Titolo

Il cambiamento nel surrealismo di Giuliano Giuggioli

Inaugura

Venerdì, 23 Gennaio, 2015 - 10:00

Artisti partecipanti

Giuliano Giuggioli

Presso

Caffè Enoteca Betti
Ponteginori - (Montecatini VC – PI)

Comunicato Stampa

Stazioni d’arrivo nei non luoghi della fantasia “concreta”. Evanescenti fabbriche di nuvole oniriche. “Ombre bugiarde”. Labirinti in cui perdersi, per ritrovarsi in antichi percorsi esistenziali, trasformati dalla sedimentazione paziente del tempo.

Approda nelle sale espositive del Caffè Betti a Ponteginori (Montecatini VC – PI), l’ultima ricerca del maestro del surrealismo, e della metafisica dalle suggestioni neo-classiche, Giuliano Giuggioli, autore di dimensioni spazio-temporali trasfigurate dalla forza della fantasia onirica e da profonde rivelazioni analitiche, sull’arcano confine fra individuale ed universale.

Si rinnova l’allestimento introdotto in anteprima nel villaggio industriale di Larderello, nel periodo natalizio dal gallerista Mario Andrei (Galleria Impara L’Arte), nella mostra, presentata dall’artista Renato Frosali,Nuovi percorsi creativi - L’evoluzione del surrealismo di Giuliano Giuggioli”, ora in corso nel locale cult di Ponteginori dal 23 gennaio fino alla fine di marzo 2015.

Intuizioni della tecnica, nella pittura dalle suggestioni scultoree, per un mito dipinto dal fanciullo archetipico che sfronda i suoi stessi spazi e conduce alla semplificazione dei simboli surreali. I “capricci” allegorici sono animati da restitutive e rivelatrici luci lunari e dai colori sempre più accesi, quasi provocatori e stridenti con il contesto grigio ghiaccio sfumato, portavoce di eterne e misteriose memorie.

Una narrazione tracciata in sincronia dalle diverse età vissute dall’Uomo: i balocchi remoti divengono fondamentali chiavi di lettura, testimonianza dell’essere, laddove il pinocchio stanco “impacchettato”, si riflette forse nella bugia più grande: l’ombra provvisoria della vita.

.

“Surrealista mediterraneo” come Alberto Savinio, visionario come il più celebre dei De Chirico,  come Arnold Böcklin, e Lewis Carroll in letteratura, Giuggioli definisce le sue figure antropomorfe con sensualità ed eleganza attuali.

Nativo del borgo di antichissime origini etrusche Vetulonia, in provincia di Grosseto, classe 1951, residente a Follonica, cittadina ubicata direttamente sulle suggestioni del mare, Giuliano Giuggioli si forma secondo  “un iter consueto in altri tempi”: da autodidatta di talento, apprende i segreti di “tutte le tecniche pittoriche e di stampa frequentando assiduamente le botteghe, le stamperie e i cantieri artistici, formandosi una solida cultura generale e soprattutto professionale”. Tele ad olio, sanguigne, tecniche su carta e legno, affreschi, murales, ceramiche, acqueforti, serigrafie e litografie, ne scandiscono la raffinata e spettacolare cifra stilistica.

 

Orario di apertura mostra: tutti i giorni 8-20.

Info: Caffè Betti 0588/37002, e-mail pirimpisnc@hotmail.com; Galleria Impara L’Arte: 329 7374072, marioandrei52@gmail.com, www.imparallarte.it.            

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su ''