"Identità" mostra bi-personale di pittura di M.Digennaro e P.Castiglioni Haigh con presentazione libro sull'identità del movimento

"Identità" mostra bi-personale di pittura di M.Digennaro e P.Castiglioni Haigh con presentazione libro sull'identità del movimento

Titolo

"Identità" mostra bi-personale di pittura di M.Digennaro e P.Castiglioni Haigh con presentazione libro sull'identità del movimento

Inaugura

Mercoledì, 22 Maggio, 2013 - 18:30

A cura di

Massimiliano Bisazza e Maria Teresa Briotti

Artisti partecipanti

Paolo Castiglioni Haigh, Mario Digennaro

Presso

Galleria d'Arte Contemporanea STATUTO13
Via Statuto 13, Milano Brera District, citofono 302, corte interna

Comunicato Stampa

Comunicato Stampa

“Identità”

Mostra bi-personale di pittura di:

Mario Digennaro e Paolo Castiglioni Haigh

A cura di Massimiliano Bisazza e Maria Teresa Briotti

-Opening: 22 Maggio 2013 dalle h 18,30 alle h 21,00
In mostra fino al 4 Giugno 2013 mattino

-Presentazione il 29 maggio dalle h 18,30 del libro :
“Continuamente danza. L’infinito in corpo”
Incontro sul tema della danza e della sua rappresentazione a partire dai percorsi esplorati nel libro. Intervengono l'autrice del libro Michela Bianchi, i curatori della galleria Maria Teresa Briotti e Massimiliano Bisazza.

Presso: Galleria d’Arte Contemporanea Statuto13
Via Statuto, 13 (corte int.) – 20121 Milano

Apertura al pubblico: dalle h 11 alle h 19 dal martedì al sabato

Mario Digennaro

Colori caldi animano il lavoro di natura figurativo – espressionista di Mario Digennaro. I suoi soggetti umani altro non sono che una ricerca del sé e delle relazioni con gli altri. Attraverso i suoi personaggi ritrae se stesso o meglio cerca se stesso nei variegati aspetti della natura umana.
Digennaro pittore si palesa con forza quasi “intonando” un’imposizione verso il fruitore che “obbliga” nell’osservare le sue opere. Pennellate veloci e dense quasi scherniscono chi osserva la tela impastata di colore. Quasi infischiandosene della reazione altrui, Di Gennaro deve comunicare, raccontare storie altrui intraviste in scorci di quotidianità, ma soprattutto storie proprie vissute con afflato ed impulsività.
Le sue sono identità femminili e di persone a lui care che rifrange col suo fare artistico e con il suo personale sentire esattamente così come le vedono i suoi occhi, hic et nunc, esprimendo con generosità le personalissime sensazioni e pulsioni.

Paolo Castiglioni Haigh

Costruisce letteralmente la propria “esperienza artistica” basandosi sia su fattori con profonda valenza di ricerca pittorica che su elementi fortemente autoreferenziali.
La sua pittura è evocativa e spesso struggente, travolgente e intimistica, quella che in gergo artistico noi operatori del settore amiamo definire “una pittura di pancia”.
Curioso ed introspettivo Castiglioni sonda le sensazioni e le reazioni umane abbinate a grande sensibilità e spirito di ricerca volto ad una notevole introiezione degli elementi trattati.
Nelle sue opere del 2011/2012 utilizza la pittura figurativa per “anatomizzare” l’identità affascinante dei danzatori. I corpi ed i movimenti hanno degli incarnati e delle movenze che lasciano pensare a quel Francis Bacon a cui tanto siamo riconoscenti per la lezione espressionistica.
Se poi sommassimo le opere più recenti di Castiglioni alle precedenti noteremmo come al fattore psicologico dei volti disegnati e poi dipinti su cartoncino che ci osservano con quei ghigni trafittivi, si possa aggiungere il fattore dell’identità come “memoria storica” delle proprie origini; quelle armene. Da questa recente argomentazione si dipana tutta la poetica delle opere più recenti (2013) dove ci presenta il proprio mondo secondo la “genesi” delle sue generazioni passate…mai vissute personalmente ma decisamente ri-vissute geneticamente.

Per informazioni:

Cell. +39 3282818449
info@statuto13.it
www.statuto13.it
www.facebook.com/statuto13

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su ''