I.C.O.N.E.D.E.L.L.E V.E.R.D.U.R.E.V.E.R.D.I.

I.C.O.N.E.D.E.L.L.E V.E.R.D.U.R.E.V.E.R.D.I.

Titolo

I.C.O.N.E.D.E.L.L.E V.E.R.D.U.R.E.V.E.R.D.I.

Inaugura

Sabato, 27 Aprile, 2013 - 18:30

A cura di

Davide Mariani

Artisti partecipanti

Peter Trnkus

Presso

Messaggerie Sarde
Viale Italia 28, Sassari

Comunicato Stampa

MESSAGGERIE SARDE

in collaborazione con

Ass. Cult. Nessun Dorma

Presentano

Pieces of Me // Angolo d’artista //
rassegna a cura di Davide Mariani

I.C.O.N.E.D.E.L.L.E.V.E.R.D.U.R.E.V.E.R.D.I.
mostra di Peter Trnkus

27 Aprile – 15 Maggio 2013
Opening: sabato 27 aprile dalle 18:30 alle 20:00 Viale Italia 28, Sassari.
i
Le Messaggerie Sarde in collaborazione con l’associazione culturale Nessun Dorma presentano il secondo appuntamento della rassegna d’arte contemporanea Pieces of Me con l'esposizione della serie “I.C.O.N.E.D.E.L.L.E.V.E.R.D.U.R.E.V.E.R.D.I.” dell'artista Peter Trnkus.

Pieces of Me è un progetto culturale che vede dialogare tre ambiti distinti quali l’arte contemporanea, la moda e il design, al fine di innestare un’interazione tra gli oggetti di design e di moda che caratterizzano il punto vendita delle Messaggerie Sarde e le opere degli artisti che si alterneranno duranti i prossimi mesi.

L’arte e la moda hanno spesso percorso strade parallele fino ad arrivare in diverse occasioni ad incontrarsi generando così risultati validi e interessanti. Questa tendenza è confermata dalla crescente considerazione da parte delle istituzioni museali verso tali contaminazioni; sono innumerevoli infatti le mostre che negli ultimi dieci anni hanno affrontato il rapporto tra arte e moda. D’altra parte questo fenomeno risulta in continuo aumento anche presso le case di moda che sempre più spesso sponsorizzano e ospitano mostre con l’intento di rendere culturalmente più interessanti e prestigiose le loro attività. Questa situazione ha fatto sì che la moda e il design, così come le altre espressioni artistiche, possano essere considerate oggi delle degne componenti del dominio estetico.

La rassegna Pieces of Me nasce con lo scopo di promuovere e diffondere l’arte e la cultura in senso ampio tramite una serie di esposizioni personali, in cui vari artisti presenteranno i loro lavori attraverso delle installazioni pensate appositamente per il punto vendita delle Messaggerie Sarde di Viale Italia. Le mostre che si intervalleranno non sono accomunate da nessun tema se non quello di proporre dei frammenti degli artisti e del loro lavoro (da qui il titolo pieces of me – pezzi di me), che daranno vita ad un dialogo fatto di contaminazioni tra fotografia, scultura, pittura, installazioni e lo spazio ospitante.

Peter Trnkus, nato a Piestany vive e lavora a Sassari. Originario dell’est, attualmente sta ultimando gli studi presso l’Accademia delle Belle Arti di Sassari.

*Ingresso gratuito

orari: lun- sab 10:00 – 13:00 / 17:00 -20:00

Messaggerie Sarde
Viale Italia, 28 07100 Sassari

I.C.O.N.E.D.E.L.L.E.V.E.R.D.U.R.E.V.E.R.D.I.

Il termine icona deriva dalla parola greca “eikon” che significa “immagine, figura” e indica generalmente una raffigurazione sacra dipinta su tavola, prodotta nell’ambito della cultura bizantina e slava [1] . Nel mondo slavo e bizantino la contemplazione delle icone ancora oggi riveste un valore salvifico pari a quello della lettura delle sacre scritture. Una delle funzioni dell’icona è stata soprattutto quella di catechizzare il popolo sui misteri della fede attraverso le immagini. La visione di un’immagine così significativa era infatti più efficace della parola scritta che, soprattutto in età medievale, era fruibile da pochi [2]. Tra gli stilemi fondamentali delle icone ritroviamo il fondo oro e la mancanza di proporzioni .
Il lavoro di Peter Trnkus, in questo senso, risulta un interessante commistione tra classicismo e innovazione: Il fondo d’oro anticato, in linea con la tradizione, costituisce la base del suo lavoro, ma contrariamente alle immagini di santi, che generalmente caratterizzano i soggetti delle icone, rappresenta una serie di verdure verdi, che grazie alla doratura del fondo risultano avvolte da un’aura di sacralità. La precisione con cui realizza i suoi lavori risulta essere un forte richiamo alla tradizione della propria cultura di origine, in cui la disciplina e il rigore sono valori fondamentali. Nelle sue opere emerge il desiderio utopico di un ritorno alla purezza della fase embrionale senza tutte le sovrastrutture e complicazioni della nostra epoca, con i suoi falsi miti e falsi eroi; grazie al fondo oro sposta l’ago della bilancia sacralizzando l’essenza primordiale. Le verdure verdi altro non sono che una categoria chiusa ben definita, in cui emerge un’imposizione che evoca le limitazioni di tipo religioso; una sorta di contemplazione che si manifesta precisa come la scrittura sacra, e che diviene espressione spirituale attraverso la sua reinterpretazione dell’icona classica, dando così vita a una visone divinatoria del tutto personale.

Davide Mariani

[1] L. Uspenskij, V. Losskij, Il senso delle icone, Jaca Book, Milano, 2007, p.21.
[2] Hans Belting, Il culto delle immagini: Storia dell’icona dall’età imperiale al tardo Mediovevo, Carocci, Roma, 2001, p.10.

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su ''