"GLI INCIAMPI NEL PALLADIO" performance in cinque quadri di Michele Manzini

"GLI INCIAMPI NEL PALLADIO" performance in cinque quadri di Michele Manzini

Titolo

"GLI INCIAMPI NEL PALLADIO" performance in cinque quadri di Michele Manzini

Inaugura

Venerdì, 12 Settembre, 2014 - 18:00

Artisti partecipanti

MICHELE MANZINI, artista.Da anni concentra la sua ricerca sul tema del paesaggio contrapponendo all’idea di armonia la realizzazione di figure in grado di proporre l’instabilità ed il conflitto come elementi non risolti. Ha esposto le sue opere in numerose mostre e spazi sia in Italia che all’estero tra cui: l’Istituto Italiano di Cultura a Praga nel 2009, il MAXXI di Roma nel 2009, il SUPEC di Shanghai in occasione dell’Expò del 2010 e alle Biennali di Venezia del 2011 e del 2013. Ha pubblicato diversi testi tra cui nel 2002 “Il paesaggio e il suo mito” Editions de la Villette, Parigi e nel 2011 “Mescolanze”, Edizioni kn-Studio.  Nel 2009 ha vinto il Premio Terna per l’Arte contemporanea.

Presso

Villa Pojana
Via Castello 43, 36026, Poiana Maggiore, Vicenza

Comunicato Stampa

“GLI INCIAMPI NEL PALLADIO"

  performance in cinque quadri di Michele Manzini 

                 Venerdi 12 settembre 2014, Villa Pojana, Pojana Maggiore, Vicenza. Ingresso libero

 

La Fondazione Aldo Morelato, il Museo MAAM in collaborazione con l’Istituto Regionale Ville Venete presentano in anteprima nazionale la performance dell’artista Michele Manzini : “Gli inciampi nel Palladio”. L’evento si svolgerà il 12 settembre 2014 nel contesto di Villa Pojana, opera di Andrea Palladio e monumento eletto a patrimonio dell’UNESCO. La performance si configura come un’opera in cinque quadri con la quale l’artista veronese ripercorre i temi sui quali si è soffermata la sua ricerca negli ultimi anni contrapponendo all’idea di armonia la realizzazione di “figure” in grado di proporre l’instabilità ed il conflitto come elementi non risolti. E le figure, a differenza delle immagini, hanno la capacità di assumere in sé anche il dissonante, l’errore, l’alterità senza dissolverla e senza risolverla. La figura è l’andamento di un’altra modalità del pensiero. Un pensiero che riesce a tenere insieme due “mezze verità”: la massima astrazione del concetto e la grande forza di ciò che invece  è mito, sragione, analogia e immagine. Per la performance Michele Manzini si avvarrà della collaborazione della coreografa e performer Barbara Canal che, tra le sue numerose esperienze, vanta anche diversi anni di collaborazione con Carolyn Carlson.

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 635 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)