Futurismo Celeste. Trenta per Flycat

Futurismo Celeste. Trenta per Flycat

Titolo

Futurismo Celeste. Trenta per Flycat

Inaugura

Mercoledì, 29 Ottobre, 2014 - 19:00

A cura di

Giovanni Manzoni Piazzalunga, Michela Ongaretti

Artisti partecipanti

Flycat

Presso

Spazio Artepassante Repubblica
piazza della Repubblica, milano

Comunicato Stampa

GMP Art presenta, all'interno del progetto Artepassante, inserita nella manifestazione Brerart, e in occasione dell'iniziativa Urban Art – Un immaginario suburbano, un appuntamento artistico nuovo e inaspettato per Milano.
 
Futurismo Celeste
Trenta per FLYCAT 
presso la Galleria Artepassante stazione Repubblica del Passante Ferroviario 
Presentazione alla stampa e performance da mercoledì 22 ottobre 2014 alle ore 10,30 
Allestimento pubblico fino alle ore 18 del  29 ottobre 
Vernissage mercoledì 29 ottobre dalle ore 18,30-finissage 18 novembre ore 18,30
Sound selection LIPPSTICK HOUSE COULTURE, Indy, es, Pablo Ramirez, Dave. 
 
Una mostra-evento per celebrare il trentesimo anno di attività di FLYCAT, e per vedere dal vivo l’esposizione nel suo costruirsi. Uno show che per la prima volta vede lavorare insieme l’artista e i curatori in diverse fasi, per portare la cultura writing con tutta la sua carica d’immediatezza espressiva in un luogo pubblico e in un unico progetto pubblico, formato da performance, allestimento e vernissage.
Si parte da un triplice inizio: da un artista che ha contribuito al formarsi della prima generazione di writers e della odierna cultura hip hop,  da un luogo che è stato teatro dei suoi primi interventi di scrittura dipinta, e da una tela bianca, il  “c’era una volta” di chi crea. 
Ogni giorno scendono verso la metropolitana migliaia di persone, quel giorno sono in tre negli spazi di Artepassante. Attaccano una tela grande come tutta la parete a disposizione. Poi ne rimane uno. E’ armato di markers di ogni colore. Si presenta. Poi inizia a disegnare, scrivere e dipingere su quella tela fino alla chiusura della Metro, come in un palcoscenico sotterraneo.
Una settimana dopo sono di nuovo in tre, il disegnatore mascherato si accinge a tagliare la tela in diversi riquadri, mentre gli altri due preparano una mappa del dipinto su un cartoncino: ogni riquadro ha un suo numero identificativo. Chi vuole può entrare e fare la propria ordinazione: vorrei un B5, ti consiglio un C8, una battaglia navale al mercato del pesce. Ci sono anche poster della neonata opera, con firma autentica dell’autore. La mostra  è  a tutti gli effetti già iniziata da una settimana, anche se non c’è ancora stato un allestimento. Non si chiude e si continua, sempre sotto i riflettori, o i monitor della sorveglianza. Arrivano altre persone, appendono al muro ormai orfano della tela dipinti e lavori grafici, e posizionano sculture. Materiali riciclati, moderni come skateboard o senza tempo come  il marmo di Carrara. Alcune opere sono più anziane dell’età media del pubblico.  Parte la musica e inizia una festa. 
Il supereroe ci presenta anche un workshop attivabile entro le due settimane successive, per illustrare ai bambini le differenti  tecniche e possibilità della nostra epoca di fare arte urbana, in spazi  autorizzati e sicuri.
E’ lui, l’uomo mascherato, FLYCAT, gli altri due sono i curatori Giovanni Manzoni Piazzalunga e Michela Ongaretti, le opere sono tappe della storia dell’Aerosol Culture.
 
 
Michela Ongaretti
mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 528 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)