Francesca Candito "Mania semplice"

Francesca Candito "Mania semplice"

Titolo

Francesca Candito "Mania semplice"

Inaugura

Domenica, 22 Febbraio, 2015 - 16:30

A cura di

Barbara Vincenzi, Murizio Lombi

Artisti partecipanti

Francesca Candito

Presso

Alchimia R&B
Via Borgo dei Leoni 122, Ferrara

Comunicato Stampa

Presso Alchimia R&B in Via Borgo dei Leoni, 122, a Ferrara, il 22 febbraio 2015 sarà inaugurata la mostra di pittura dell'artista Francesca Candito dal titolo “Mania semplice”, a cura di Barbara Vincenzi e Maurizio Lombi, e proseguirà sino al 25 aprile p.v. Lo staff di Alchimia sarà lieto di accogliervi dalle ore 16,30 con la presentazione della critica Barbara Vincenzi, e, intrattenervi in seguito per un aperitivo.

 

 

Info:

Presso Alchimia Room & Breakfast

Via Borgo dei Leoni, 122 Ferrara

Dal 22-02-2015 al 25-04-2015

Tutti i giorni dalle 10,30 alle 19,00

Tel. +39.0532.1864656

Cell. +39.333.8329030

www.alchimiaferrara.it

Email info@alchimiaferrara.it

 

Ingresso libero.

 

Qual è il confine tra ciò che riteniamo normale e ciò che facciamo rientrare nel semplicistico termine non-normale? O, ancora nel più ampio e variegato termine di follia?

Francesca Candito ci conduce attraverso la sua pittura nell’oscuro mondo della malattia mentale, attraverso immagini che evocano lo stato confusionale, il baratro e l’emarginazione in cui troppo spesso alcuni soggetti sono relegati a vivere. “Mania semplice”, titolo della mostra, vuole scandagliare le varie sfaccettature del disturbo mentale, cercando di sfatare i molti pregiudizi associati a questa condizione di segregazione e desolante vuoto.

Le sue opere indagano soggetti toccanti, attraverso corpi e volti definiti con tratto tagliente e spezzato, in una pittura che tende all’essenziale dove la materia si sfalda diventando nebbiosa, lasciando il posto a dettagli ben distinti che caratterizzano i volti dagli occhi penetranti e persi.

Francesca affronta questi temi del disagio, dell’emarginazione e dell’abbandono con determinazione, palesandoli senza timori, cercando un dialogo alla rassegnazione.

La sua tavolozza crea infiniti toni di grigio intervallati da profondi e bui neri da cui emergono cuori straziati e in cui il dramma viene enfatizzato da rapide pennellate rosso scarlatto e da gialli più pallidi, in cui irrompono lettere, frasi, numeri e simboli, quasi a colmare il silenzio angosciante.

Barbara Vincenzi

Storica e critica d'arte

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 479 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)