FRAGILE!? Resti Primari

FRAGILE!? Resti Primari

Titolo

FRAGILE!? Resti Primari

Inaugura

Sabato, 30 Maggio, 2015 - 18:00

Artisti partecipanti

Mimmo Padovano

Presso

Circolo Culturale Eleutheros
Via Colombo 23, Albissola Marina (SV)

Comunicato Stampa

“FRAGILE!? Resti Primari” Mostra personale di Mimmo Padovano

Circolo Culturale Eleutheros  Via Colombo 23 Albissola Marina (SV)

dal 30 maggio al 28 giugno 2015

inaugurazione sabato 30 maggio alle ore 18.00  

Gli elementi principali delle opere sono frammenti di oggetti ( come pezzi di parti meccaniche e di ingranaggi, lastre metalliche, travi, putrelle, ecc.) – estrapolati da un insieme oggettuale che si contraddistingue per le sue caratteristiche di durezza, pesantezza e resistenza; questi elementi sono ora scolpiti o incisi, ora modellati e aggettanti dalla superficie della materia che li ingloba, li contiene o ne fa’emergere qualche porzione.

 Con l’avvertenza FRAGILE!? “l’osservatore è messo in guardia : ciò che ha di fronte non deve trarlo in inganno ma insinuargli il dubbio circa la propria valenza nel mondo della percezione, sensoriale e visiva, permettendogli la scoperta di un significato che sta a metà tra la testimonianza di possibili vissuti e la ricerca di un compromesso tra espressione artistica ed esplorazione tecnica.

Dalle terre “metallifere” di Padovano emergono disadorni oggetti che, decontestualizzati e isolati, si pongono come pure forme, immanenti eppure labili ed opache, frammenti di meccanismi ormai fossilizzati, e degradati al rango di poveri resti, vigorosi echi di vita laboriosa e costruttiva, un vago e – forse - inconsciamente nostalgico riferimento al concetto di utilitas e concretezza , che ha oggi perso la sua centralità, rimpiazzata dalla evanescenza della non-materia virtuale.

La compresenza di superfici scabre, non-finito in divenire, di lamine levigate e specchianti, di rotelle e putrelle arrugginite, ingranaggi spezzati  determinano un immediato impatto sensoriale che solo successivamente, e lentamente , si trasforma in reazione emozionale e razionale allo stesso tempo: la pesantezza della pietra si rivela morbida epifania di pigmento pittorico oppure, viceversa, certe magmatiche fluidità svelano durezze impreviste e prepotenti, resosi vano il tentativo di soffocarne la forza”(Patrizia Sommella)

Tutte le opere ( che potremmo definire come una sorta di bassorilievi pittorici ) sono caratterizzate dalla forte materialità pittorica, dalla resa plastica e dalla simulazione dei materiali. Le superfici pittoriche si presentano come pezzi di terra, di mura, di roccia calcarea: fogli di pietra sui quali sono appuntati i segni, le tracce, le impronte del nostro passaggio, del nostro agire, del nostro pensiero.

Nota biografica

Mimmo Padovano nasce a Pagani (SA) nel 1968, dopo la maturità artistica ha completato gli studi presso l'Accademia di belle arti di Napoli, corso di pittura; in seguito si è laureato in Sociologia, area dei fenomeni culturali e comunicativi. Ha partecipato a moltissime esposizioni, premi e concorsi in diverse città riscuotendo grandi consensi di critica e di pubblico. Vive e lavora a Genova

Info: 320 2636502    agober_1951@libero.it

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su ''