Fossili metropolitani

Fossili metropolitani

Titolo

Fossili metropolitani

Inaugura

Domenica, 18 Settembre, 2016 - 11:00

A cura di

Gerardo Vangone

Artisti partecipanti

Gerardo Vangone

Presso

Vivai Vesuviani
via vecchia Sarno 10, Ottaviano (NA)

Comunicato Stampa

GERARDO VANGONE

Fossili Metropolitani

 

Vivai Vesuviani

via vecchia Sarno,10

Ottaviano (NA)

 

Vernissage 18 settembre 2016 ore 11,00

 

Comunicato stampa

 

Nella suggestiva cornice dei Vivai Vesuviani s’inaugura, domenica 18 settembre alle ore 11,00, l’esposizione Fossili metropolitani dell’artista Gerardo Vangone. L’iniziativa, dedicata all’arte contemporanea con installazioni “site specific”, nasce in un’ottica di sempre maggiore integrazione tra cultura, storia, natura e innovazione.

“La mutazione come fenomeno genetico – afferma Vangone -  costituisce  il comune denominatore tra l’uomo e la natura. Il primo come specie dominante o che tende a dominare. La seconda come sistema eternamente in movimento.

La convivenza genera attrito-modificazioni che stanno conducendo alla catastrofe e a un punto di non ritorno. E quindi queste installazioni in sito nascono dall’esigenza di mostrare l’accostamento tra questi due mondi. Le sculture,  tutte realizzate con rifiuti urbani,  costituiscono un pretesto. La provocazione, attraverso la bellezza delle opere, fa saltar fuori i desideri, le anomalie, le contraddizioni  di un sistema prevalentemente distruttivo. La scelta del luogo non capita a caso, i Vivai Vesuviani sono, per la loro grandezza, il luogo ideale per questo  confronto. Qui c’è una forza magnetica tangibile, quella del vulcano e delle piante, molte delle quali secolari e prorompenti in maniera disarmante, quasi da luogo primordiale. L’accostamento dei due mondi induce a riflessioni di tipo filosofico sull’uomo e la sua esistenza lasciandoci delle domande a cui è difficile dare risposta.  

L’essere umano è ormai una scheggia impazzita di questo sistema che è la natura? Lasceremo su questa terra solo fossili? Oppure un’altra vita è ancora possibile?”

Il formarsi delle sculture di Vangone è imprevedibile, un’estrema inafferrabilità dell’immagine del tempo, una sorta di stratificazione di memorie, dove passato, presente e futuro s’innervano e si controvertono. Il gesto dell’arte fa spazio con-fondendo la cronologia e in esso rimbalza l’urto del tempo irraggiungibile dei miti. Vangone propone una riconnessione con il trasformarsi delle cose nella quale risuona l’ibridazione dello spazio umano come destino apocalittico del mondo.

Alla pendici  del Vesuvio,  ove  storia,  cultura, tradizioni e miti si  fondono con  la passione del suo popolo, nasce a Ottaviano (Na), il più bell’ esempio di valorizzazione del territorio: i “Vivai Vesuviani,  in cui l’utilizzo della risorsa madre, “la terra”, anziché  rappresentare  un ulteriore carico urbanistico e sfruttare  le poche aree periurbane, rappresenta oggi, per l’intero territorio vesuviano e non solo,  un elemento di vanto e di sviluppo ecosostenibile.

All’inizio del nuovo millennio, i due fratelli Ambrosio, Nicola e Michele, animati dalla passione familiare, trasmessa dalla madre, decidono di trasformare il loro sogno vissuto fino ad allora come fioristi, nella più  incantevole e nobile attività della coltivazione, dell’allevamento e cura di piante uniche,  “esemplari”, realizzando in poco più di 15 anni il più organizzato e ricco  vivaio ornamentale, che nel caso di specie  definirlo “vivaio”, rappresenta sicuramente una "diminutio”. Oggi  i Vivai Vesuviani assommano una superfice di più di 100.000 mq,, dove è facile perdersi tra viali incantevoli di ulivi millenari, di mirti centenari, di carrubi, querce, sugheri, palme,  yucche e altre bellissime piante,  migliaia di esemplari, ove ognuno di essi racconta la propria storia e i luoghi di origine, riproducendo ambienti e paesaggi unici e incantevoli.

Il viaggio nel più grande orto botanico del centro sud avviene con macchine elettriche attraverso percorsi tematici ben definiti, si passa tra un connubio di emozioni e stupore tra piante tipiche dell’ambiente mediterraneo ad ambienti esotici e hawaiani, a scorci desertici messicani e angoli zen tipici dei più bei giardini in stile giapponese, il tutto sempre con una classificazione di tipo dentritico, delle diverse essenze incontrate, con una classificazione binomiale linneana, in modo da  rendere il percorso non solo piacevole ma anche formativo-didattico.

 

 

Ufficio stampa EvArt Comunicazione di Giovanna dell’Isola tel. 3393017395 – jodellisola@gmail.com  

Orario mostra: aperta tutti i giorni ore 9,00–-20,00 Ingresso gratuito

Info: Gerardo Vangone tel. 3384656904

 

 

 

GERARDO VANGONE

TORRE ANNUNZIATA (NA) 1956

 

Nella seconda metà degli anni settanta frequenta il corso di Scenografia e Storia dell’Arte tenuto da Toti Scialoja ed Alberto Boatto, presso l’Accademia delle Belle Arti di Roma, diplomandosi nel 1980.

Una rilettura del “Futurismo” lo porta a rappresentazioni legate al dinamismo pittorico di questo movimento storico realizzando sculture e pitture ispirate in modo particolare allo spazio metropolitano, alle sue apparenze istantanee e simultanee.

Espone in numerose personali e collettive. Tra le tante ricordiamo:

1984 XI EXPO ARTE, Bari;

1986 L’OFFICINA DI SCAFATI

“PREMIO CAMPIGNA”, Forlì;

1989 “LA PROVINCIA E L’IMPERO”, Orvieto (Tr);

2005 “COLLEZIONE PERMANENTE” MUSEO FRAC, Baronissi (Sa);

2011 “METROPOLIS” MUSEO VILLA RUFOLO, Ravello;

2012 “PARALLELI E CONTRAPPOSTI” REAL POLVERIFICIO BORBONICO, Scafati (Sa);

2014 “REWIND” ARTE A NAPOLI 1980-1990 CASTEL SANT’ELMO (Na).

 

BIBLIOGRAFIA

1994 ENRICO CRISPOLTI “LE ULTIME RICERCHE” IN “LA PITTURA IN ITALIA, IL NOVECENTO 3. ELECTA MILANO;

1993 MASSIMO BIGNARDI “NAPOLI E IL MERIDIONE” IN “LA PITTURA IN ITALIA”, IL NOVECENTO 2. ELECTA MILANO;

2003 MASSIMO BIGNARDI “LA PITTURA CONTEMPORANEA IN ITALIA MERIDIONALE 1945-1990”. ELECTA NAPOLI.

Inoltre hanno scritto:

Enrico Crisipolti, Franco Cipriano, Enzo Battarra, Adelaide Trabucco, Marco Alfano, Vitaliano Corbi, Manuela Crescentini, Pasquale Ruocco, Luigi Paolo Finizio, Raffaella Barbato, Ada Patrizia Fiorillo.

Dagli anni ottanta Gerardo Vangone si interessa contemporaneamente di interiore design con progetti legati a spazi commerciali e case private.

 

 

 

 

 

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 492 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)