Florencia Martinez - Hay restos de amapolas

Florencia Martinez - Hay restos de amapolas

Titolo

Florencia Martinez - Hay restos de amapolas

Inaugura

Martedì, 23 Giugno, 2015 - 18:00

A cura di

Fabio Carnaghi

Artisti partecipanti

Florencia Martinez

Presso

Galleria Francesco Zanuso
Corso di Porta Vigentina 26, Milano

Comunicato Stampa

Hay restos de amapolas è un racconto per immagini che in un progetto specifico raccoglie le esperienze di vita dei Cartoneros, vicenda emblematica per l’Argentina contemporanea. I carritos, a cui l’artista si è ispirata, carichi di scorie della società industriale assumono il valore aggiunto dell’opportunità pesante e alleviante nel contempo: la prospettiva del raccolto abbondante testimoniata dalla scelta di carretti agricoli di legno, ma anche le strutture di tessuto esausto che divengono intrichi problematici come insostenibilità di una condizione.  Il bianco di rasi e tessuti preziosi crea oggetti surrealisti che dialogano inevitabilmente con la storia, nell’allusione al Tren Blanco, simbolo di misero conforto di un’intera stagione di viaggi dal Conurbano di Buenos Aires.
Il progetto esplora i meandri di questa antropologia culturale che per contrasto abbina il decoro con la funzione, proprio come gli abitanti delle bidonville decorano le loro case costruite con i rifiuti del mondo industriale, rievocando quella pratica che in tutte le epoche nell’architettura rurale ha fatto ricorso ai materiali d’ingombro per l’agricoltore, come paglia, argilla, pietre e legno.
Florencia Martinez si cala totalmente nella realtà contrastante del rifiuto come chance di vita ma anche come diniego disincantato, rigenerando le sue potenzialità di esistenza e offrendo una nuova vita allo scarto di norma emarginato e abbandonato dalla società globale.
La mostra si inserisce nella rassegna d’arte contemporanea Biodiversity promossa da Ark Cultural Property and Contemporary per Expo in Città, con il patrocinio del Consolato Generale della Repubblica Argentina.

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su 'Fabio Carnaghi'