FAbio Pulsinelli | Sereno Variabile | possibili tentativi salvifici e piccole certezze sul domani

FAbio Pulsinelli | Sereno Variabile | possibili tentativi salvifici e piccole certezze sul domani

Titolo

FAbio Pulsinelli | Sereno Variabile | possibili tentativi salvifici e piccole certezze sul domani

Inaugura

Venerdì, 23 Gennaio, 2015 - 18:30

Artisti partecipanti

Fabio Pulsinelli

Presso

Fine Art Gallery
piazza di Pietra, 28, Roma

Comunicato Stampa

Testo critico a cura di Fabio Pulsinelli e Goffredo Bartocci

 

28 Piazza di Pietra presenta dal 23 gennaio al 28 febbraio 2015 Sereno Variabile | possibili tentativi salvifici e piccole certezze sul domani, una personale di Fabio Pulsinelli.

A partire da una forte fascinazione verso il quotidiano, verso i comportamenti delle persone comuni, i sogni, i ricordi, le paure, anche quelle piccole, l’artista analizza la vita quotidiana e le modalità attraverso le quali la cultura arriva a modificare la nostra psiche. 

Il contrastato rapporto fra razionalità e mondo onirico viene risolto e rappresentato attraverso  la  coesistenza di una fantasia realisticamente orientata ed il mezzo artistico, utilizzato come grimaldello per incidere sulla blindatura culturale del XXI Secolo. Recentemente il sinergismo tra varie scienze umane tra cui psicanalisi e l’emergente psichiatria transculturale ha facilitato il connubio tra arte e scienza che è diventato così il modo più incisivo per intervenire su quelle innumerevoli tradizioni, riti, modi di dire ed usanze che difficilmente possono essere superate.

 

Il lavoro di Fabio Pulsinelli è il frutto di una durevole osservazione delle silenziose attività di tutti i giorni; è il prodotto di un interesse rivolto alla necessità umana di affidarsi a specifiche ed improbabili credenze, ad oggetti particolari e specifici cui delegare l’incessante bisogno di sentirsi protetti e psicologicamente più stabili. È in tali contesti, infatti, che ci si affida ad entità superiori, arrivando a credere di essere individui anziché consumatori. La ricerca dell’artista tende, quindi, verso quegli spazi personali ed inter-personali che il marketing e le sue strategie non possono o perlomeno non dovrebbero raggiungere. 

Tutto questo viene raccontato attraverso le opere stravolgendo sottilmente il vivere e l’agire quotidiano, portandoli dallo stato ordinario a quello straordinario e viceversa, utilizzando i mezzi più semplici dell’immaginazione umana.

 

L’artista cerca di descrivere i mutamenti dei modi di affrontare le difficoltà del quotidiano da parte dell’uomo. Attraverso i suoi lavori, infatti, vi è un tentativo di raccontare l’adeguarsi del lato più indifeso dell’essere umano alla continua ed incessante evoluzione della società e dei suoi linguaggi.

 

Le opere esposte regalano possibili certezze sul domani, offrono facili e concrete soluzioni ai piccoli grandi problemi esistenziali in un clima di serenità variabile; parlano dell’uomo comune attraverso un linguaggio sintetico e organizzato (come ad esempio fanno i kit) rendendo evidenti i paradossi di oggi ed invitando l’osservatore a fare un salto da qualcosa di conosciuto a qualcosa di poco esplicito.

 

I lavori di Fabio Pulsinelli vogliono mostrare, far vedere, spingere ad impattare le innumerevoli realtà che orchestrano la cultura dell’occidente. Il problema non è tanto, o solo, trovare i punti di inciampo della nostra cultura ma riuscire ad evidenziarli, con i mezzi a nostra disposizione. 

L’artista propone quindi le proprie creazioni, più che come delle opere finite e risolutive, come “possibili tentativi, forse salvifici forse no”, dei percorsi di concretezza resi onirici e sfumati dall’immaginazione.

 
mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 521 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)