EXODUS

EXODUS

Titolo

EXODUS

Inaugura

Martedì, 12 Marzo, 2013 - 19:00

A cura di

Emanuela Termine

Artisti partecipanti

Sara Basta, Elena Bellantoni, Laura Cionci, Mariana Ferratto, Dunia Mauro

Presso

Sala 1 centro internazionale d'arte contemporanea

Comunicato Stampa

SALA1 Centro internazionale d’arte contemporanea
Piazza di Porta S. Giovanni, 10 - 00185 Roma | Tel. 06 7008691 - www.salauno.com - salauno@salauno.com

exodus

con
Sara Basta, Elena Bellantoni, Laura Cionci, Mariana Ferratto, Dunia Mauro

a cura di
Emanuela Termine

Piazza di Porta S. Giovanni, 10 Roma

inaugurazione
martedì 12 marzo 2013 ore 18.30

fino al 13 aprile 2013
dal martedì al sabato dalle 16.30 alle 19.30

Dal 12 marzo al 13 aprile 2013 Sala 1 ospita la mostra collettiva Exodus, con Sara Basta, Elena Bellantoni, Laura
Cionci, Mariana Ferratto, Dunia Mauro, a cura di Emanuela Termine.
La condizione moderna dell’esistenza è sempre più profondamente legata a esperienze che hanno a che fare con i
concetti di esodo, nomadismo, esilio, diaspora. In Italia questi fenomeni riguardano soprattutto le ultime
generazioni, spinte dalla disoccupazione e dalla crisi economica e culturale a cercare di realizzare il proprio futuro
all’estero.
L’artista partecipa di questa condizione. Storicamente legato a una condizione di vita nomade, che lo porta di
volta in volta a seguire le rotte delle commissioni, del mercato o del sistema espositivo internazionale, vive e
lavora con l’universo della cultura che per sua natura è soggetto a migrazioni e contaminazioni. Oggi si
moltiplicano le occasioni di esperienze all’estero, con borse di studio e programmi di residenza sempre più diffusi.
Tuttavia, a causa della difficoltà a trovare accoglienza presso le istituzioni culturali, molto spesso gli artisti italiani
emigrano facendo affidamento solo sulle proprie forze. Tra desiderio di confronto ed esigenza di andare via, il
nomadismo culturale assume così diversi connotati e sfumature, dal viaggio di formazione all’emigrazione, alla
fuga e talvolta all’esilio, cui corrisponde una condizione che può assomigliare a quella dell’asilo politico.

Nate fra il 1975 e il 1980, le cinque artiste sono accomunate dal fatto di aver vissuto e lavorato all’estero per
lunghi periodi. Invitate a riflettere sul tema, raccontando il proprio punto di vista e la propria esperienza
personale, hanno posto l’accento su alcuni aspetti:

La condizione di nomadismo è di per sé necessaria al lavoro di ogni artista, indispensabile per completare la
propria formazione e definire la propria ricerca a confronto con stimoli e orizzonti più ampi.
Ciascuna esperienza di vita all’estero passa attraverso un lento processo di metabolizzazione di una cultura altra,
cui si accompagna una condizione di spaesamento culturale e linguistico, ma anche di spaesamento ambientale e
spaziale (le relazioni e i confini con l’altro-da-sé vengono continuamente rinegoziati e ridefiniti).
Qualsiasi forma di esodo include prima o poi il trauma del ritorno a una condizione che non corrisponde mai a
quella di partenza. Come un moderno Ulisse, l’artista segue l’istinto per il viaggio e per ciò che è lontano finché il
desiderio e il bisogno di tornare non lo portano a fare i conti con la propria condizione originaria e con le disparità
culturali, sociali, economiche.

Ognuna delle artiste ha scelto un lavoro che interpreta il tema dell’esodo in chiave di confronto, identità, viaggio,
famiglia.

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 512 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)