Estados indefinidos para una existencia

Estados indefinidos para una existencia

Titolo

Estados indefinidos para una existencia

Inaugura

Sabato, 18 Maggio, 2013 - 11:00

A cura di

Antonio Arévalo

Artisti partecipanti

Pablo Rubio

Presso

Tenuta Dello Scompiglio - Spazio Performatico ed Espositivo
via di Vorno 67, Lucca

Comunicato Stampa

Prosegue l’attività espositiva nella Tenuta Dello Scompiglio di Vorno (Lucca): dopo l’installazione site-specific “Spazio #06” dell’artista romano Gian Maria Tosatti, a cura di Angel Moya Garcia, e “Incontri”, collettiva di otto giovani artisti legati al territorio toscano curata da Lorenzo Bruni, sabato 18 maggio alle ore 11.00 si inaugura la mostra “Estados indefinidos para una existencia” dell'artista spagnolo Pablo Rubio (Córdoba, 1974) curata da Antonio Arévalo.

“La mostra ‘Estados indefinidos para una existencia’ – dichiara il curatore Antonio Arévalo – è una grande installazione in cui Pablo Rubio crea nuovi spazi dell’immagine attraverso le diverse trame come in una parafrasi, un’accumulazione o un carrousel. L’artista rappresenta la memoria di coloro che hanno lasciato un segno del loro passaggio nel mondo attraverso leggere tracce sbiadite, ombre illusorie, luoghi sotterranei e ritratti anonimi; utilizza le cose a loro appartenute, come lettere, vestiti, chiavi e oggetti, in una grande installazione per la creazione di un ‘quasi trattato’ sugli ‘Stati indefiniti per un’esistenza’.
Un lavoro intimista che mira a costruire uno spazio sacro, individuale e collettivo, un non-luogo mentale e simbolico, che ha bisogno di sguardi che lo abitino, lo occupino fino a farlo riapparire, una sorta di palinsesto (da pálin psestòs, ‘raschiato di nuovo’, riferito all'uso di raschiare via le vecchie scritture dai papiri prima di riutilizzarli), che rivive attraverso tracce e brandelli di memoria.
Frammenti legati alla vita della casa che fu, le cui porte compongono una soglia chiusa da mura di oblio, soglia che è sia separazione sia possibilità di un’alleanza di unione, di riconciliazione.
Pablo Rubio ha bisogno di fare domande incerte sul tempo. Ci parla di un luogo per il quale siamo stati scelti e in cui il nostro sguardo deve divenire profondo, un rifugio dall’assenza e dal dolore, il luogo della speranza e l’infanzia recuperata, un luogo in cui convivono gli interrogativi e gli istanti segreti, le memorie e le architetture ingarbugliate. L’artista tenta di ordinare il caos, perché le nostre voci di viventi sono spesso assordanti, devianti…Troppe. Perché quello che si vuole abitare non è un corpo nuovo, ed è necessario entrarvi in silenzio, per dare modo agli oggetti e alle parole sospese di creare nuove geografie, altri luoghi, mappe e radici sconosciute.
La non luce si fa densa e la penombra precipita verso di noi, le carte e le tavole che aspettano sotto, scarsamente illuminate, affogano e diventano stalagmite, colonne in cerca di un cielo, che non è altro che superficie. Le pagine che trattengono i ricordi e conformano la memoria collettiva si svincolano dal corpo della storia, sono precipitate irrimediabilmente verso il pavimento.
Perché, come ha detto Guillén, ‘la cosa più profonda è l’aria’”.

L’autore ha partecipato, inoltre, alla collettiva “Il Cimitero della Memoria”, a cura di Angel Moya Garcia, che è visibile negli spazi esterni della Tenuta ed è parte integrante della performance “Riflessi in Bianco e Nero”, di Cecilia Bertoni.
L’esposizione è aperta al pubblico fino al 28 luglio dal giovedì alla domenica dalle ore 14.00 alle ore 18.00 oppure su appuntamento. Nei giorni di apertura serale dalle ore 14.00 fino a mezz’ora dopo il termine degli spettacoli.

Pablo Rubio (Córdoba, 1974) ha partecipato ai progetti: “Discipulos”, CLANG, Scicli (RG); “Anatomia vertical y un autorretrato sirio”; “Radiografias para una manana”; “Quadrato Nomade” Palazzo delle Esposizioni, Roma; “L’identità frammentata”, Galería WOA (Lisboa-Estoril), Gallería Ingresso Pericoloso, Roma; Estampa 19º Feria Internacional de Arte Múltiple Contemporáneo, Madrid; “The Wall (archives) #3”, Bologna; “La Insoportable Levedad De La Vida”, Espacio Rojo, Córdoba.

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 453 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)