"Double Face" di Gabriela Butti e Annalisa Fulvi, a cura di Stefano Bianchi

"Double Face" di Gabriela Butti e Annalisa Fulvi, a cura di Stefano Bianchi

Titolo

"Double Face" di Gabriela Butti e Annalisa Fulvi, a cura di Stefano Bianchi

Inaugura

Martedì, 8 Ottobre, 2013 - 18:00

A cura di

Stefano Bianchi

Artisti partecipanti

Gabriela Butti (Como,1985), si è laureata in decorazione all'Accademia di Belle Arti di Brera. Nel 2008 partecipa alla collettiva “Prefigurazioni metaprogettuali” organizzata dall’ateneo di Brera. Nel 2009 interviene al Premio Arte Contemporanea “Maggio Fiorito” a Rocca di Cento (Ferrara) e alla collettiva “L’Universo Dentro” nata dalla collaborazione tra l’Accademia di Brera e l’Osservatorio Astronomico di Milano. Nel 2012 si aggiudica il Premio Ghiggini, grazie al quale realizza la sua prima mostra personale "La membrana del tempo". L’artista si divide tra soggiorni all’estero e partecipazioni a concorsi (finalista Premio Patrizia Barlettani Next Generation 2011 e Premio Artgallery 2013) , mostre e collettive  d’arte contemporanea, che indirizzano la ricerca personale verso la sperimentazione video sia analogica che digitale, frapponendo tra sè e il mondo membrane di significati sviscerate dalla tessitura sacrificale su carta e dalla composizione di circuiti elettrici sempre più efficienti ed autonomi.

Annalisa Fulvi (Milano 1986), si é laureata in pittura all'Accademia di Belle arti di Brera. Nel 2011 vince il premio di pittura indetto dalla Fondazione Paolina Brugnatelli di Milano e il premio Ghiggini di Varese attraverso il quale realizza nello stesso anno la sua prima mostra personale dal titolo 'Architetture nomadi'. Nel 2012 é finalista al premio Lissone e partecipa ad una residenza d'artista in Turchia presso Casa dell'arte a Bodrum, con cui continua a collaborare. Nel suo curriculum mostre collettive e personali anche in importanti sedi istituzionali come Palazzo Lombardia a Milano e Palazzo Verbania a Luino. Nel suo lavoro utilizza principalmente colori acrilici su tela attraverso l'accostamento di immagini e forme che l'ambiente urbano le suggerisce; si tratta di un evoluzione costantemente in atto nello studio dello spazio attraverso il gesto, le sovrapposizioni cromatiche e le trasparenze. Il segno si fa così portatore di rigore nella costruzione spaziale, che ponendosi in chiave critica della contemporaneità, suggerisce il desiderio universale di armonia, equilibrio e stabilità.

Presso

Ponti x l’Arte Studio Dr. Guido delli Ponti
via Luigi Vitali 1, angolo Piazza Duse, Milano

Comunicato Stampa

 

 

La nuova stagione espositiva di Ponti x l’Arte inizia con la mostra di due giovani talenti al femminile, Gabriela Butti e Annalisa Fulvi, vincitrici del Premio Ghiggini Arte Giovani di Varese ed entrambe laureate all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.

 

Gabriela Butti (Como,1985), partecipa nel 2008 alla collettiva “Prefigurazioni metaprogettuali” organizzata dall’ateneo di Brera. Nel 2009 interviene al Premio Arte Contemporanea “Maggio Fiorito” a Rocca di Cento (Ferrara) e alla collettiva “L’Universo Dentro” nata dalla collaborazione tra l’Accademia di Brera e l’Osservatorio Astronomico di Milano. Nel 2012 si aggiudica il Premio Ghiggini. Incide meticolosamente immagini, retroilluminandole con leds.

 

Annalisa Fulvi (Milano, 1986) si è laureata in pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera. Nel 2011 vince la decima edizione del premio Ghiggini e nel 2012 è  finalista al Premio Lissone. Nel suo curriculum, mostre collettive e personali anche in importanti sedi istituzionali come Palazzo Lombardia (Milano) e Palazzo Verbania (Luino). Utilizza principalmente colori acrilici su tela.

 

Questione di pelle. Questione di superfici. Pelle e superfici, accomunano le azioni artistiche di Gabriela Butti e Annalisa Fulvi. Azioni che partono, per entrambe, da scatti fotografici. Gabriela, infatti, cattura immagini di volti e di corpi. Coglie con minuziosità da fotogrammi cinematografici, conversazioni via Skype e incontri su Facebook l’attimo fuggente, l’essenza vitale. Poi, innescando un fitto dialogo tra reale e virtuale, incide nella carta un’infinità di piccoli fori riproducendo quegli stessi volti e quegli stessi corpi. Ne fa pelle traforata, rugosa e tattile, che alimentandosi di raggi luminosi contrapposti al buio ha possibilità di vivere, respirare, rendersi visibile. Retroilluminate con leds, queste intime spettacolarizzazioni dell’anima sgranano figure che si specchiano, o si rifrangono sul vetro d’una finestra, in attesa di una presa di coscienza. Osservando in dettaglio queste presenze quasi ectoplasmatiche, capaci di stagliarsi nell’oscurità come costellazioni, si ha la certezza di poterne scandagliare ogni risvolto psicologico, i dubbi irrisolti, le certezze acquisite, il conscio e l’inconscio. Annalisa, invece, fotografa cantieri. Si impossessa, cioè, dei “lavori in corso” per svelarci la pelle urbana che rapidamente si muove e si trasforma demolendo il passato per poi ricostruirsi; occupando nuovi spazi, per potersi rigenerare. Ogni scatto fotografico è l’”incipit” di una libera pittura architettonica dove edifici, impalcature, nuclei abitativi si allineano, affiancano, sovrappongono declinando superfici, forme geometriche, metamorfosi, equilibri, squilibri, vulnerabilità. Ogni quadro (sia della serie dipinta a Torba, il villaggio di pescatori turco che sta vivendo un massiccio “restyling” turistico-edilizio; sia di Puzzle City, che ritrae le possenti verticalità di Milano), è una messinscena che ingloba con impeccabile senso estetico inusuali prospettive, sperimentazioni astratte, pennellate gestuali, fluorescenti colori mutuati dalla Pop Art, motivi grafici dall’impatto Optical.         Stefano Bianchi

                                                                                        

   Ponti x l’Arte è ideato e realizzato con la consulenza di Eleonora Tarantino (giornalista e consulente d’arte contemporanea) e Stefano Bianchi (giornalista e critico d’arte). Si tratta di una serie di  appuntamenti culturali riservati a chi desidera conoscere e collezionare l’arte emergente e non: in una location inconsueta, nei momenti più imprevisti. Le mostre seguiranno lo scorrere delle stagioni, la percezione muterà coi ritmi della natura e l’occhio critico potrà catturare l’essenza delle opere proposte

 

GABRIELA BUTTI e ANNALISA FULVI

Double Face

a cura di Stefano Bianchi

Dal’ 8 Ottobre al 16 Novembre 2013

Inaugurazione: martedì 8 Ottobre dalle 18 alle 20

 

Ponti x l’Arte

Studio Dr. Guido delli Ponti

via Luigi Vitali 1, angolo Piazza Duse, Milano,

tel. 02798500

da lunedì a venerdì, dalle 10.30 alle 18.30

(escluso mercoledì)

Ingresso libero

http://pontixarte.myblog.it/

 

Per informazioni:

Press&Media  Eleonora Tarantino 

mob. 3356926106 - pressmedia@coolmag.it

 

 

 

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 724 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)