Domenick Di Pietrantonio. Looming Extinction

Domenick Di Pietrantonio. Looming Extinction

Titolo

Domenick Di Pietrantonio. Looming Extinction

Inaugura

Sabato, 22 Febbraio, 2014 - 17:00

Artisti partecipanti

Domenick Di Pietrantonio

Presso

Galleria Magenta Nuova Dimensione
Via Roma 69, Magenta (MI)

Comunicato Stampa

Galleria Magenta Nuova Dimensione è lieta di presentare “Looming Extinction”, una nuova installazione artistica di Domenick Di Pietrantonio (New York, 1978).

Looming Extinction” prende vita dalla grande tela “Rhinoceros Reminiscence” realizzata nel 2012 da Domenick Di Pietrantonio e raffigurante una lotta immaginaria tra due animali: l’Unicorno e il Rinoceronte. Il paesaggio visionario su cui si svolge il duello, è volutamente interpretato dall’artista come un luogo leggendario. Dal terreno brullo e quasi desertico “fiorisce” un corno, composto da piccoli tasselli di resina colorata, inserita dall’artista per creare una contrapposizione tra l’elemento artificiale e la grezza naturalità del supporto in lino e per donare un effetto di preziosità al corno stesso, il vero oggetto conteso, risaltato anche dalle luci che, filtrando attraverso la resina, contribuiscono a creare un gioco cromatico e scenografico nello spazio circostante.

I due animali non sono scelti casualmente, ma sono posti in relazione dal fatto di possedere un unico corno: già Marco Polo, nei suoi diari asiatici, li assimilava per questa caratteristica, tanto da sovrapporli. Nell’installazione di Domenick Di Pietrantonio, il legame si fa ancora più stretto, perché i due animali, in una prospettiva immaginaria, potrebbero essere accomunati anche dallo stesso destino: quello di passare alla storia come un ricordo mitologico, una presenza leggendaria. Il corno, oggetto dal valore magico e fantastico per l’unicorno, rappresenta oggi per il rinoceronte della specie Javan una fonte di reale pericolo: la posta in gioco è l’estinzione. Infatti, in un tempo non così lontano, i soli 40 esemplari Javan rimasti sulla Terra probabilmente scompariranno per mano dell’uomo, per motivi puramente e tristemente economici, in quanto il corno del rinoceronte vale molto più del suo peso in oro.

Vittima della scellerata società odierna - che troppo spesso e volentieri si oppone alla natura - il rinoceronte diventa nell’installazione di Di Pietrantonio un “nuovo” unicorno. Le due figure, infatti, si sovrappongono, fino a coincidere. Nel telaio (in inglese Loom, termine presente anche nel titolo dell’installazione, sottoforma di un gioco di parole creato dall’artista), lunghi fili colorati vanno simbolicamente a ricomporre un arazzo fiammingo del ciclo “The Unicorn Tapestries”, databile alla fine del ‘400. Al posto dell’animale mitologico, l’artista sostituisce il rinoceronte che, in cattività nel recinto, sembra sia in attesa di soccombere al tragico destino che l’uomo, nella sua miopia materialistica, gli ha riservato.

La simbologia di questa installazione si compone di diversi elementi che creano un effetto di sospensione: i fili, tirati sul telaio, sono in una fase di lavorazione ancora incompiuta e le forme geometriche dorate poste sul fondo controbilanciano il peso del filato. Tutto però è in bilico, in una situazione precaria che oscilla tra l’insita forza che la natura ha di ordire le trame della vita e l’arroganza propria di certi atteggiamenti contemporanei che invece tendono a contrastarla. Infine, le foglie di melograno – simbolo per eccellenza di prosperità – dalla pianta riprodotta sull’arazzo vengono realizzate in resina dall’artista, invadendo tutto l’ambiente circostante e inducendo lo spettatore a riflettere su come sarebbe il mondo se la natura dovesse perdere la sua spontanea fertilità.

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 604 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)