Difference and Repetition

Difference and Repetition

Titolo

Difference and Repetition

Inaugura

Sabato, 12 Marzo, 2016 - 19:00

A cura di

Like A Little Disaster

Artisti partecipanti

Lia Cecchin, Kitty Clark, Andrew Gillespie, Zeinab Haji, Emily Jones, Isamit Morales, Imran Perretta, Caterina Rossato, Francesco Sollazzo, Rashid Uri, Simone Zaccagnini.

Presso

Foothold
Via Cavour, 68, Polignano a Mare

Comunicato Stampa

DIFFERENCE AND REPETITION
Lia Cecchin, Kitty Clark, Andrew Gillespie, Zeinab Haji, Emily Jones, Isamit Morales, Imran Perretta, Caterina Rossato, Francesco Sollazzo, Rashid Uri, Simone Zaccagnini.

A cura di Like A Little Disaster.

Inaugurazione Sabato 12 Marzo. 7-12 PM

Il progetto nomade Like A Little Disaster farà sosta a Polignano a Mare con Foothold, un nuovo project space dedicato alle sperimentazioni contemporanee. Lo spazio aprirà al pubblico Sabato 12 Marzo con “Difference and Repetition”, una mostra collettiva che coinvolgerà le opere di Lia Cecchin, Kitty Clark, Andrew Gillespie, Zeinab Haji, Emily Jones, Isamit Morales, Imran Perretta, Caterina Rossato, Francesco Sollazzo, Rashid Uri, Simone Zaccagnini.

Difference and Repetition tenta di creare una rete di connessioni tra le ricerche di una squadra di artisti che, attraverso poetiche e linguaggi tra loro molto diversi, attuano un'operazione estetica di riposizionamento che offre nuove prospettive a ciò che esiste già. Prendere possesso, modificare e ripensare oggetti, elementi e forme della realtà fenomenica contrassegna la loro azione che, per mezzo di tali passaggi, ci permette di pensare la realtà come un gioco di differenze, mentre normalmente la pensiamo in termini di somiglianza, analogia, identità. La loro pratica indaga la possibilità di attribuire un nuovo scopo ad elementi prelevati dalla realtà, rimuoverli intenzionalmente dal dominio della percezione automatica e renderli astratti in modo da mettere quegli elementi e i loro rapporti, usi, connotazioni in mostra. Tramite la dissociazione di oggetti e concetti, l’artificio delle opere in mostra rende la percezione lenta e permanente, generando una strana contraddizione poiché gli stessi concetti e oggetti sono stati frammentati
o separati dal loro uso meccanico al fine di poter sostenere uno sguardo più prolungato e attento. Come i paradossi, gli interventi degli artisti hanno la capacità unica di amplificare le contraddizioni, si dichiarano apertamente attraverso la loro con-fusione, in quanto è lo spettatore che deve soffermarsi e pensare a quali potrebbero essere le loro connessioni e i loro sviluppi. Ciò che confonde nelle opere in mostra è il fatto che ci presentano un commento attraverso l'attribuzione di nuove intenzioni, mentre allo stesso tempo ci offrono una diramazione di sensazioni tale da consentirci varie letture, poiché attivano una reazione a catena di riflessioni.
Tali premesse chiamano in causa questioni complesse come il rapporto copia-originale, visto e interpretato dagli artisti come reciprocamente costitutivo tra la cosa e il suo doppio, la cosa e l'ombra. Mettendo continuamente in discussione la logica della rappresentazione, gli artisti propongono ripetizioni, doppi, oggetti e soggetti straniati, che accolgono molteplici realtà al proprio interno o si scompongono, si scollegano e diventano tutto, o qualsiasi altra cosa; alterando in infiniti modi la logica dell'originale e della copia, in modo tale da negare ogni immagine normativa del pensiero ed emanciparlo dall'asservimento ad ogni forma immagine predefinita.

Foothold è un piccolo project space dedicato alle sperimentazioni contemporanee con un particolare focus sulle giovani generazioni di artisti italiani e internazionali. Partendo dall'idea che sia l’arte a creare dialogo e a instaurare un luogo e non viceversa, foothold sperimenta la possibilità di dare valore al contenuto più che al contenitore. La strategia è semplice, evitare categorie che chiudono o escludono attraverso la riattivazione di uno spazio periferico e anonimo e la sua conversione in dispositivo temporaneo che emana pensiero, in un alloggio provvisorio di prove e tentativi.

Foothold si aggiunge alle due basi operative di Like A Little Disaster: Omphalos a Terlizzi (Ba) e L.A.L.D. space a Torre Santa Susanna (Br).

Dal 13 Marzo al 10 Aprile, 2016
Solo su appuntamento

info@likealittledisaster.com
+39 328 762 1111
+39 338 957 7276

Foothold
Via Cavour, 68 / Polignano a Mare (Bari).
www.likealittledisaster.com

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 588 visitatori collegati.

Informazioni su 'like a little disaster'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)