CsO-Tiziano Martini, Marco Pezzotta, Vincenzo Simone e Cristiano Tassinari.

CsO-Tiziano Martini, Marco Pezzotta, Vincenzo Simone e Cristiano Tassinari.

Titolo

CsO-Tiziano Martini, Marco Pezzotta, Vincenzo Simone e Cristiano Tassinari.

Inaugura

Sabato, 28 Febbraio, 2015 - 16:30

A cura di

Daniela Cotimbo

Artisti partecipanti

Tiziano Martini, Marco Pezzotta, Vincenzo Simone e Cristiano Tassinari.

Presso

Operativa Arte Contemporanea
via del Consolato 10, Roma

Comunicato Stampa

 

CsO

a cura di Daniela Cotimbo

TIZIANO MARTINI, MARCO PEZZOTTA, VINCENZO SIMONE, CRISTIANO TASSINARI

 

Inaugurazione venerdì 27 febbraio, ore 19.00

 

Operativa Arte Contemporanea è lieta di presentare CsO, un progetto collettivo a cura di Daniela Cotimbo con opere degli artisti Tiziano Martini, Marco Pezzotta, Vincenzo Simone e Cristiano Tassinari.

 

Nata dall’osservazione delle dinamiche che ruotano intorno alla produzione dei giovani artisti contemporanei, la mostra si sofferma su un aspetto specifico, ossia la traduzione di alcune forme derivanti dal linguaggio pittorico in opere di diversa natura, indice di un percorso evolutivo che partendo dalla specificità del medium si apre alla sperimentazione e alla compenetrazione tra pratiche artistiche.

Se Cristiano Tassinari, pur avvalendosi di materiali industriali, preconfezionati e assemblati a comporre imponenti strutture totemiche, predilige la bomboletta spray per ottenere superfici cangianti e discontinue; Vincenzo Simone evoca la tattilità di certi dipinti antichi attraverso la produzione di tessuti scultorei che inglobano la superficie pittorica, pietrificandola. Tiziano Martini utilizza invece il supporto bidimensionale come campo d’azione atto ad ospitare diverse interferenze esterne, generando così particolari texture ed effetti cromatici. Infine Marco Pezzotta, il cui lavoro parte sempre dalla scomposizione di universi linguistici precostituiti, con particolare attenzione per quei fenomeni che costellano il linguaggio delle giovani generazioni, utilizza la pittura e il disegno come meccanismi per ricomporre una narrazione che dia una nuova natura a tali elementi.

La mostra si presenta come un percorso articolato e multiforme, caratterizzato da passaggi di stato e forme ibride. Tutti gli interventi sono però accomunati da un particolare interesse legato alla pratica pittorica e alle sue possibili evoluzioni.

 

 

Tiziano Martini (Soltau, 1983) vive e lavora attualmente a Duesseldorf. Diplomatosi nel 2007 presso l'Accademia di Belle Arti di Venezia. È Grant Holder per il 2015 presso la Lepsien Art Foundation di Duesseldorf. Nel 2015 espone alla collettiva “Through painting” presso la Fondazione Rivoli 2 a Milano. Nel 2014 ha una personale alla galleria Otto Zoo di Milano dal titolo “Catalizzatore”, ed è ospite nel “Progetto Landina”, esponendo sia negli spazi di Villa Giulia a Pallanza, che presso Cars a Omegna. Sempre nel 2014 espone alle seguenti collettive: La religione del mio tempo, presso la Kusthalle Eurocenter di Lana (Bolzano) , “Bivouacs” nel Nuovo Museo di Casso (Pordenone), “Marquee Moon” presso la galleria Thierry Goldberg di New York e “#painting around. about and within” alla galleria Upp di Venezia.

Nel 2013 è selezionato per la “97a Collettiva” presso la Fondazione Bevilacqua la Masa di Venezia, espone nella galleria Cart di Monza alla mostra “Tomorrow is now”,  alla mostra “Tetris” a Mars Milano e viene invitato a partecipare alla residenza “How We Dwell”, dall'omonimo collettivo. Nel 2012 è vincitore del bando di residenza d'artista Cars  a Omegna, partecipa alla collettiva “Bilico” al Nuovo Museo di Casso, alla mostra “In our backyards” presso la Werkschauhalle di Lipsia. Nel 2011 espone alla Galleria Comunale di Monfalcone nella collettiva “Studio visit.it” e trascorre sei mesi nella Baumwollspinnerei di Lipsia presso il Lia.

Dal 2011 collabora con Dolomiti Contemporanee e nell 'edizione 2012 idea e cura il progetto di residenza, della durata di una settimana, intitolato  “A poem about a chance meeting”, presso gli spazi industriali di Taibon Agordino a Belluno.

 

Marco Pezzotta (Seriate, 1985) vive e lavora a Berlino. Diplomato presso l’Accademia di Belle Arti di Brera ha ottenuto un master presso la KHB Weißensee di Berlino. Tra le mostre recenti: "Faceless" (Vienna, Freiraum MQ e Amsterdam Mediamatik), “Berlin Masters13”, (Berlino, Galleria Arndt), “Secession” (Berlino, Institut Français). Nel 2013 è stato finalista del Berlin Art Prize ed invitato come artista in residenza presso il Seoul Museum of Art in Corea del Sud ed il Quartier21 di Vienna. Nei mesi di marzo e aprile 2015 sarà ospite presso la piattaforma Vasl a Karachi, Pakistan.

 

Vincenzo Simone (Seraing, BE, 1980) vive e lavora a Bologna. Si diploma nel 2008 presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Nel 2015 espone nella collettiva "Oggetti su piano" curata da Antonio Grulli, presso gli spazi della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna. Nel 2014 partecipa a "Progetto Landina" ideato e curato da Lorenza Boisi, ed espone presso gli spazi di CARS a Omegna, nella mostra collettiva "Una collettiva di pittura contemporanea", e negli spazi di Villa Giulia, Pallanza. Espone presso lo spazio CASABIANCA, nella doppia personale,"Il giardino di notte diventava sinistro" a cura di Andrea Bruciati. Partecipa ad "Open studio" progetto di residenza presso lo spazio GAFF, Milano. Espone in "Hosting INTERNO4 Bologna#2", progetto curato dai giovani curatori del corso CAMPO13 della fondazione Sandretto ReRebaudengo e il progetto INTERNO4. Sempre del 2014 sono "QUADRATO", mostra collettiva dei fondatori del project space INTERNO4 (BO), e presso LOCALEUDE espone il progetto personale "Secondo paesaggio". Nel 2013 cura la rassegna video "Su di un muro" presso LOCALEDUE, (BO), e partecipa alla mostra collettiva "TRE/caduta di stile", ideata e curata da INTERNO4 (BO). Nel 2011 è uno dei fondatori del project space INTERNO4 (BO).

 

Cristiano Tassinari (Forlì 1980. Vive e lavora a Berlino). Si è laureato all'Accademia di Belle Arti di Bologna. Tra le mostre personali: “Plastitype” alla galleria Van Der a Torino(2013),  “Be Clear” presso l'Opificio delle idee di Rovereto (2012), Lichtraum presso la First Gallery di Roma (2011), “Mnemosyne” allo Spazio 8 di Milano (2006). Tra le esposizioni collettive: “Acrossing Distances”, presso SeMA Naji Residency di Seoul, “Vertical Depth” presso Mars a Milano, Hotel all Castello di Rivara, “Amalassunta Collaudi” al Museo Licini di Ascoli Piceno, mostra dei finalisti del Premio Cairo presso il Palazzo della Permanente di Milano. Tra i premi e i riconoscimenti: primo Premio Giorgio Morandi (2005) ; vincitore del Premio Italian Factory per la giovane pittura italiana (2006), primo Premio della 58a edizione del Premio Michetti, presso il Museo Michetti a Francavilla al Mare (2007), Premio Set Up (2014).

 

 

Dal 28 febbraio al 15 aprile 2015

Operativa Arte Contemporanea | Roma, via del Consolato 10

Apertura dal Mercoledì al Sabato 16.30 – 19.30

Info: info@operativa-arte.com | www.operativa-arte.com

Ufficio Stampa: daniela@operativa-arte.com

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 636 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)