Cross-OVER Eero Aarnio, Francesco De Molfetta, Marco Demis, Mimmo Rotella, Fernando Zaccaria

Cross-OVER Eero Aarnio, Francesco De Molfetta, Marco Demis, Mimmo Rotella, Fernando Zaccaria

Titolo

Cross-OVER Eero Aarnio, Francesco De Molfetta, Marco Demis, Mimmo Rotella, Fernando Zaccaria

Inaugura

Giovedì, 3 Aprile, 2014 - 18:30

Artisti partecipanti

Eero Arnio, Francesco De Molfetta, Marco Demis. Mimmo Rotella, Fernando Zaccaria

Presso

Glenda Cinquegrana: the Studio
Via Francesco Sforza, 49, milano

Comunicato Stampa

Cross-OVER

Eero Aarnio, Francesco De Molfetta, Marco Demis,

Mimmo Rotella, Fernando Zaccaria

 

Glenda Cinquegrana: the Studio

via F. Sforza, 49 I- 20122 Milano

 

Evento speciale Fuori Salone, Salone Internazionale del Mobile 2014.

Opening: giovedì 3 aprile 2014 ore 18,30.

Da venerdì 4 a venerdì 11 aprile 2014.

 

dal martedì al sabato dalle 15,00 alle 19,00.

Negli altri orari su appuntamento.

 

In collaborazione con LIBERAL DESIGN STRATEGY di Paola Miraglia.           

 

Per maggiori informazioni si prega di contattare la galleria all'e-mail info@glendacinquegrana.com e allo 02/89695586, oppure Paola Miraglia all’indirizzo e-mail mailto:info@paolamiraglia.com.

 

La galleria Glenda Cinquegrana: the Studio è lieta di presentare Cross-OVER, una mostra collettiva comprendente un gruppo di artisti della galleria, ovvero Francesco De Molfetta, Marco Demis, Mimmo Rotella e Fernando Zaccaria in combinazione ai lavori di un importante maestro del design finlandese, Eero Arnio, in esclusiva per il Salone Internazionale del Mobile 2014.

L’esposizione nasce dalla collaborazione fra la galleria Glenda Cinquegrana: the Studio e MC Selvini, azienda storica di design milanese, specializzata dal 1926 in design di stampo nordico. La mostra è parte di un progetto più ampio, realizzato dalla galleria e Liberal Design Strategy di Paola Miraglia, che trova una sua tappa nell’installazione di Matteo Berra presentata da Selvini per il Fuorisalone: secondo un nuovo approccio l’arte e il design sono presentati in modo complementare, poiché le due discipline appaiono convergere verso lo stesso fine di interpretare il mondo che ci circonda.

 

Se il crossing-over a livello genetico è la ricombinazione dei geni dei due genitori allo scopo di avere individui più forti, il Cross-OVER linguistico fra arte e design ha lo scopo di implementare il potere significante dei due linguaggi artistici.

 

La galleria Glenda Cinquegrana: the Studio presenta, grazie alla collaborazione con MC Selvini, una selezione di pezzi storici del celebre designer Eero Arnio, ritenuto universalmente tra i pionieri nell’utilizzo di materie plastiche nell’ambito del disegno industriale. Nell’opera di Arnio l’utilizzo della plastica rappresenta un fattore rivoluzionario, capace di liberare i disegnatori dai vincoli di forma e di colore. Questa materia all’interno della sua poetica è finalizzata all’ottenimento di oggetti funzionali, intrisi di una fortissima componente ludica. In mostra sono presenti alcuni esemplari della storica Pastil Chair con la quale Arnio ottenne il prestigioso American Industrial Design-Award del 1968, che rappresenta un approccio estremo e innovativo al concetto di sedia a dondolo.

 

Le opere degli artisti in mostra hanno in comune con il lavoro di Eero Arnio alcuni elementi importanti: le sculture di Francesco De Molfetta sono animate dallo stesso carattere ludico e umoristico, che è proprio della prassi di prelievo pop; di Mimmo Rotella è in esposizione un dècollage, che con Arnio ha in comune un medesimo riuso di forme prelevate direttamente dal quotidiano, sotto forma di ready - made, come la pastiglia e l’affiche; nelle foto di Fernando Zaccaria si trova un minimalismo che è spinto fino all’estrema stilizzazione della forma; il lavoro di Marco Demis, infine, esprime uno stesso approccio al colore, visto in modo fortemente sintetico, che arriva fino al monocromo assoluto.

 

Biografie degli artisti

 

Eero Arnio nato nel 1932, ha studiato presso l’Istituto di Arti Industriali di Helsinki dal 1954 al 1957 e ha aperto il proprio studio di design nel 1962. Costantemente impegnato nell’esplorazione di nuove idee da applicare alla progettazione dei mobili, ha disegnato la Ball Chair nel lontano 1963. Con la Pastil (American Industrial Design-Award del 1968) e la Tomato Chair, Aarnio raggiunse una fama internazionale. Negli anni recenti continua a realizzare nuovi prodotti di grande successo, come la Formula chair, il Parabel table, la Tipi, la Focus e la lampada Double-Bubble.

 

Francesco De Molfetta nasce a Milano nel 1979, dove vive e lavora. Mostre personali selezionate: Demodè, Permariemonti Arte Contemporanea, Civitanova Marche (2013); New Idols, The Don Gallery, Milano (2010); E la fine del Mondo, Ronchini Arte contemporanea, Terni, a cura di M. Sciaccaluga (2010); Oggetti che cambiano il loro destino, Galleria Toselli, Milano (2006). Mostre collettive selezionate: POPism, Museo della Fondazione Michetti, Chieti, a cura di L. Beatrice (2012); Biennale dellUmorismo nellArte, Tolentino, a cura di L. Beatrice (2011); Love me Fender, Museo Nazionale della Musica, Bologna, a cura di L. Beatrice (2009); Affinitès, Museo d’arte Contemporanea di Besançon, Saline Royale (2005); Biennale d’arte di Roma (2004).

 

Marco Demis nasce a Milano nel 1982. Studia all’Accademia di Belle Arti di Brera e consegue la laurea in architettura al Politecnico di Milano. Vive e lavora a Milano. Mostre personali selezionate: Apollinea, Area/B, Milano, (2012) a cura di I. Quaroni; Altari, Giamaart Studio, Vitulano (BN) (2011), a cura di I. Quaroni; Casa di bambola, Barbara Frigerio Gallery, Milano (2008); Rag Dolls, Glenda Cinquegrana: the Studio, Milano (2008). Mostre collettive selezionate: Premio Lissone, Museo di Lissone, (2012) a cura di Alberto Zanchetta; Italian Newbrow, Pinacoteca di Palazzo Volpi, Como, (2012) a cura di I. Quaroni; Quadratonomade, Palazzo delle Esposizioni, Roma, (2012) a cura di Donatella Giordano; Spam, Fondazione Pastificio Cerere, Roma, (2012); Janare, Capa, Casa Arcangelo Progetto d’Arte, San Nazzaro, (2012) a cura di I. Quaroni; Premio Celeste, Fabbrica Borroni, Bollate, (2010) a cura di I. Quaroni.

 

Mimmo Rotella (Catanzaro, 1918 - Milano 2006), è uno dei più grandi artisti italiani. Dopo aver partecipato a partire dal 1961 alle manifestazioni dei Nouveax Rèalistes, è stato fra gli inventori del decòllage. Le sue opere sono in diverse collezioni internazionali.

 

Fernando Zaccaria è nato a Bergamo nel 1970. Vive tra New York e Milano. Mostre personali selezionate: Americas Fake Freedom, Glenda Cinquegrana: the Studio, Milano (2012); Il velo rivelatore, (a cura di) S. Stornaiuolo, Spazio Oberdan, Milano (2011); New York City Lightprints, Fondazione Campostrini, Verona, (2009); Lo sguardo obliquo, in Spazi visivi istantanei, Castello del Pico Mirandola, Modena, (2008). Mostre collettive selezionate: Just Like a Woman, (a cura di) G. Cinquegrana, Studio Legale Loven Associati, Milano (2012); 54esima Biennale di Venezia, Padiglione Italia, (a cura di) Vittorio Sgarbi, Palazzo delle Esposizioni, Torino (2011); Paesaggio italiano, Galleria Glenda Cinquegrana: the Studio, Milano (2010); the Soul Cages, Milano, (a cura di A. Trabucco) Galleria Glenda Cinquegrana: the Studio Milano, (2009). Collezioni pubbliche: 9/11 Memorial Museum, World Trade Center Memorial Foundation, New York.

Glenda Cinquegrana: the Studio segue le più recenti proposte dell’arte italiana e internazionale. Spazio espositivo concepito per una fruizione privata, si ispira alla creazione di nuove modalità di comunicazione con il pubblico, più vicine al modello one-to-one e on-demand.

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su ''