I Confini del Mito

I Confini del Mito

Titolo

I Confini del Mito

Inaugura

Sabato, 12 Novembre, 2016 - 16:30

A cura di

Virginia Bazzechi Ganucci Cancellieri

Artisti partecipanti

Valerio Giovannini, Enrico Guerrini, Salvatore Monaco, Roberto Mosi, Simonetta Occhipinti, Margherita Oggiana, Roberto Orangi, Andrea Simoncini, Paolo Tranchina

Presso

Società di Belle Arti- Circolo degli Artisti "Casa di Dante"
Via Santa Margherita 1r, Firenze

Comunicato Stampa

COMUNICATO STAMPA

 

Mostra: Mostra collettiva “I Confini del Mito”

Artisti: Valerio Giovannini, Enrico Guerrini, Salvatore Monaco, Roberto Mosi, Simonetta Occhipinti, Margherita Oggiana, Roberto Orangi, Andrea Simoncini, Paolo Tranchina

Inaugurazione Mostra: Sabato 12 Novembre 2016 ore 16.30

Durata Mostra: 12 Novembre – 24 Novembre 2016

Luogo: Società delle Belle Arti- Circolo degli Artisti “Casa di Dante”, via Santa Margherita n.1/r, Firenze

Sito web: www.circoloartisticasadante.com Email: info@circoloartisticasadante.com Tel. +39 055 218402

Orario apertura: da Martedì a Domenica compresi dalle 10:00 -12:00 e dalle 16.00-19.00;

Ingresso libero

 

“Non vogliate negar l’esperienza, di retro al sol, del mondo sanza gente. Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza»

(Divina Commedia, Inferno c. XXVI, vv. 100-120).

 

Questi famosi endecasillabi, pronunciati da Ulisse, esprimono in maniera efficace il desiderio, tipico della natura umana, di superare i propri limiti e di ampliare i propri orizzonti conoscitivi.

 

Nell’antichità la linea di confine tra noto e ignoto, tra mondo conosciuto e terre inesplorate è simbolicamente rappresentata dalle “Colonne d’Ercole”, due promontori rocciosi collocati nei pressi dello stretto di Gibilterra, punto di incontro tra il Mar Mediterraneo e l’oceano Atlantico. Secondo la mitologia infatti, Ercole in una delle sue dodici fatiche giunse ai limiti estremi della terra, là dove era vietato il passaggio a tutti i mortali. Qui l’eroe separò i monti Calpe ed Abila aprendo un varco dove incise la famosa scritta “non plus ultra”, ovvero “non più avanti”. Dunque, che cosa oltre quelle Colonne?

Secondo Pindaro si estendeva «l’oscurità infernale»; Platone invece vi colloca la mitica isola di Atlantide, mentre Dante pone, a cinque mesi di navigazione oltre le Colonne, il monte del Purgatorio. Ma le “Colonne d’Ercole”, non costituiscono solo un concetto geografico: sono anche metafora del limite della conoscenza; esse diventano cioè emblema di quella eterna lotta umana tra paura dell’ignoto e sete di conoscenza, tra timore di ciò che è sconosciuto e desiderio di verità. Il prode Eracle, allo stesso modo dello scaltro Ulisse omerico, incarnano così  il topos morale dell’eroica scelta tra “virtù o vizio, tra dovere o piacere”, diventando metafora atemporale dell’uomo moderno.

Se quindi le “Colonne di Ercole” delineano un confine che non è solo geografico, ma anche morale della grandezza o piccolezza della natura umana; il mito, con le sue storie esemplari sulle vicende di Dei ed Eroi e sul destino dell’umanità, ne diventa mappa psicologica ed etica.

In una era sempre più incerta, piena di promesse e disillusioni, come la nostra, tali tematiche continuano ad essere di stringente attualità, dimostrando come la dimensione del mito, non sia “confinata” e circoscritta ad un tempo arcaico e lontano; ma al contrario, estende i propri confini anche al futuro.

La mostra “I Confini del Mito”, nata in seno al progetto “Officina del Mito”, attraverso contributi di varia natura e metodologie espressive diverse (pittura, scultura, video, fotografia, opere a stampa), porta avanti una riflessione su tali aspetti, ridefinendo le frontiere di concetti importanti, come quelli di territorio, nazione e dunque di identità culturale e personale.

Nove artisti (Valerio Giovannini, Enrico Guerrini, Salvatore Monaco, Roberto Mosi, Simonetta Occhipinti, Margherita Oggiana, Roberto Orangi, Andrea Simoncini, Paolo Tranchina), che al pari dell’Ulisse omerico, attraverso le loro opere si avventurano tra gli instabili territori contemporanei, oltre i confini. Artisti dunque, che si pongono non solo come sperimentatori coraggiosi, sempre in bilico tra territori fisici e simbolici, ma anche come veri e propri viaggiatori instancabili, che procedono attraverso sconfinate lande di emozioni e sconosciuti dedali sensoriali, arricchendo così il proprio bagaglio esperienziale con una prospettiva interculturale ed intessendo nuovi dialoghi.

Del resto come sosteneva Marcel Proust nella sua opera “Alla ricerca del tempo perduto”: “il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi.”

L’inaugurazione della mostra “I Confini del Mito” avrà luogo Sabato 12 Novembre 2016 alle ore 16.30 presso la Società delle Belle Arti- Circolo degli Artisti “Casa di Dante”, in via Santa Margherita n.1/r, Firenze. In tale occasione si terrà anche una Performance.

A seguire, Sabato 19 novembre 2016 alle ore 17.00 l’incontro “Il Mito nella rete delle Arti” con  il Concerto del pianista Umberto Zanarelli.

La mostra “I Confini del Mito” sarà visitabile fino al 24 Novembre 2016, negli orari di apertura della Società delle Belle Arti- Circolo degli Artisti “Casa di Dante”: da Martedì a Domenica dalle 10.00 a 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00.

Virginia Bazzechi Ganucci Cancellieri

 

 

 

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 521 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)