come un cigno

come un cigno

Titolo

come un cigno

Inaugura

Mercoledì, 16 Aprile, 2014 - 18:00

A cura di

Anna Soricaro

Artisti partecipanti

Paola Carosiello, Ilaria Giolli, Giovanna La Falce, Marco Landi

Presso

Centro Culturale Zerouno
via Indipendenza, 27 - Barletta

Comunicato Stampa

‘Un’anima non vile’ scritto da  Uhlamn nella ‘Trilogia del ritorno’ ispira un’esposizione alternativa dove pittura ‘classica’ ed arte ‘digitale’ (per utilizzare termini comuni di riconoscimento) sono protagonisti indiscussi di una scena incantevole in cui ‘sentire e percepire’ oltre che ‘stare a guardare’. La predilezione di due dei cinque sensi dell’uomo (la vista e il tatto) e il loro utilizzo per percepire un’opera d’arte è un’azione grandiosa. La descrizione aiuta la comprensione, il tatto ingentilisce lo sguardo, lo denota e lo completa. L’arte è forse la sola che riesce ad essere traccia di un’infinità di pensieri messi insieme e di una rapidità di gesti che sono disparati e grandiosi: ci piace pensare alla purezza che la denota e all’idea che il racconto di un vedente insieme ai suoi gesti possano diventare racconto, perché in fondo ogni opera d’arte è inizio e fine di una storia da raccontare. Quattro artisti si cimentano con opere di forte impatto dedicandosi all’arte digitale come Marco Landi e Giuliana La Falce e alla classica espressione pittorica come Paola Carosiello e Ilaria Giolli dove la figurazione si esprime  grandemente tra sensi e significati reconditi, ricordi ed emozioni grandiose. Paola Carosiello si avvale di una figurazione attenta dove il gesto incuriosito del mondo tratteggia grandi squarci di forte impatto emotivo; un’arte dettagliata e puntuale, tra rigore e naturalezza si palesano corpi, sguardi, ricordi in una continua ricerca della bellezza. laria Giolli si esprime nella non convenzionalità di tondi dove corpi aleggiano come tratto di una anima sensibilissima ed intimista; una gestualità attenta e definitiva, giovane ed intensa ricolma di freschezza e solarità. Marco Landi è maestro di un’arte digitale realizzata direttamente al pc che è massima espressione di questa contemporaneità non solo tecnicamente ma anche nella scelta figurativa: ogni opera è la nascita di un sentire continuamente irritato con il sistema. Giovanna La Falce è alla continua ricerca del ‘bello’ in un’arte elaborata digitalmente partendo dagli scatti fotografici affidando valori innovativi e profondi ad ogni opera d’arte. 

Durante il periodo espositivo e per tutte le opere in mostra saranno svolti laboratori a giovani adolescenti divisi in coppia in cui uno sarà bendato e l’altro descriverà a parole e con il tatto l’opera visionata. Un approccio alternativo all’arte contemporanea che diviene sperimentazione ed innovazione di lettura ed interpretazione. 

 

"Come si può descrivere una tale bellezza a qualcuno che non l'abbia mai vista? Mi viene in mente la storia del cieco che voleva sapere com' è il bianco. <È come un cigno> rispose l'amico.

<E com'è il cigno?> chiese il cieco. <Un uccello con il collo lungo. Dammi la mano e tocca il mio braccio dalla mano al gomito. Questo è il collo del cigno>. <Oh, è meraviglioso> disse il cieco.

<Adesso so cos'è il bianco>. Fred Uhlman, Trilogia del ritorno, ‘Un’anima non vile’

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 610 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)