La Collezione Erotica

La Collezione Erotica

Titolo

La Collezione Erotica

Inaugura

Lunedì, 9 Maggio, 2016 - 18:00

Artisti partecipanti

Pino Boresta, Pedro Cano, Paolo Cavalcanti, Nestore Del Boccio, Rosario Gallardo, Werther Germondari, Francesco Impellizzeri, Calogero Marrali.

Presso

Ospizio Giovani Artisti
via Cernaia 15, Roma

Comunicato Stampa

OSPIZIO GIOVANI ARTISTI

COMUNICATO STAMPA

Mostra:  LA COLLEZIONE EROTICA
Artisti:            Pino Boresta, Pedro Cano, Paolo Cavalcanti, Nestore Del Boccio,
  Rosario Gallardo, Werther Germondari, Francesco Impellizzeri, Calogero Marrali.
Luogo:  Ospizio Giovani Artisti - www.ospiziogiovaniartisti.com
Indirizzo:  via Cernaia 15 - Roma
Inaugurazione:  Lunedì 9 maggio 2016, h18 (fino h20.30) Ingresso ad invito, scrivendo a wgermondari@mac.com
Periodo:  7 maggio - 21 settembre 2016
Orario:   solo su appuntamento, scrivendo a wgermondari@mac.com - www.werthergermondari.com

Come mostra di chiusura della stagione 2015/2016 l’Ospizio Giovani Artisti presenta una collettiva di sette artisti, con opere a tematica erotica, tutte come sempre provenienti dalla collezione dell’OGA.

Pino Boresta (Roma, 1962). Artista visivo, performer e ‘situazionauta’. L’Opera Testo, presente in mostra, è stata pubblicata in una prima versione nel 1997 su “ARTEL n.61 - sex fax art” del 1/15 aprile 1997, e poi in questa seconda e definitiva versione su “ARTEL n.69”, 1/15 ottobre 1997, il cui direttore era Claudia Colasanti. È stata poi stata realizzata una performance dal vivo il 14 febbraio 2004 alla Galleria SC02 di Roma nel corso della collettiva “erotic.heART” a cura di Lella Antinozzi.

Pedro Cano (Blanca, Spagna, 1944) nel 1969 si trasferisce a Roma, all’Accademia di Belle Arti, dopo aver vinto il Prix de Rome all’Accademia di Spagna. Tra le mostre più importanti, il ciclo sulle Città Invisibili ispirate ad Italo Calvino (Firenze/Palazzo Vecchio, Roma/Museo Andersen e Venezia/Arsenale), Identità in transito (alle Terme di Diocleziano a Roma), IX Mediterranei, presso i Mercati di Traiano a Roma e presso la Fondazione Benetton a Treviso. Nel 2010 è stata istituita a Blanca la Fondazione Pedro Cano.

Paolo Cavalcanti (Viterbo, 1955) nel 1984 pubblica, per Gammalibri, ’Blues in Chicago’. Nel 1987, per Palombi, ‘Musei d’Arte Moderna in Olanda’. Realizza installazioni fotografiche tra il 1985 ed il 1991 (a Firenze, Roma, ecc) sulla scena musicale australiana ed inglese. Fonda e dirige, dal 1984, Public Delirium, società di promozione ed ufficio stampa per la musica, fotografia e le arti e, dal 1992 al 2001, l’Agenzia per il cortometraggio italiana. Da circa otto anni si occupa di consulenza per l’IT.

Nestore Del Boccio (Raiano, 1950) Pittore, illustratore e sceneggiatore, negli anni '70-80 crea la ‘razionalità mostruosa’, serie di quadri/denuncia della distruzione dell'ambiente. Negli anni '90, concepisce il ‘siliconismo’, serie pittorica con l'uomo rappresentato come maschera variopinta e tragica: una critica all'effimero i cui valori dell'apparire sostituiscono quelli dell'essere. Negli ultimi anni, con la serie 'alchemica" evoca, in chiave animistica, un primigenio in cui l'erotismo coinvolge ogni forma vivente nell'atto evolutivo.

Rosario Gallardo (duo) Perturbante, caldo e malvagio, con le sue opere (performance, video, fotografie) il duo R.G. irrompe nel senso del pudore del pubblico e lo scioglie dall'interno. L'individuo cerca invano di resistere alla necessità ancestrale del piacere della carne,   l'illuminismo esplode attraverso corpo e movimento e porta ad un più alto concetto di sé e e gli altri. Ciò che resta è una sensazione di vibrante consapevolezza e la conoscenza di una differente visione della sessualità: un'arma di liberazione di massa.

Werther Germondari (Rimini, 1963), Artista visivo e filmmaker. Attento a dinamiche innovative sperimentali neo-concettuali che si caratterizzano per un gusto ironico e surreale, svolge da trent’anni una ricerca attraverso numerosi media espressivi. Ha partecipato a esposizioni in gallerie private e spazi sperimentali, alternando installazioni d’ambiente, videowork e atti performativi,  focalizzando l’attenzione su elementi nascosti, attinenti a una visione reale, sociale e politica. Nel 2013 ha ideato l’Ospizio Giovani Artisti.

Francesco Impellizzeri (Trapani, 1958) vive e lavora a Roma. Nelle sue esposizioni propone performances e installazioni in cui varie espressioni artistiche (musica, teatro, pittura, ecc) si fondono per mezzo dell'ironia fino ad ottenere anche un prodotto fotografico e pittorico. Si cala nei panni di alcune “creature” creando tableaux vivants in cui costumi, musica e regia vengono progettati e realizzati come in un vero e proprio spettacolo teatrale, ma con contenuti sintetici e concetti nascosti.

Calogero Marrali (Licata, 1967) vive e lavora a Torino. Esordisce agli inizi degli anni ’90 con una serie di dipinti astratti materici, per poi proseguire la sua ricerca artistica sperimentando i materiali più disparati, usati per rivestire accessori e capi d’abbigliamento riciclati. Tra la fine degli anni ’90 e l’inizio del 2000, realizza così installazioni e oggetti. Sua prerogativa è la decontestualizzazione: ogni oggetto anche banale e di uso comune è rielaborato e trasformato nell’aspetto estetico sino ad assumere nuova identità e personalità.

Immagini

mostra d'arte, evento, artista, curatore, artistici
mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 875 visitatori collegati.

Informazioni su 'Werther Germondari'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)