Cerco un paese innocente - performance teatrale di XV - le Quinze

Cerco un paese innocente - performance teatrale di XV - le Quinze

Titolo

Cerco un paese innocente - performance teatrale di XV - le Quinze

Inaugura

Mercoledì, 4 Giugno, 2014 - 21:00

A cura di

XV - le Quinze

Artisti partecipanti

Manuela Biasi, Marco De Rossi, Isotta Esposito, Stella Mililli, Isabella Piarotto, Alice Scattolin

Presso

Teatro Momo
via Dante, Mestre

Comunicato Stampa

Comunicato stampa: Cerco un Paese Innocente – performance teatrale di XV – le Quinze. Tra Terzani, Ungaretti e l'UNESCO a partire dal 2115

 

(Mestre – 3 giugno 2014) Cerco un Paese Innocente è la nuova performance teatrale di XV – le Quinze che avrà luogo mercoledì 4 giugno 2014 alle ore 21.00 presso il Teatro Momo di Mestre,via Dante, Mestre (Ve) all’interno della rassegna teatrale Piccoli Palcoscenici.

 

di Carola Minincleri e José Manuel Diaz Luzardo

con Manuela Biasi, Marco De Rossi, Isotta Esposito, Isabella Piarotto,Alice Scattolin e Stella Mililli Regia: Carola Minincleri e José Manuel Diaz Luzardo Produzione: XV – le Quinze

31 dicembre 2115, l’ultima alba della storia. È la fine del mondo. Un flash da un futuro non troppo remoto e che vorremmo evitare. Poi un salto spaziotemporale, primavera 2015, nel futuro prossimo, nell’anticamera di una sala parto, e il Flashback su un concepimento avvenuto senza amore, per errore e per calcolo in un parco pubblico sotto l’occhio della webcam di un Ipad, il 24 giugno 2014 a cinque minuti dal fischio d’inizio di Italia-Uruguay ai Mondiali del Brasile. E poi via, in un viaggio a ritroso nel tempo, esplorando conflitti e momenti di tensione, attraverso le ispirazioni offerte dalla storia: 21 marzo 1980 – boicottaggio dei Giochi Olimpici di Mosca durante la Guerra Fredda Settembre 1939 – scoppio della Seconda Guerra Mondiale 18 settembre 1938 – promulgazione delle Leggi Razziali 28 ottobre 1922 – Marcia su Roma, 24 maggio 1915 – l’Italia entra in Guerra, nella Prima Guerra Mondiale.“In tutta la storia ci sono sempre state delle guerre per cui continueranno a esserci, si dice. Ma perché ripetere la vecchia storia? Perché non cercare di cominciarne una nuova?” scrive Tiziano Terzani in “Lettere contro la guerra”, cui questo testo dalle aspirazioni antiretoriche vuole porgere i suoi omaggi. Un omaggio alla forza con cui Terzani identifica l’incapacità di sentirsi gli uni uguali agli altri degli esseri umani come prima fonte del dolore e, in avvicinamento alla celebrazione del Centenario della Prima Guerra Mondiale, un omaggio alla potenza con cui promuove una nuova cultura di pace, unica lungimirante risposta ai conflitti planetari. Poiché “le guerre cominciano nella mente degli uomini ed è nella mente degli uomini che bisogna costruire la difesa della pace”, come recita lo stesso preambolo della Costituzione dell’UNESCO.” Cerco un Paese Innocente è una performance teatrale che vede come protagonisti gli attori di Black, l’ultimo anno della Scuola di Teatro di le Quinze. Per maggiori informazioni è possibile seguire l’evento Facebook , che omaggia Damien Hirst ed il suo Squalofigura animalesca predominante nella guerra di Cerco un Paese Innocente. https://www.facebook.com/events/298827263616606/?notif_t=plan_user_joined

La compagnia si presenta così: “Siamo un gruppo informale di Performer, Manager e Creativi che provengono dal mondo del Teatro e dell’Art Direction più una Scienziata. Siamo l’evoluzione artistica dell’esperienza chiamata “Lavanderia Nordest” (lavanderianordest.it). Siamo nati nel gennaio 2014. Formalmente ci riconosciamo nella forma dell’associazione di promozione sociale CuraSui di Marghera (Venezia).Crediamo in un’arte dal potere trasformativo e non abbiamo paura di andare a contatto con le nostre profondità, alla ricerca delle radici della creatività: le Quinze, “il Quindici”, è infatti la carta del Diavolo, “le Diable”, nei tarocchi evolutivi di Marsiglia, e simboleggia lo spirito dell’arte che emerge da ciò che teniamo più nascosto, dal nostro diavolo, il punto di sacro nell’essere profano.Professiamo il valore della contaminazione tra arte, scienza, cultura, economia e società, da un lato creando spettacoli e performance in cui il pubblico immetta, approfondisca e completi ogni possibile significato, dall’altro studiando percorsi formativi personalizzati e creativi che portino le persone, le imprese, le istituzioni e i territori a superare schemi ripetitivi e abitudini mentali e a cambiare i paradigmi di comportamento ove necessario.” Alcuni attori e registi di XV – le Quinze sono stati attori e registi della compagnia teatrale FarmaciaZoo:È, che ha seguito un’evoluzione.

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Informazioni su ''