Byoung-Choon Park. Collected landscape

Byoung-Choon Park. Collected landscape

Titolo

Byoung-Choon Park. Collected landscape

Inaugura

Venerdì, 8 Maggio, 2015 - 13:00

A cura di

Hyun Joo Choe

Artisti partecipanti

Byoung-Choon Park

Presso

Ca’ Foscari Esposizioni – Università Ca’ Foscari Venezia
Dorsoduro 3246, 30123, Venezia

Comunicato Stampa

Ca’ Foscari Esposizioni – Università Ca’ Foscari Venezia ospita, dal 9 maggio al 30 agosto 2015, Collected landscape, la prima mostra personale in Italia dell’artista sudcoreano Byoung-Choon Park (1966, Youngdong), a cura di Hyun Joo Choe, con undici opere di grandi dimensioni tra dipinti e installazioni.
La mostra è coordinata scientificamente da Giuseppe Barbieri e Silvia Burini, professori del Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali, in collaborazione con Vincenza D’Urso, professoressa del Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa Mediterranea dell’Università Ca’ Foscari Venezia, e direttrice della sede veneziana del King Sejong Institute, istituzione governativa sudcoreana che diffonde e promuove la lingua e la cultura del Paese asiatico all’estero.

LA MOSTRA

Collected landscape vuole approfondire la ricerca svolta negli ultimi cinque anni da uno degli artisti più rappresentativi della Corea del Sud. Byoung-Choon Park, che fin dagli anni Novanta si è focalizzato su una sperimentazione rivolta al superamento dei confini della tradizione artistica coreana, mescola impressioni di viaggio, spettacoli naturali, aree rivisitate di Google Earth, sensibilità contemporanea e memorie ataviche, con punti di vista insoliti e stranianti.

Nei suoi dipinti l’artista introduce una rottura con la pittura classica, inserendo riferimenti alla vita quotidiana, come persone e oggetti, legati sia all’esperienza collettiva – in alcuni casi tratti da episodi di cronaca – sia al suo vissuto personale. I paesaggi rappresentati da Byoung-Choon Park potrebbero essere definiti “spazio-temporali", luoghi del ricordo e dell’esperienza.

Nelle sue opere la presenza umana è spesso evocata tramite elementi in scala ridotta e colorati, che esplicitamente si contrappongono alla vastità degli scenari naturali in bianco e nero: ne emerge una realtà indistinta che, nel suo essere al contempo presente e non familiare, riesce a generare nello spettatore una sottile inquietudine di fondo. Ne è un esempio l’opera The memory of red cliff (2015), in cui su un vasto tratto roccioso compaiono un divano rosso e due uccelli blu.

Nei lavori più recenti, presenti nella serie Landscape with a road, Park ha iniziato ad utilizzare immagini prese da Google Earth che gli hanno permesso di raggiungere risultati diversi: tramite le fotografie aeree infatti il paesaggio riesce a perdere ogni connotazione di tridimensionalità, divenendo una rappresentazione totalmente bidimensionale. Anche in questo caso, impercettibili elementi colorati appaiono sullo sfondo del dipinto in bianco e nero: paracadutisti, fiori, case ecc.

Il legame di Byoung-Choon Park con la storia del suo paese, la Corea del Sud, si rivela anche nella tecnica adottata nelle opere: la sua pittura vede, infatti, l’impiego del Muk, una tradizionale tipologia di inchiostro utilizzata in Oriente. L’artista però porta alle estreme conseguenze la propria ricerca, scegliendo di adottare un unico tipo di pennellata per ogni opera.

Al centro del percorso è esposta una grande installazione di oltre 25 metri di lunghezza, Collected landscape (2015), attraversabile dal visitatore, e concepita appositamente per gli spazi di Ca’ Foscari. L’opera è composta da più di 130 fogli di carta con motivi shan shui – stile di pittura cinese risalente al V secolo, dove i soggetti più ricorrenti sono montagne, fiumi e cascate, realizzati con inchiostro e pennello – appesi a ganci da macello su tubi d’acciaio. Si tratta di una sorta di specchio complessivo della natura e della cultura coreana, che affonda le sue radici in quindici secoli di tradizione figurativa orientale.

Infine, un’altra grande installazione chiude il percorso espositivo, Plastic bags landscapes (2015): opera dal forte impatto visivo composta da buste di plastica nere di varie dimensioni. Le immagini di paesaggio vengono qui riprodotte tridimensionalmente attraverso l’utilizzo della plastica che, con le sue differenti forme e un apposito gioco di luci, rappresentano le montagne e i canyon sudcoreani, cari all’artista, creando atmosfere surreali. Anche qui, come nei dipinti, è presente una traccia di realismo con un piccolo aereo rosso che sorvola la superficie dell’opera.

 

INFO PUBBLICO
Ca’ Foscari Esposizioni – Università Ca’ Foscari Venezia
Dorsoduro 3246, 30123, Venezia
Fermate del vaporetto: San Tomà e Ca’ Rezzonico
Orari di apertura: 10.00 – 18.00. Chiuso il martedì
Biglietto: Ingresso libero
Sito: www.unive.it
 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 447 visitatori collegati.

Informazioni su 'ChiaraValentini'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)