Blunder | Double Solo Show

Blunder | Double Solo Show

Titolo

Blunder | Double Solo Show

Inaugura

Giovedì, 16 Febbraio, 2017 - 19:00

Artisti partecipanti

Francesca Longhini, Marco Andrea Magni

Presso

LOOM GALLERY
Via Marsala, 7, Milano

Comunicato Stampa

Inaugurazione: Giovedì 16 Febbraio, h. 19 - 21
Mostra: 17 Febbraio - 12 Marzo, 2017
Orari: da Martedì a Sabato, 14 - 19 o su appuntamento

Loom Gallery presenta Blunder, doppia mostra personale di Francesca Longhini e Marco Andrea Magni. 

Blunder parla di un vero e proprio abbaglio. Quello che sembra una cosa può benissimo esserne un’altra. Non c’è nulla da aggiungere né nulla da togliere, forse qualcosa da aggiustare. La perfezione ha la tendenza ad essere noiosa, forse per questo Francesca Longhini e Marco Andrea Magni danno un’occasione all’errore e al pregiudizio nella prossimità delle loro opere. Sembrano dei piccoli monumenti alla vulnerabilità. La cosa importante è la scelta di agire in uno spazio vicino alla pittura e alla scultura. Le opere sono così degli inizi di possibilità. Entrambi gli artisti lavorano sulla qualità dell’intenzione, sul rischio, sull’ambivalenza della realtà e dell’agire. In fondo, nelle loro opere, c’è poco da pensare e molto da vivere. 

Francesca Longhini (1985) vive e lavora a Brescia.
Nei suoi dipinti viene adottato uno schema dinamico tradotto in scomposizioni, errori, ricomposizioni
dell’intelletto, del colore e della pittura. Una condizione non ben de nita che si sposta rapidamente su un’area di lavoro intuitiva, pulita, uniforme.
Diplomata all’Accademia Santagiulia di Brescia, tra i suoi recenti progetti ricordiamo ”Notre avenir est dans l’air” (Museo Antiquarium Alda Levi, Milano - a cura di Fabio Carnaghi), ”The Intruders” (Museo Ebraico di Venezia - a cura di Daniele Capra e Federica Bianconi) “Francesca Longhini and Michelle Conway” (Sid Motion Gallery, Londra).

Marco Andrea Magni (1975) vive e lavora a Milano. Marco lavora sulla condizione di queste possibilità riabilitando l’esperienza corporea declinandola in una scultura che si presenta come super cie toccabile e in perimetri magnetizzati. Più che opere sembrano dei modi di stare nel mondo, si predispongono a seguirne le forme, accogliendo di volta in volta le misure giuste per starvi dentro. Diplomato all’Accademia di Belle Arti di Brera, consegue un master FSE in Tecniche di Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive. Frequenta il corso in Arti Visive presso la Fondazione Antonio Ratti di Como. Allo IUAV di Venezia partecipa al seminario d’arte visiva con Remo Salvadori, del quale è stato assistente presso il biennio specialistico d’arte all’Accademia di Belle Arti di Brera. 

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 519 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)