Bellomi e Profeta, due personali allo Spazio E/E2

Bellomi e Profeta, due personali allo Spazio E/E2

Titolo

Bellomi e Profeta, due personali allo Spazio E/E2

Inaugura

Sabato, 22 Novembre, 2014 - 16:00

A cura di

Valentina Carrera

Artisti partecipanti

Marco Bellomi, Luigi Profeta

Presso

Spazio E
Alzaia Naviglio Grande, 4, Milano

Comunicato Stampa

Spazio E, Milano presenta:

Niente di personale, mostra personale di Marco Bellomi a cura di Valentina Carrera

Memorie di luoghi (presso lo Spazio E2) mostra fotografica personale di Luigi Profeta a cura di Valentina Carrera. Inaugurazione 22 novembre ore 16, dal 22 al 28 novembre 2014

 

MARCO BELLOMI, a cura di Vaentina Carrera

L'arte di Bellomi si definisce per una volontà palese di voler circoscrivere, ridefinendolo, uno spazio pittorico caratterizzato da ampie campiture di colore, da geometrie astratte solcate da segni evidenti di primitiva, sciamanica incisività.

Il tutto riporta ad una poetica al limite della figurazione, rivolta ad indagare gli spazi, le frontiere incerte, i limes di un territorio che ci parla della dimensione del Sacro, dell’Altro da Sé ovvero dell’incerto, della trascendenza, dell’impermanenza.

Oltre lo spazio limitato, evocativo di una dimensione di senso che assorbe completamente l’osservatore, si ritrova tanto l'artista quanto sé stessi.

I segni e gli spazi ci parlano di Noi, della nostra capacità di abbandonare le certezze, i bisogni indotti e la continua ricerca del senso e di sicurezza che ci fa Uomini, soggetti indifesi all’immanenza della Libertà.

 

LUIGI PROFETA, a cura di Valentina Carrera

Noi uomini ci definiamo per le nostre esperienze e per le nostre scelte, entrambe collocabili lungo le direttrici della nostra esistenza disegnando un tracciato in continua evoluzione in cui la memoria e le emozioni del momento giocano un ruolo determinante.

Le fotografie della memoria di Luigi Profeta, in bianco e nero per rendere la purezza assoluta di un'immagine in cui è il fruitore a dover aggiungere i colori del suo vissuto, rimandano ad un'esperienza del mondo che vibra tra il personale e il sociale.

Da una parte c'è l'occhio dell'artista che indaga i luoghi della sua memoria, dall'altra ci sono angoli di mondo che parlano delle vicende di una società che è capace di abbandonare all'incuria la propria storia, di una natura forte che impone le proprie architetture apparentemente disordinate dove la mano dell'uomo smette di esercitare il suo controllo, di cuori sbalestrati dalla frenesia che cercano conforto nella ricerca di una conferma del proprio vissuto visitando luoghi conosciuti che hanno marcato loro passaggi formativi.

La sensazione di nostalgia che così si viene a creare dovrebbe favorire l'insorgenza di un senso di vergogna tendente alla rinascita tramite l'azione. E così il desiderio di voler vedere rinascere certi luoghi si unisce alla spinta esistenziale di metabolizzare e superare i traumi personali che ciascuno custodisce nell'anima.

Alessandro Baito

 

 

In collaborazione con

Zamenhof Art – Milano

Cooperativa Letteraria – Torino

 

Contatti

Spazio E

Spazio E2

Alzaia Naviglio Grande 4, Milano

aestdelleden@libero.it

338.7689158

 

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 590 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)