ARTISTI A STATUTO SPECIALE

ARTISTI A STATUTO SPECIALE

Titolo

ARTISTI A STATUTO SPECIALE

Inaugura

Sabato, 25 Febbraio, 2017 - 17:00

A cura di

Maurizio Scudiero

Artisti partecipanti

TRENTINO:  Antonello Serra - Lome Lorenzo Menguzzato – Barbara Cappello – Claudio Cavalieri  - Stefano Benedetti – Matteo Boato – Cassia Raad – Nadia Cultrera

ALTO ADIGE: Renato Sclaunich – Mike Fedrizzi – Marzio Ghiotto – Lucia Nardell Alma  Olivotto – Stephan Fish – Andrea Pozza – Alexander Dellantonio

FRIULI-VENEZIA-GIULIA:  Elena Budai – Sonia Passoni – Edo Vincent – Luciano Lunazzi – Arianna Ellero Carlo Stragapede . Giovanni Di Benedetto – Enzo Valentinuzzi

SARDEGNA:Marco Pili – Silvano Caria - Antonio Ledda – Dina Montesu – Gisella Mura – Giuseppe Bosich Roberto Floris – Marina Desogus

 

Presso

sale Thun di Torre Mirana
via Rodolfo Belenzani, 3 38122 Trento

Comunicato Stampa

                                                                                                               “Un’onesta e fedele divulgazione è la base di ogni cultura,           

                                                                                                                                    perché nessuno può conoscere di prima mano

                                                                                                                          tutto ciò che sarebbe, anzi è necessario conoscere”.                                                                                                                   

                                                                                                                                                                                        Claudio Magris                                                                                                                                 

                                                                                                                                       

                                                                                                                                                                              Artisti A Statuto Speciale è un progetto che nasce due anni fa da Antonello Serra e Paolo Sirena. L’idea di partenza vede il coinvolgimento di due regioni italiane: Sardegna e Trentino. Questo pensiero ha come fulcro, l’obbiettivo di mettere in dialogo, attraverso l’arte e la cultura, due territori italiani siti geograficamente opposti, ma che si accomunano attraverso alcune forme speciali di cui godono dal primo dopo guerra, ovvero Autonomia a Statuto Speciale concessa dopo la seconda Guerra Mondiale, articolo 116 della Costituzione Italiana. 

Nel 2015, dunque, la realizzazione di questo progetto, avvenne con l’esposizione di opere d’arte di Artisti sardi e trentini. La prima mostra venne ospitata presso Torre Mirana a Trento e la seconda presso il Museo di Sa Corona Arubbia (CA).

Con l’evento di queste esposizioni, furono create intorno ad esse una serie di eventi, riportanti usi, costumi, letteratura, musica, enogastronomia, i quali coronarono, ricamarono, divulgarono ciò che da queste terre proviene, mettendo a confronto due popoli regionali, affinché l’accrescimento culturale di entrambi potesse davvero toccarsi con mano, pertanto apprendere tutto quello che altrimenti potrebbe essere alieno solamente per distanza geografica.

Da tale evento, l’idea è progredita, per il 2017, con la progettazione di coinvolgere altre Regioni a Statuto Speciale. Nella fattispecie il Friuli-Venezia-Giulia e l’Alto Adige. Rammento che se Trentino Alto Adige è considerata una Regione a Statuto Speciale, di fatto la Regione è divisa in due Province, che unitariamente godono di Autonomia separata. E, l’ambizione maggiore, sarà quella, di coinvolgere tra due anni, con l’avvento della Terza Biennale a tema anche la Regione Sicilia e Valle D’Aosta.

La motivazione di espandere il progetto è una conseguenza naturale al fatto che questi territori, posti tutti sui confini dell’Italia, sia montani che marini, hanno sempre subìto il passaggio di svariate culture, se non ché il tentativo di essere piegati o addirittura sottomessi dalle genti che nella storia hanno transitato, e, per più o meno tempo stazionato sulle loro terre. Questo aspetto, chiamiamolo di relazione osmotica tra genti, ha portato ad una formazione identitaria di carattere particolare e molto ben definito e distinto dal resto dell’identità italiana, nonché una inclinazione caratteriale unica, riconoscibile soprattutto per la tenacia di temperamento, che se pur diversa tra queste regioni, ne accomuna il segno geroglifico che è forgiato dalle esperienze storiche scritte nei loro DNA.

Identità culturale e identità linguistica - ogni di queste terre porta una lingua propria - identità enologica e identità gastronomica. Questi i punti centrali su cui il progetto fissa il proprio obbiettivo, affinché la divulgazione e la conoscenza di essi non si perda, ma si valorizzi attraverso questo importante evento artistico, il quale spalanca le porte di chiusura circondariale dei confini regionali politici, aprendoli alla geografia della conoscenza, e, se come scrive Magris, illustre di terra friulana, “Un’onesta e fedele divulgazione è a base di ogni cultura”, che questi attributi divengano dunque le basi per lo sviluppo culturale futuro, che in questo caso ha una genesi macro territoriale, ma in futuro potrebbe espandersi al mondo.

 

Sorge spontanea la concreta necessità di indire la specifica richiesta da parte di ARTISTI A STATUTO SPECIALE, ai rappresentanti delle Istituzione Regionali e Provinciali relative allo Statuto Speciale, che le rappresentano, la programmazione di una conferenza a tema (come evento correlato di primaria importanza), ove attraverso il ponte di aggancio artistico, si articoli una conversazione in cui raccontare le peculiarità delle Regioni a Statuto Speciale. Peculiarità non solamente di origine politica e statutaria, bensì mettendo in evidenza i caratteri storici, culturali ed artistici così ben definiti e distinti tra loro, facendo in modo che questi temi divengano un grande punto di forza per le Terre di confine italiano.

Tale conferenza, potrebbe essere a Trento durante il periodo espositivo di ARTISTI A STATUTO SPECIALE, (tra il 24 febbraio e il 10 marzo 2017), non necessariamente nelle sale di Torre Mirana, bensì in un altro luogo significativo della città. Il fatto di fare una conferenza con questo tema così poco conosciuto ai più e, talvolta quasi tenuto a distanza, come al contempo invidiato, sarà per certo una occasione di avvicinamento tra le varie Regioni che ne fanno parte, tra i cittadini, tutti, e un abbattimento di quella membrana invisibile che spesso toglie tridimensionalità alle parole di un articolo Costituzionale, dando forma appunto a ciò che è necessario conoscere attraverso la divulgazione culturale.

Interessante e soprattutto arricchente potrebbe essere anche la materiale idea di invitare i rappresentanti relativi ad Alto Adige, Friuli-Venezia-Giulia e Sardegna, oltre ai presenti del Trentino.

 

L’evento ARTISTI A STATUTO SPECIALE parte da Trento presso le sale di Torre Mirana, Sala Thun e Cantine in via Belenzani, 3 nel periodo dal 24 febbraio al 10 marzo 2017.

Prosegue a Bolzano in Galleria Civica, piazza Domenicani, dal 31 marzo al 18 aprile 2017.

Le date per Sardegna e Friuli- Venezia- Giulia sono ancora da identificare. Gli spazi relativi sono: Museo Sa Corona Arubbia (CA) e per il Friuli- Venezia-Giulia, in attesa di risposta.

Durante i periodi espositivi vi saranno degli EVETI CORRELATI, ovvero la programmazione di incontri di confronto culturale basato sulla letteratura – identità linguistica- che prevede di ospitare poeti provenienti da ognuna delle regioni, i quali reciteranno in versi della propria terra; enogastronomia - identità culturale attraverso il cibo ed il vino -, che prevede la presenza di prodotti enologici e gastronomici; musica, che vuole la presenza di musicisti di folklore per divulgare l’identità di costume.

La presenza dell’arte, come linguaggio di comunicazione e divulgazione, oggi, più che mai e importante, affinché non si perdano le identità territoriali, le quali saranno per il futuro il punto di forza per una evoluzione collettiva.

 

 

Barbara Cappello

Presidente FIDA Trento

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 675 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)