Artemente-Psicologia nelle immagini di un architetto e architettura nelle foto di uno psicologo

Artemente-Psicologia nelle immagini di un architetto e architettura nelle foto di uno psicologo

Titolo

Artemente-Psicologia nelle immagini di un architetto e architettura nelle foto di uno psicologo

Inaugura

Venerdì, 11 Aprile, 2014 - 19:30

A cura di

Massimo Casagrande

Artisti partecipanti

Luca Gatto- Psicologo

Simone Toniolo-Architetto

Presso

Chiesa del Torresino
Centro storico-Cittadella (PD)

Comunicato Stampa

VERNICE CONTEMPORANEA

Presenta

ARTEMENTE

(Psicologia nelle immagini di un architetto e architettura nelle foto di uno psicologo)

Luca Gatto

(Psicologo)

Simone Toniolo

(Architetto)

A cura di Massimo Casagrande

Con il patrocinio del Comune di Cittadella (PD) e l’Assessorato alla cultura

 

Nasce per gioco l'umana unione tra architettura e psicologia. Un esperimento concettuale.

Questo incontro, inteso come sfida intellettuale, scaturisce da una solida presa di posizione: la presunzione di riuscire a fare qualcosa che accomuni e che possa stimolare interessanti nuove considerazioni.

“Io sono migliore di te” è il messaggio narcisistico che il nostro inconscio ogni giorno ci propone per garantirci la nostra sopravvivenza mentale nel mondo. Provare a scansarlo e approcciare al pensiero che alcune parti MIE  possono essere dentro di TE e che alcune parti TUE possono essere anche MIE è la fatica più grande che siamo chiamati a fare, se vogliamo, in una società dove l'individuo diventa sempre più singolo e sempre meno comunitario.

Parafrasando in questo senso l'installazione, potremmo valutare di trovarci idealmente nel complesso dell'“archilogia” e della “psichettura”. Tutto sommato, il connubio tra le arti non ha confini poi così definiti. Un’arte come strumento per spiegarne un’altra. Scoprire nell’uno le giustificazioni dell’altro, siano esse immagini, fotografie o riflessioni.

Dilatare i significati in applicazione a contesti "forse" estranei. Tutto e’ architettura, tutto e’ immagine, tutto è psichico, tutto è “vero”. Quanta realtà si cela nell’inconscio e quanto inconscio troviamo nella realtà? Provare ad usare una chiave di lettura con codici impropri per trovare delle affinità, possibili spazi di dialogo comune. Ecco che le sfumature prendono significato e che appare altro oltre all’immagine: le ritualità sono il luogo sicuro dove rifugiarsi, le tradizioni ci permettono di danzare in tempi ed in luoghi diversi del mondo, rassicurandoci sempre di poter tornare da dove siamo partiti, la nostra casa.

Il fascino dell’inconscio ci riporta a figure antropiche dalle forme elementari di base. L’essenzialità nel loro utilizzo dettata dalle necessità di un territorio, le trasforma in immagini antropologiche riconoscibili e quindi condivisibili collettivamente anche se appartenenti a luoghi, tempi e culture diversi. Queste emozioni tradotte, interpretate ricorrono nelle immagini mentali e in quelle catturate. Di fatto siamo fatti di esperienze. Ricordare un'emozione, la possibilità di rievocarla, la volontà di avere e volere ricordi, partono dal nostro profondo. Non vogliamo dimenticare o essere dimenticati, così, creiamo ricordi. Emozionarsi è “vivere”. Bloccare un'immagine in uno scatto, in una forma, in un tratto, in un graffio. Creare, scarabocchiare, disegnare un paesaggio, colorare un qualcosa, incidere, imprimere, segnare. Tutto ciò per noi significa generare ricordi: sono il nostro bagaglio che viene tramandato in là nel futuro, prima per noi stessi (per il nostro bisogno di essere vivi), e poi chissà, forse anche per gli altri.

Psicologia nelle immagini di un architetto e architettura nelle foto di uno psicologo è essenzialmente un'installazione la cui decifrazione induce interrogativi nella lettura delle immagini prodotte e catturate. La dote della creatività e il coraggio di osare permettono oggi all'uomo di proiettare/proiettarsi su qualunque sub-strato e con qualunque mezzo. Le infinite interpretazioni che ciò produce garantiscono la possibilità all'osservatore di riconoscersi o viceversa di estraniarsi da ciò che l'installazione produce, facendo vibrare antiche corde che altro non sono che  l'amore e l'odio, la vita e la morte.

Le immagini e le foto vogliono essere un espediente di riflessioni stimolate dalle brevi traduzioni a lato delle stesse. La giocosità sull’interpretazione bidirezionale di un'espressione artistica immaginata o fotografata scaturisce nelle possibili interazioni, interrogativi profondi fino all’essenzialità/complessità dei più basici quesiti esistenziali:

“Chi sono?”. (Psiche)

“Qual’e’ il mio posto?”. (Architettura)

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 756 visitatori collegati.

Informazioni su 'Vernice Contemporanea'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)