L’arte moltiplicata. Opere originali tra unicità e serialità

L’arte moltiplicata. Opere originali tra unicità e serialità

Titolo

L’arte moltiplicata. Opere originali tra unicità e serialità

Inaugura

Sabato, 9 Novembre, 2013 - 18:00

A cura di

Andrea Barretta

Artisti partecipanti

Valerio Adami, Remo Brindisi, Giuseppe Capogrossi, Bruno Caruso, Bruno Cassinari, Mario Ceroli, Christo, Salvador Dalì, Lucio Del Pezzo, Giosetta Fioroni, Salvatore Fiume, Lucio Fontana, Piero Gauli, Franco Gentilini, Hubertus Gojowczyk, Virgilio Guidi, Renato Guttuso, Guy Harloff, Emilio Isgrò, Wilfredo Lam, Riccardo Licata, Ligabue, Mino Maccari, Umberto Mastroianni, Luciano Minguzzi, Joan Mirò, Bruno Munari, Ugo Nespolo, Germano Olivotto, Aldo Pagliacci, Romano Parmeggiani, Concetto Pozzati, Mimmo Rotella, Giuseppe Santomaso, Aligi  Sassu, Mario Schifano, Emilio Tadini, Orfeo Tamburi, Joe Tilson, Ernesto Treccani, Victor Vasarely, Luigi Veronesi, Andy Warhol, Cesare Zavattini.

Presso

Galleria ab/arte
Vicolo San Nicola, 6 25122 Brescia

Comunicato Stampa

Il moderno e il contemporaneo di un fenomeno esploso negli anni Sessanta del Novecento. Una rassegna sui più grandi autori del XX secolo, da Mirò e Vasarely a Warhol, Christo e Tilson, da Fontana e Munari a Veronesi, Adami e Isgrò, che si sono confrontati sulla tecnica della grafica dall’incisione alla litografia e alla serigrafia, manufatti d’arte realizzati su diversi supporti in cui mostrano l’estro creativo come palestra di sperimentazione per la loro ricerca artistica e come apparato d’espressione eccezionale.

La storia dell’arte è fatta anche di incontri che hanno dato tanto, come tra artisti e mecenati, ad esempio, per intenderci, Giulio II e Michelangelo, Peggy Guggenheim e Jackson Pollock, Mark Rothko e John e Dominique de Menil,  ma è ricca anche di situazioni fortunate come quella tra il collezionista e gallerista di origine italiana Leo Castelli, protagonista dell’arte in America accanto a espressionisti astratti dell’Action painting come Jackson Pollock e Willem De Kooning, a neodadaisti come Robert Rauschenberg e Jasper Johns, con l’appoggio alla “Pop art” e a Roy Lichtenstein e Andy Warhol. Oppure di Pierre Restany con il “Nouveau Realisme”, di Germano Celant e l’arte povera o di Achille Bonito Oliva e la “Transavanguardia”. Così l’incontro di molti affermati artisti con una “idea”, quella di sottrarre l’operazione artistica al suo carattere di esperienza unica, ovvero l’idea del “multiplo” d’arte, un termine che nasce ufficialmente a Parigi nel 1966 nella Galleria Denise René impegnata in tale genere di oggetti d’arte “moltiplicati”, cioè riprodotti in più esemplari. Ma la nostra discussione parte da più lontano, ovvero dall’aspirazione evolutasi nel corso del Novecento di una maggiore introduzione dell’arte nella società. Non solo. Una riflessione sulla “riproducibilità” dell’opera d’arte non può non partire dalla constatazione che, “in linea di principio”, l’opera d’arte è sempre stata riproducibile, ma ciò che qui interessa non è la riproduzione intesa in questo senso bensì la produzione di opere d’arte originali, come succede per la pratica della fusione in bronzo, della calcografia, della litografia e della serigrafia, per quel settore esecutivo denominato “grafica d’arte” e, soprattutto, della stampa d’arte come per la fotografia e il cinema o la musica.
Se il compito del critico consiste nel dare una ridefinizione dell’arte oltre la sua forma classica, dobbiamo annotare che già dagli anni Venti del XX secolo gli artisti del “Bauhaus” erano contro l’opera unica, supportati da Marcel Duchanp che contribuì alla polemica sull’arte moltiplicata con la produzione nel 1934 (tiratura di trecento esemplari più venti) di “La mariée mise à nu par ses célibataires même” pubblicata da Rrose Sélavy a Parigi, e i suoi “Rotoreliefs”, stampati nel 1935 in cinquecento copie e ristampati infine in mille esemplari a New York nel 1963. Ricordiamo anche gli “Originaux Multiples” di Jean Fautrier che espone nel 1950, e Man Ray che nel 1960 produce “Blue bread - favourite food for blu birds” (Pane blu - cibo favorito per uccelli blu), edito in nove esemplari da Paul Haim a Parigi.
Il multiplo dell’opera d’arte, insomma, rimane tuttavia un processo di pluralità estetica ancora non del tutto risolto, dal momento che resta il privilegio della tiratura limitata in esemplari che determinano il valore, e quindi lega quest’arte ancora a una sorta di “unicità” costruita all’interno della cosiddetta tiratura. Da iniziativa artistica-commerciale, dunque, la moltiplicazione dell’opera d’arte ha rilevato un “valore” per le sue premesse culturali nel demitizzarne l’idolatria come prezioso pezzo unico, preferendo un’estetica egualitaria elaborata da artisti come quelli citati e molti altri.
L’arte moltiplicata risulta, quindi, essere una promessa di distinzione nell’arte, una scelta privilegiata in edizioni limitate e certificate, garantite dalla firma d’autore, con l’obiettivo di ritornare a comunicare emozioni e bellezza e in proposte che toccano anche molti giovani dell’arte contemporanea giacché è il contemporaneo stesso ad essere serializzabile nella sua quotidianità, e ne manifesta la maniera espressiva, ne mostra le incertezze in un mondo che cambia, dove la molteplicità è a volte provocazione ed esagerazione.
In definitiva la storia del Novecento artistico è la storia del multiplo, e la storia del progresso tecnologico è la storia dell’arte nel Novecento, in cui i più importanti artisti si sono confrontati con le nuove metodologie, costruendo un nuovo mercato che di fatto ha dato la possibilità di operare con alternative creative fino ad allora impensabili. Col multiplo l’opera d’arte realizza il fenomeno che il filosofo tedesco Benjamin chiama la “perdita dell’aura”, concetto ripreso da Baudelaire che ne elaborava il carattere “sensazionale” nello spettatore alla presenza dell’esemplare originale.
Andrea Barretta

Orario: da giovedì a sabato ore 9,30 - 12, 30 e 15,30 - 19,30

 

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 606 visitatori collegati.

Informazioni su 'Andrea Barretta'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)