Milano 70 allora con Walter Leonardi, scenografie di PAO

Milano 70 allora con Walter Leonardi, scenografie di PAO

Titolo

Milano 70 allora con Walter Leonardi, scenografie di PAO

Inaugura

Giovedì, 31 Maggio, 2012 - 19:30

A cura di

PianoinBilico

Artisti partecipanti

PAO, Walter Leonardi

Presso

Areapergolesi

Comunicato Stampa

LA RASSEGNA
Lo spettacolo viene proposto all'interno della rassegna Vogliamo vivere, punto di fusione, organizzata dall'associazione Pianoinbilico La rassegna si pone come obiettivo di fondere il Teatro a forme d'arte differenti, in modo che l'alchimia dell'incontro tra la rappresentazione teatrale e un'Arte faccia nascere una Creazione che abbia maggiore potenza e forza comunicativa.
Ri-nascono così 14 spettacoli dal vivo, dove 14 compagnie teatrali collaborano e si fondono con 14 artisti di varie discipline.

LO SPETTACOLO
Milano 70 Allora

Di Walter Leonardi e Paolo Trotti
Con Walter Leonardi
Regia di Paolo Trotti
Scenografie di Pao

dal 31 MAGGIO al 3 GIUGNO
gio | ven | sab ore 21.30 dom ore 21.00

A Milano negli anni 70

A Milano negli anni 70 c’era molto più inverno di ora.
A Milano negli anni 70 c’era molta più nebbia di adesso.
A Milano negli anni 70 c’era Jannacci che lui è un dottore, si è laureato, chissà che ridere in reparto i suoi pazienti e allora io mi immaginavo lui con il camice in corsia che cantava tutto il giorno “el portava i scarp del tennis” e i pazienti che morivano.
A Milano negli anni 70 c’erano il catechismo il mercoledì che era brutto, l’elastico, il cemento, il mondo e lo scheitbord che era bello.
A Milano negli anni 70 c’era in piazza del Duomo una signora fatta di luci che batteva a macchina. Quello per me era il lavoro. Tutti negli anni 70 lavoravano così.
A Milano negli anni 70 c’era piazza del Duomo che ci passavano le macchine che poi non si poteva più perché se no il Duomo veniva giù e siccome non lo avevano ancora finito di costruire era un peccato.
A Milano negli anni 70 c’erano tre ragazzi che adesso non ci sono più.

Lo spettacolo

Nel pieno spirito di quegli anni è uno spettacolo anarchico fatto di monologhi comici, parole, poesia e musica, alternando continuamente il comico e il drammatico senza soluzione di continuità. Brani distinti che sommati restituiscono alcune atmosfere di Milano di quegli anni, punto di riferimento per l’Italia intera.
Walter Leonardi, attore/imbonitore racconta i suoi anni 70 mischiando frammenti di realtà e pezzi di mitologia urbana attraverso gli occhi di un bambino che prende consapevolezza della paura (monologo de i 3 Renati), del primo amore (monologo di Barbara), degli scontri di piazza raccontati dalla sorella di dieci anni più grande (monologo Mia sorella Dio).
Comune denominatore è la velocità che macina rivoluzioni ideologiche e tecnologiche, “…bisognava correre altrimenti il cecchino della paura ti colpiva…” e correre anche per star dietro ai cambiamenti e capovolgimenti “socio-politicitecnologici” tanto grandi da essere l’inizio del futuro.
Milano 70 allora è uno spettacolo comicissimo che sterza con violenza nella tragica evocazione della morte di tre ragazzi uccisi dalla polizia durante gli scontri di piazza.

La scenografia

Il monologo di Walter Leonardi interagisce con l'arte di Pao, conosciuto street artist milanese, scenografo per l'occasione.
Disegni e sagome si sommano durante il racconto, proiettati sullo sfondo come un enorme murales, formando un vibrante affresco del costante scontro tra potere costituito e società civile.

Parte delle scenografie sono state create durante il workshop di Scenografia Urbana tenuto da Pao nello scorso novembre. A completare il tutto ci sarà l'esposizione di alcune opere di Pao all'interno dello spazio Areapergolesi.

Gli autori

“Un libro dedicato a Carlo Giuliani raccontava le morti dei ragazzi uccisi dalla polizia e nello scontro sociale dal ‘70 al ‘77 in Italia. Da qui è partita la mia volontà/necessità di fare uno spettacolo sulla violenza della piazza, su quali siano i reali motori delle rivolte e di quanto testosterone stia dietro a queste vicende. Uno spettacolo catartico per superare il grande shock della mattanza di Genova 2001 durante la riunione dei G8.
In qualche modo un omaggio alla mia generazione che ha subito in un sordo silenzio la forza di un ribaltamento sociale così potente e sconvolgente come quello della Globalizzazione”.
Walter Leonardi

“Milano70 allora è stato un viaggio alle sorgenti delle mie ansie di oggi: paura, precarietà,
prossimità alla fine di un mondo conosciuto, erano sensazioni che si respiravano quotidianamente
in quegli anni. La genesi dello spettacolo ha un forte percorso storico politico che parte dalla fine
della seconda guerra mondiale e arriva fino alla grande svolta dello smembramento delle
fabbriche e della forza lavoro, ma in questo percorso, centrale è sempre stato l’uomo. La sua
umanità. La sua ironia speranzosa.”
Paolo Trotti

Le biografie

Walter Leonardi (attore, regista e autore nato in Messico nel 1966) si è formato alla Scuola d’Arte Drammatica di Milano Paolo Grassi. Dopo aver fatto parte della compagnia di Giorgio Barberio Corsetti per molti anni (cinque produzioni, debutto come protagonista nel 1994 nel “Mefistofele” al Teatro di Taormina e nel 1999 Premio Ubu come Miglior Spettacolo con “Il processo”), aver collaborato in diverse occasioni con Paolo Rossi (nel 2004, “C.C.A.
Cinici Comici Acrobatici” e programma televisivo in onda su Italia1 “Scatafascio”), e dopo aver “frequentato” il piccolo e grande schermo (in tv con Serena Dandini nel 2002 e al cinema per la regia di Carlo Mazzacurati e di Francesca Archibugi), sceglie una strada autonoma, rispondendo ad un’esigenza prima personale che artistica. La strada di chi prova a raccontare ma soprattutto spiegare a se stesso la propria generazione (senza farsi prendere dal panico, possibilmente): una generazione che non è protagonista, ma solo ingenua spettatrice della rivoluzione culturale degli anni settanta e che, invece, subisce senza possibilità di salvarsi la tonda precarietà del nuovo secolo.

Pao è un artista italiano. Nasce nel 1977 a Milano e dal 2000 è attivo nel panorama dell’arte di strada, a partire dal 2007 realizza opere anche su tela; lavora a Milano.
Pao si forma principalmente in teatro, dove lavora come fonico, tecnico di palcoscenico e macchinista con la compagnia di Dario Fo e Franca Rame, studia e lavora presso i laboratori del Teatro alla Scala di Milano.
I suoi primi interventi nel campo della street art nascono nel 2000, quando inizia a re-interpretare il contesto urbano in modo creativo e giocoso: le sue opere più famose e conosciute sono i pinguini dipinti sui paracarri stradali.
Pao ha esposto in diverse mostre collettive e personali, in Italia e all'estero.

ORARI DEGLI SPETTACOLI
Dal 31 maggio al 3 giugno 2012
gio | ven | sab | ore 21.30 - dom ore 21.00
Dalle 19,30 Esposizione delle opere di Pao

LUOGO
Areapergolesi
via G.B. Pergolesi 8, Milano - (MM Loreto/Caiazzo)

COME PARTECIPARE:
passo 1) Fai la tessera gratuitamente
www.vogliamovivere.org/tesseramento/
www.areapergolesi.it/ita/FarneParte.aspx

passo 2) Prenotati
tramite mail: info@vogliamovivere.org
oppure telefonando direttamenete al 348.4913841 / 331.7035500

passo 3) Acquista il biglietto
la sera dello spettacolo

* Si consiglia di prenotare e fare il tesseramento gratuito entro 24 ore prima dello spettacolo per evitare ritardi.

INFO
Biglietto intero €12 - ridotto under 25|over 65 €6
per info e prenotazioni cell. 392.4472329 | 331.7035500 | 348.8009828
info@vogliamovivere.org - www.vogliamovivere.org

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 630 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)