MiArt vs. aam, aam vs. MiArt L’aprile “caldissimo” dell’arte milanese

arte, mostre, eventi, artisti, cultura contemporanea

 

 

 

 

MiArt vs. aam, aam vs. MiArt

L’aprile “caldissimo” dell’arte milanese

di Nila Shabnam Bonetti

 

 

Non ho mai amato le fiere, anche nella migliore delle ipotesi (vedi Basilea o Bologna), si tratta di una mercificazione dell’arte. Certo, in questo sistema l’arte è un bene di lusso e gli artisti (e tutto il loro sottomondo) campano se vendono le opere. Quindi, le fiere, sono un tassello indispensabile del sistema. Tanto vale allora progettare qualcosa di buono.

Nel caso di Milano resto piena di perplessità. Questo moltiplicarsi di fiere “accessibili” risponde a un effettiva richiesta del mercato? Con la crisi che investe tutti i settori, i collezionisti hanno abbassato il tiro puntando a opere più economiche, da cui consegue l’investimento sui più giovani? O le gallerie si sono adattate alle tasche del pubblico? L’impressione è che si sia creata una spaccatura sempre più evidente tra gallerie che trattano artisti famosi e quelle che puntano sui giovani. Oltre al periodo nero che stanno passando molte di loro. MiArt, fiera “pettinata tra le pettinate”, ospita le migliori gallerie sul mercato e un collezionismo raffinato e d’alto livello che ricerca un investimento sicuro, garantito dai super curatori Giacinto di Pietrantonio e Donatella Volontè. Quest’anno mi è sembrata ancora più selettiva (non che la selezione sia frutto di un’analisi attenta di esperti). Meno male che nelle corsie hanno disposto delle sedute comodissime su cui addormentarsi. Ci saranno anche i migliori, ma lo sforzo non c’è stato, troverete un susseguirsi armonico, di stand in stand, di quadri e sculture. Effetto ipnotico appunto. E dopo 10 minuti il bombardamento visivo genera una linea piatta nel cervello. Arte Accessibile a Milano risponde con entusiasmo alla sfida. Non potendo puntare sulla qualità eccelsa (anche se c’è del buono) cerca di sperimentare dando spazio a installazioni (i migliori li mette ingenuamente nel sottoscala) e performances. Voci di corridoio mi dicono che a MiArt stanno vendendo parecchio e ad aam un po’ meno. L’impressione è che il piccolo e medio collezionista si stia un po’ estinguendo in questo periodo. Ma la ruota continua a girare. Di sicuro questa città sopravvive per manifestazioni dedicate a moda e design, sull’arte investe poco e si vede.

 

VEDI ANCHE TUTTE LE IMMAGINI:

Miart 2011

Arte Accessibile Milano

 

 

 

Commenti

Milano Fiere !

Non sono mai stato al MiArt, mi basta ARTISSIMA.
Le Fiere accessibili mi attirano. Quest'anno ho purtroppo perso l'AFFORDABLE ART FAIR di Milano che fa parte di un circuito internazionale.
Io credo molto nell'arte accessibile, la vivo come un mezzo per allargare il collezionismo anche alle tasche delle persone normali economicamente ma "avanzate" culturalmente.

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 553 visitatori collegati.

Informazioni su 'Nila Shabnam Bonetti'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)