Materia Sonica 01

Materia Sonica 01

Titolo

Materia Sonica 01

Inaugura

Martedì, 1 Maggio, 2012 - 21:00

Artisti partecipanti

Dies_

Dies_, con le sue opere materiche e virtuali, riattraversa i territori dell’informale della metà del secolo scorso per riattivarli sotto una differente ottica contemporanea che comprende tematiche proprie dei laboratori scientifici, quali il magnetismo e il rapporto suono/materia, affrontati però con un’attitudine visionaria, sempre cercando i mezzi e il modo più penetrante per fissare intime proiezioni e onde sonore nella realtà percepibile.

Biografia
L’attività artistica di Dies_ (Fabio Volpi) si sviluppa nel collettivo Otolab a partire dal 2001, partecipando alla creazione di eventi multimediali che vengono proposti dal vivo a Milano, Roma, Bologna, Bruxelles, Parigi, Città del Messico e Montreal. Nel 2003, assieme a Davide del Col fonda il gruppo Echran, con il quale pubblica due album Echran del 2005 e In Offret del 2009. Nel 2008 cura personalmente l’mmagine grafica e i visual per le esibizioni multimediali dell’ensemble di musica contemporanea Sincronie, che vengono realizzate anche queste dal vivo a Jakarta e Bali, in Indonesia, nel 2009. Dal 2008 assume l’incarico di docente del corso di teoria della rappresentazione presso il Centro di Formazione Professionale “Riccardo Bauer” a Milano. Nel 2010, alla Galleria Fabbrica Borroni di Bollate (Mi), espone le proprie opere pittoriche derivate dalla live media performance Les Champs Magnétiques, vincitrice del concorso internazionale “Celeste Prize” a Berlino. Attualmente integra l’attività di insegnamento al C.F.P. Bauer e all’accademia N.A.B.A. di Milano con le creazioni artistiche multimediali all’interno del collettivo Otlolab e Studio 28 factory.

Sito web: dies-project.com

Presso

Interni Mangiola Lab

Comunicato Stampa

L’allestimento attuale delle opere di Dies_ è il risultato di un fissaggio su supporto fisico e virtuale delle recenti esperienze performative e di ricerca personale nel vasto campo, non del tutto esplorato e sempre fertile di nuove suggestioni, che è quello del rapporto tra suono e materia. Questa tematica si pone senza soluzione di continuità rispetto a quella della precedente esposizione tenutasi alla Fabbrica Borroni nel 2010 (Sinergie, bipersonale con Fabio Weik curata da Fiordalice Sette). In quel caso il territorio indagato era quello del magnetismo inteso dal punto di vista visivo; ora, l’aura che teneva in sospensione i corpi delle opere precedenti assume un connotato che si sviluppa anche nella dimensione temporale, richiedendo in maniera sinestetica l’intervento percettivo delle sensazioni uditive del visitatore.
Lo scontro audiovisivo tra la materia e i suoni viene affrontato da molteplici punti vista, a partire da quello del semplice riferimento come fonte di suggestione compositiva oppure come risultato di un processo “Cimatico”, un lavoro pittorico senza intervento diretto dell’autore, dove le molecole di pigmento vengono disposte nello spazio dalle onde di pressione sonora (serie Materia Sonica). I supporti delle opere, Mater I e II, diventano veri e propri strumenti percussivi a livello fisico, sonoro e anche virtuale: durante la performance d’inaugurazione, infatti, l’intensità dell’esecuzione interverrà in maniera decisa nella manipolazione dal vivo delle videoproiezioni, che avranno come soggetto le opere stesse in una rivisitazione temporale nella quale assumeranno una vita propria, evanescente ed opposta a quella materica da cui provengono.

Performance: 01/05 h.21
Performance: 12/05 h.21

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 588 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)