Luo Minjun - copertina n.153

 

 

 

"Sweet weapon"

Ink on chinese paper

95x80cm

2005

©Luo Minjun

 

 

Luo Minjun sceglie di abbandonare la pittura a olio in favore di inchiostro di china e carta di riso. Si tratta di una conquista molto importante che incarna il rifiuto di tutto ciò che è stato importato e imposto in Cina, da parte dell'accademismo russo, e il conseguente ritorno a una tradizione ancestrale che da sempre costituiva la gloria della cultura cinese. Una riappropriazione significativa che non si limita ad una differenza tecnica, ma coinvolge anche l’ambito filosofico: un sistema di pensiero e di valori.
La pittura a olio serve a riprodurre la realtà, attraverso la sua natura materica e realista, e una volta asciutta forma uno strato che ricopre la superficie e la nasconde. La china, invece, è fluida, appartiene agli elementi acqua e aria, si integra col supporto lasciandolo interagire, mantenendo un equilibrio tra i pieni e i vuoti che non riproduce la realtà, ma ne crea una alternativa.

 

 

 

Vuoi ricevere la nuova copertina via mail?

COVER VIA MAIL
ricevi la nuova copertina via mail ogni settimana

Nome e Cognome
La tua mail:
Oggetto:

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 1189 visitatori collegati.

Informazioni su 'Cecilia Freschini'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)