Leo Galleries - Nadia Galbiati - considerazioni

Nadia Galbiati traduce attraverso il disegno la complessione volumetrica delle architetture urbane seguendo la procedura tipica dell'incisione. Il risultato è la riproduzione su lastre di ferro degli scorci parziali e dei corpi in rilievo che compongono un edificio - la nuova sede della Bocconi di Milano, per esempio - scelto dall'artista per enfatizzarne le relazioni pieno/vuoto. La matrice concettuale su cui Nadia Galbiati lavora è dunque il concetto primario di spazio, considerato non tanto in relazione a quel suo "sottoinsieme" che è il luogo - che potremmo chiamare la sagomatura dello spazio -, quanto piuttosto a quel corpo scultoreo che è lo sviluppo dei pieni e dei vuoti incarnato in una massa architettonica. Queste relazioni pieno/vuoto proiettate su lastre di ferro nero si combinano, negli spazi espositivi di Leo Gallery a Monza,  attraverso installazioni a pavimento, opere a parete e composizioni tridimensionali, dando forma a quelle Architetture di-segnate  che il titolo della mostra sintetizza icasticamente.

dal 7 maggio al 17 giugno 2011

http://www.leogalleries.com/

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 692 visitatori collegati.

Informazioni su 'Emanuele Beluffi'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)