L'avanguardia gestaltica degli anni sessanta_50 years later

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Dal 24 settembre al 26 novembre 2011 a Brescia la Galleria Kanalidarte ospita

“L’avanguardia gestaltica degli anni sessanta_cinquant’anni dopo” a cura di Enrico Baleri

prodotta ed organizzata dal suo Centro Ricerche in stretta collaborazione con la Galleria stessa.

L’inaugurazione avviene in concomitanza con la “Settimana dell’arte di Brescia” ...

           

La mostra presenta il lavoro degli artisti che hanno iniziato

quel movimento definito in Italia Arte cinetica e programmata (definizione errata, castellani e manzoni non sono artisti programmati!!!):

Getulio Alviani, Enrico Castellani, Piero Manzoni, Enzo Mari, Bruno Munari,

il Gruppo N di Padova (Alberto Biasi, Ennio Chiggio, Toni Costa, Edoardo Landi,

Manfredo Massironi), il Gruppo T di Milano (Giovanni Anceschi, Davide Boriani,

Gianni Colombo, Gabriele De Vecchi, Grazia Varisco).

                       

Gli anni sessanta sono stati, in Italia e non solo, un periodo frenetico segnato dal boom economico

e dalla rivoluzione culturale, un momento in cui idee e cambiamenti si susseguirono velocemente,

dal mondo della ricerca al mondo dell’arte, attraverso le nuove tecnologie fino a coinvolgere

tutti gli aspetti della vita quotidiana. In questo momento di vivacità culturale e di curiosità intellettuale,

molti artisti si trovarono concordi sulla necessità di definire un ruolo nuovo e diverso alle espressioni artistiche. 

L’Arte programmata si confronta quindi con i nuovi materiali e con le nuove tecnologie

che si stanno diffondendo e soprattutto modifica il rapporto tra opera e spettatore.

Lo spettatore assume un ruolo di rilievo nella definizione dell’opera stessa,  ne viene coinvolto,

ne diventa parte integrante, cessa di essere unicamente passivo. Inoltre l’opera d’arte fino a quel momento unica

e irripetibile perde queste sue caratteristiche per diventare riproducibile all’infinito.

           

La curiosità di confrontare la vivacità culturale e lo spirito di ricerca della generazione degli anni sessanta

con il clima culturale dei primi anni novanta è stata all’origine della mostra organizzata da Enrico Baleri nel 1993 a Milano nello showroom Baleri Italia.

 Per l’occasione è stata realizzata un’edizione in tiratura limitata di 100 esemplari firmati e numerati. Ciascuna si compone di 13 opere, una di Gianni Colombo in legno, acciaio e vetro

e dodici lavori degli altri artisti presenti in mostra realizzati su carta con tecniche miste:

serigrafia, litografia, incisione e collage.

 

Oggi la mostra alla Galleria Kanalidarte con i 13 multipli esposti accanto alle opere originali, una per ogni artista, attualizza questo confronto invitando a riflettere sul contributo delle nuove generazioni alla società contemporanea e sull’importanza della ricerca dell’avanguardia gestaltica, ancora perfettamente attuale, cinquant’anni dopo.

 

Commenti

Nel 1992 ho avuto la fortuna

Nel 1992 ho avuto la fortuna da imparare da Enrico Baleri nel suo studio presso Milano.
Vorrei ringraziare tutte le grande lezioni imparate in quelli messi.
MJS

Un percorso attraverso opere

Un percorso attraverso opere storiche di quegli artisti legati creativamente alla psicologia della Gestalt, il cui studio è incentrato sull'interazione tra l'uomo e la forma, ovvero come la percezione delle forme divenga esperienza psicologica. Risultati che hanno determinato un cambiamento radicale nel panorama artistico della seconda metà del Novecento attraverso una vasta gamma di varianti che vanno dal movimento che muta le forme, ai risultati ottici, alle mutazioni plastiche.

-

 Kanalidarte

Afra Canali

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 621 visitatori collegati.

Informazioni su 'Kanalidarte'

Metti il tuo post in evidenza

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)