LATINAMENTE: arte contemporanea latinoamericana

LATINAMENTE: arte contemporanea latinoamericana

Titolo

LATINAMENTE: arte contemporanea latinoamericana

Inaugura

Venerdì, 5 Ottobre, 2012 - 19:00

A cura di

dores sacquegna

Artisti partecipanti

Bartus Bartolomes;Ricardo B. Sanchez;Josè Coronel;Domingo De Lucia;Astolfo Funes;Katiuska Gonzales;Ytaelena Lopez;Sandra Garcia Pardo;Paola Puppio Zingg

Presso

The Office Contemporary Art

Comunicato Stampa

L’arte contemporanea del Sudamerica ha avuto negli ultimi anni un grande sviluppo. Oltre al macro-continente brasiliano, molti degli altri paesi latini hanno visto fiorire accademie, musei e ambienti di ricerca al livello dei paesi leader del mercato dell’arte. Questa mostra, promossa dalla galleria Primo Piano LivinGallery di Lecce, e curata da Dores Sacquegna, è una lente di ingrandimento sul panorama dell’arte di oggi del Venezuela ed è parte di un progetto itinerante che ha avuto altre tappe a Lecce, Bari e Napoli e che ha come obiettivo far conoscere al pubblico italiano questo mondo affascinante in bilico tra il linguaggio della modernità e i legami con la tradizione.

Poche volte i luoghi dell’arte Italiani si sono occupati del Venezuela. Eppure il legame tra l’Italia e questo paese è sempre stato molto stretto, grazie alla forte immigrazione che a più riprese c’è stata verso quelle terre. La situazione politica incerta ha certamente reso più difficile l’emergere di scuole artistiche in grado di imporsi sulla scena internazionale, ma tra queste si ricorda la fondazione del Círculo de Bellas Artes, in cui operarono scrittori, poeti e pittori di avanguardia, che segna il momento di rottura con l'accademismo; la scuola ispirata al Bauhaus di E. Monsanto, con una ricerca che sfociò verso le più avanzate correnti artistiche venezuelane, vicine all'astrattismo; il gruppo dei “Dissidenti” di cui fecero parte, tra gli altri, Alejandro Otero, Pascual Navarro, Luis Guevara Moreno. Nella seconda metà del Novecento la Fondazione del Taller Libre de Arte, cui aderirono tra gli altri Oswaldo Vigas, Omar Carreño, mentre gli anni Sessanta furono dominati da artisti dell'arte cinetica tra cui C. Cruz Diez e J. Soto. Tra i nomi emersi dal 1970 in poi si citano Carlos Zerpa, Henry Bermúdez, Rolando Peña, José Campos Biscardi, Francisco Hung, Corina Briceño, Margot Römer, Ana María Mazzei, Bartus Bartolomes, Josè Coronel, Ricardo B.Sanchez, Domingo De Lucia, artisti il cui lavoro progressivamente acquista riconoscimenti a livello internazionale. Tra i “giovani” troviamo Astolfo Funes, Carlos Anzola, Alberto Riera, Roberto Notarfrancesco ed altri.

Nonostante le difficoltà degli ultimi anni, il fermento creativo e la voglia di dare voce alla propria identità ha fatto emergere nuovi nomi di singolare unicità. La mostra presenta 9 artisti che sperimentano forme e generi molto diversi fra loro. Nomi più conosciuti come Bartus Bartolomes noto per il suo proclama sul "Transposizionismo" centrato sulle nuove iconografie e simbolismi dell’ "arte visiva" contemporanea. Le sue opere (pittura, disegno, caricatura, fotografia, design e poesia) si ispirano a sincretismi, ibridazioni e codici segreti, espressi con i linguaggi della contemporaneità. Ricardo B. Sanchez, architetto e fotografo, che opera sui concetti di identità e di emigrazione, Josè Coronel, anche disegnatore e grafico, esegue grandi murales e ha avuto importanti retrospettive pubbliche. I suoi lavori (tra scultura e pittura) giocano con la luce in labirintici incastri di colore e trasparenze. Domingo De Lucia,italo americano, emigrato in Venezuela, è un artista minimalista ed è presidente della Fundación ArtQuímia ed Atenea a Caracas. Dal 1997 è membro del “Grupo Provisional” una associazione di artisti che operano nel campo dell’arte e della cultura. Tra i “giovani” figurano Astolfo Funes, le sue opere sono in prestigiose collezioni internazionali private e pubbliche. Opera con la pittura, con un segno graffiante e tipico latino; la fotografa Paola Puppio Zingg con il suo realismo magico in chiave contemporanea, l’artista Katiuska Gonzales, Ytaelena Lopez che lavorano anche con video ed installazione. Inserita in mostra l’artista Sandra Garcia Pardo, nata in Colombia, che negli ultimi anni collabora con Bartus Bartolomes e inserita nel progetto come “Visiting Artist”. Opera con scultura e installazione.

Tra nuova figurazione, linguaggi sperimentali o astrazione, elementi comuni sono sempre un’attenta osservazione della società in evoluzione del loro continente e una esplosione di vita che rendono la mostra un’esperienza dei sensi.

La mostra aderisce all’ 8a Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI.
http://www.amaci.org/gdc/ottava-edizione/latinamente-arte-contemporanea-latinoamericana

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 836 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)