L'arte è donna: l'artigianato creativo di Monica Righi e Lara Bobbio. Al Lab Bla Bla Bla di Lecce.

 

L'energia creativa, l'amore, il gioco. Che scaturiscono dalla "consapevolezza della nostra interdipendenza con tutto il resto dell'universo". E' il fil-rouge che sottende il percorso artistico di Monica Righi, ceramic-designer romana, trapiantata a Lecce da dieci anni, che ha aperto - insieme all'architetto e textildesiner Elena Petrucci - il laboratorio creativo "Lab Bla Bla Bla - handmade with love nel Salento" , nel centro storico della città barocca. Quello che colpisce nell'immediato, entrando dello spazio-show room, che è più una bottega d'arte, è l'atmosfera accogliente e gioiosa che si respira. E i colori accesi che caratterizzano la maggior parte degli oggetti in ceramica per la casa, gioiellini artigianali e abiti ecologici, che trasudano vitalità e amore da tutte le materie di cui sono composti. Monica "trasforma idee in oggetti", in un contesto di totale libertà espressiva che, partendo da un ritorno all'artigianato, si compenetra in ispirazioni pop art. Ma anche la concezione dell'artigianato di Monica è avulso da rigide regole tecniche. L'artista romana, che ha studiato all'Istituto Europeo di Design e ha frequentato la bottega di un ceramista della sua città natale, spiega infatti di amare l'immediatezza del risultato e di aver sperimentato, per questo, nuove tecniche di smaltatura e cottura. Insomma, pur conoscendo la tecnica base del lavoro in ceramica e del design, Monica sceglie la libertà creativa. E disegna collezioni per aziende, oltre a partecipare a diverse collettive. L'ultima è stata "Rossovalentine", allestita al Lab Bla Bla Bla, dall'11 al 14 febbraio scorso. Una collettiva al femminile, incentrata sull'ecologia e in particolare sul riutilizzo di materiali. Oltre ai lavori in ceramica di Monica, hanno esposto le loro opere l'architetto Valeria Crasto, che ha presentato la sua collezione Doppia Onda, basata sul riciclo del cartone; Djamila Borra con i suoi gioielli in pietre dure; la pittrice Marina Martucci, con le sue tele minimaliste e Lara Bobbio, che ha presentato le collezioni "LRJ/USAMI 00 00" e "PORTA-ME", incentrate sull'innesto tra arte e riciclo tessile. 

Espliciti messaggi ecologici quali "Save the planet" o frasi del tipo "Ognuno di noi beve in media 4 litri di acqua al giorno, per produrre il fabbisogno alimentare giornaliero sono necessari 2000 litri -500 volte tanto" sono appunto i "messaggi in movimento" che Lara Bobbio applica alle sue coloratissime ed eccentriche creazioni:  abiti e borse in puro stile hippie e rivisitati in chiave personalissima. L'artista, nata a Beirut, che dopo Milano ha scelto il Salento come sua dimora, ha incentrato il suo multiverso creativo (http://www.larabobbio.it/home.html) sui temi del riciclo e del design ecologico. 

 

Lab Bla Bla Bla

via Petronelli 12 - Lecce 

Infotel: 348.6708946 e 348.3726552 

Infoweb: fatomal.com; www.iglazed.com

 

 

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 697 visitatori collegati.

Informazioni su 'Cecilia Pavone'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)