l'acqua la natura le donne

l'acqua la natura le donne

Titolo

l'acqua la natura le donne

Inaugura

Sabato, 25 Agosto, 2012 - 18:30

Presso

Salone delle Esposizioni

Comunicato Stampa

 

Può una malattia dare spunto a un progetto curatoriale? Per definizione una malattia inibisce le naturali funzioni di una persona e tutto ciò porta alla ricerca di una terapia, per guarire e riprendere la propria vita come prima, ma con una nuova visione. Parliamo di incidenti di percorso che a seconda della gravità possono realmente cambiare l’ esistenza del paziente e di chi sta accanto, anche se apparentemente la nuova situazione viene vissuta come una forma obbligata di privazione e di limite, paradossalmente può regalare un metro di valutazione meno superficiale, proiettato, quindi a rifiutare luoghi comuni e burocrazie mentali, per superarli e agire secondo un orientamento più libero soggetto a una propria coscienza e sensibilità umana. A febbraio un componente del gruppo della Galleria d’arte Arte in Movimento viene colpito proprio sul lavoro da una grave patologia che cambia la sua vita, inevitabilmente il resto dello staff  sensibilizzato maggiormente dall’accaduto apporta un mutamento alla propria mission. Si rallenta il ritmo lavorativo, il numero delle mostre, per valutare iniziative più sperimentali e orientate a scopi benefici e socialmente utili. Ci si allontana dalla tendenza comune di imbastire esposizioni fine a se stesse o da richiamo al solo fine pubblicitario, nasce così l’urgenza di cercare un modo di comunicazione diverso rivolto a un target più ricettivo alle novità. Insieme alla Fondazione dell’Arte Contemporanea ass. cult. i curatori della manifestazione Roberta Perucci ed Emanuela Orsini progettano un festival a più step, Il Nuovo Festival delle Arti Contemporanee L’acqua, la natura e le donne con diverse location proponendo artisti conosciuti e non, tutti provvisti di un comune denominatore: una profonda sensibilità alle fragilità umane, pronti a mettersi in gioco per scoprire nuove ricerche. Una sinergia fra arte e medicina, nella fattispecie la riabilitazione, nessuna pretesa a consacrare l’evento a festival accademico e di risonanza internazionale, standardizzarlo, ma ad articolarlo da un’esposizione scelta di opere dalla pittura, alla fotografia e installazione all’interno del Salone delle esposizioni a Forte dei Marmi in Via Trieste dal 25 agosto fino al 7 settembre, a un concorso interno rivolto a medici e fisioterapisti, dal titolo: La donna nella sfumatura della riabilitazione. Infatti i terapisti e alcuni medici del reparto di riabilitazione della Fondazione Opera San Camillo di Forte dei Marmi parteciperanno con i propri elaborati, sotto forma di componimenti poetici, dossier fotografici a vere e proprie tesi e racconti personali per interpretare la tematica del concorso, il tutto scandito da un ciclo di incontri fra addetti ai lavori e artisti che avrà termine con il terzo step. L’opening della mostra prenderà corpo sabato 25 agosto dalle ore 18.30 con la presentazione del programma della manifestazione a cura dei galleristi, il tutto accompagnato dalla partecipazione degli artisti e di alcuni medici invitati all’evento, così da offrire nuove chiavi di lettura in campo artistico e medico.   

 

Galleria d’arte Arte In Movimento

info@galleriarteinmovimento.com

www.museoarteinmovimento.com

Info: +39 347.5463749

l.f.d.art.contemporanea@alice.it

lafondazionedellartecontemporanea.blogspot.it

galleriaarteinmovimento.blogspot.com

 

 

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 519 visitatori collegati.

Informazioni su 'Emanuela Orsini'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)