nascondere, origini

dal 20 marzo 2015 al 18 aprile 2015

Arte/Studio Gallery, Benevento

Venerdì 20 marzo 2015, dalle ore 17.00, presso la galleria Arte/Studio di Mario Lanzione, in via Sant’Agostino 15, a Benevento, sarà inaugurata “nascondere, origini”, mostra a cura di Mario Francesco Simeone, allestita nell’ambito di “Primo Vere”, la rassegna espositiva ideata e diretta da Mario Lanzione, che, per questa seconda edizione, è dedicata alle sperimentazioni degli artisti più giovani. Alla collettiva parteciperanno Gianmarco Biele, Andrea Bolognino, Vito Chianca, Vincenzo D’Argenio, Alessandra Donnarumma, Antonio Spagnoletti Cirocco. Il percorso espositivo sarà composto da sei lavori realizzati con tecniche diverse – dalla pittura all’installazione, dallo stencil alla fotografia – e pensati per l’occasione. Le opere rappresentano il momento conclusivo di una riflessione sul linguaggio dell’oggetto artistico che, nascondendo i propri segni e concetti, crea quel fraintendimento del senso fondamentale per creare origini sempre nuove. La narrazione visiva dialogherà con il fruitore nello spazio della galleria e, diffondendo un ritmo eterogeneo sulla superficie architettonica, diventerà un codice da interpretare secondo le intuizioni e le sensazioni di chi osserva.  

Durante la serata, si svolgerà un intervento musicale del Maestro Giuseppe Morante.

Dal testo critico:

"Il carattere imprevedibile della forma, quel margine di incoerenza che gioca ad avanzare e retrocedere nell’interpretazione dell’oggetto d’arte, è la riflessione che ha avviato l’operazione nascondere, origini. Il progetto è stato scandito da momenti di confronto e di indagine, per tentare una sistematizzazione dell’argomento, trovando una spontanea prosecuzione nella rappresentazione oggettuale dell’opera. La mostra è la fase conclusiva di questo percorso di indagine teorica e strumentale. I due termini che compongono il titolo, un verbo declinato all’infinito e un sostantivo plurale, segni sintatticamente incompleti e confusi dalla punteggiatura, sono gli elementi monolitici, simili a un assemblaggio di materiali inerti, che determinano lo sfondo concettuale della collettiva. “Nascondere” è l’azione che compie il medium dell’oggetto d’arte, le “origini” sono la zona potenziale che sancisce la continuità e la discontinuità dei linguaggi".

Vincenzo D'Argenio

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 570 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Metti il tuo post in evidenza

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)