Mario Fois - Poliformie

S’inaugura sabato 10 dicembre 2016 alle ore 17:00 nelle suggestive sale di Palazzo Stella a Genova, la mostra personale “Poliformie” di Mario Fois a cura di Andrea Rossetti. La mostra resterà aperta fino al 21 dicembre 2016 con orario 15:00 – 19:00 dal martedì al sabato.

 

Artista, pittore, ex praticante dell'areosol art e stregato dall'astrattismo più maniacalmente aperto al divenire, ai più noto col nome di espressionismo astratto americano. E, strano ma vero, quasi figurativo. L'irregolarità artistica di Mario Fois ammette difatti che nella pittoricità di fondazione espressionistico-gestuale esista, anche piuttosto apertamente, una determinata ricognizione formale ai limiti della figurazione. Di cui l'artista è ben consapevole, e per cui corre ai ripari affrettandosi a segnalare in maniera decisa - e pare ancora più apertamente - postille fondamentali come la sua provenienza ultra-sensibile, connotazione determinante per il presenzialismo fantastico di un Abyssal monster che, altrimenti, vedrebbe annullarsi gran parte della propria significanza visuale. Come gli smalti e le vernici industriali, lascito della cultura artistica di strada che Fois ha tesaurizzato e sviluppato col tempo, stesi sulla tela secondo il senso di un additività tonale mirata e avvolgente, stuzzicando cioè la generale impressione d'una continenza pittorica decisamente collaudata.

Ciò che meglio caratterizza Fois è di fatto la sua misura pittorica/compositiva, rigidità necessaria (ma meno costrittiva di quanto si potrebbe essere portati a pensare) a controbilanciare la potenza di un'espressività fluida. Parte fondamentale nel rendere evidente la scarsa propensione a lasciarsi andare completamente all'indeterminabilità del tutto, quasi l'artista fosse incredibilmente certo di determinare l'inizio, ma ancor più sicuro di poter preventivare l'arrivo del proprio istinto creativo; istinto che, basandosi sulla libertà di genere espressionista, sembrerebbe teoricamente non predisposto verso alcun tipo di schematizzazione.

Dipingere l'ibridazione, dell'espressionismo e della misura, è la tendenza di Fois a non lasciare che nulla risulti pittoricamente sfasato rispetto al proprio volere, anche quando lo schizzo di vernice è un fatto compiuto, libero e liberatorio. Non meno infinitamente elegante nel suo destreggiarsi.

SATURA art gallery

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 547 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Metti il tuo post in evidenza

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)