Gennaro Patrone: tradizione e fede? Saranno sempre di moda!

 

Gennaro Patrone: tradizione e fede? Saranno sempre di moda!

Gennaro, tu sei un artista eclettico, in grado di attraversare stili e linguaggi, dalla pittura (in molte sue sfaccettature di genere), alla scenografia, dal teatro alla performance, con un filo conduttore, l'umano e la sua sofferenza, non a caso il tuo linguaggio nasce da una lunga elaborazione della figura del Cristo, sbaglio?

Non sbagli.

In effetti, parto in questa maniera, ma con un approccio ludico e curioso, mi sono sempre sentito (e ancora mi sento) un bambino, un bambino che  gioca con tutte le forme, i colori e le situazioni dell' arte, anche per livelli.

L'esigenza è quella di comunicare con tutto.

Utilizzando spesso, in questo approccio, la tradizione pregna di sentimento religioso e favola, dove c'e sempre una morale e non passa mai di moda.

Napoli, come piazza creativa, per motivi storici che conosciamo bene, è una museo a cielo aperto, dell'umano in movimento, dove si mette in scena e si autorappresenta, a volte forzatamente, il proprio quotidiano, rimanendo limitati e vincolati dalla propria forma sociale, mi viene spesso in mente, quando tu finita l'Accademia ti ritrovasti con dei tuoi "cristi" che non riuscivano a trovare collocazione; alla fine terminati nel Laboratorio Okkupato S.K.A. furono percepiti come una provocazione politica, come è possibile che in una realtà così contaminata come Napoli, si è spesso impossibilitati a scardinare forme, vincoli e ruoli di tradizione folklorica e Accademica?

Le difficoltà a Napoli ci sono, perché viviamo una miriade di contraddizioni trascinate blandamente da secoli. 

A Napoli, tutto è possibile e nessuno investe (?).

Bisogna aspettare qualcuno, che viene da altrove  e che creda in quella tale idea, artista o progetto.

O bisogna evadere da questa realtà,  partire e ricominciare da capo, come hai fatto tu!

 

Alle prese con le tue tante dimensioni artistiche, oscilli e accosti spesso realtà culturali distanti, dai trans ('e femmìnielli) a Michael Jackson, da Pulcinella al Cristo, muovendoti sempre con alle spalle una solida formazione Accademica.

Quanto è difficile conservare e traghettare tutto questo in un mondo interconnesso che nel nome del mercato degli smartphone e delle applicazioni sta modificando radicalmente usi, costumi e consumi della tradizione napoletana?

Mi spiego, non è che Selfie e social network, lentamente rischiano di omologare linguaggi e comportamenti anche in un territorio arroccato e barricato come quello napoletano, rendendo sempre più il tutto immagine priva di contenuto e reale ricerca?

 

Devo ringraziare queste fonti d 'ispirazione,  per me sono ancora i punti di riferimento per la scrittura, la pittura, per scultura e i territori dell'arte che attraverso.

Vero che nuove forme di comunicazione stanno prendendo il sopravvento,  nei rapporti interpersonali come nel lavoro... , ma credo che questo sarà un periodo,  col tempo si ritorna sempre alle tradizioni.

Dico questo forte di ritenere un bisogno intrinseco dell' uomo capire cosa lo ha preceduto, e banalmente le nuove tecnologie saranno solo uno strumento d'ispirazione e ricerca  per altre generazioni, nuove tele...matiche e forme d'arte, ma sempre e comunque appilicate.

See video
Mimmo Di Caterino

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 539 visitatori collegati.

Informazioni su 'Mimmo Di Caterino'

Metti il tuo post in evidenza

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)