archiv/io - ufficio d'arte

Inaugura giovedì 21 gennaio alle ore 18.00, secondo piano del Centro Culturale Altinate/S. Gaetano di Padova, la nuova edizione di Ufficio d'Arte, ciclo di mostre annuali in cui le opere degli artisti padovani under 35, iscritti all’archivio Giovani Artisti Italiani, vengono esposte negli spazi aperti al pubblico dell’Ufficio Progetto Giovani.

L'Iniziativa è realizzata dall'Area Creatività dell'Ufficio Progetto Giovani - Assessorato alle Politiche Giovanili  del Comune di Padova in collaborazione con la rete Gai - Giovani Artisti Italiani.

La prima esposizione dell'anno, dal titolo archiv/io, è curata da Marco Tondello e coinvolge cinque giovani artisti.   Novità di quest'anno è l'ampliamento delle sedi espositivi, oltre al tradizionale spazio dell'Ufficio Progetto Giovani la mostra interesserà anche l'aula studio al piano terra del centro Culturale Altinate/S. Gaetano. Continua ad ampliarsi l'idea di un luogo di lavoro e di studio che può diventare anche spazio d'incontro con l'arte per approfondire i linguaggi artistici contemporanei e presentare le realtà artistiche che stanno crescendo nel territorio

LA MOSTRA

L’antitesi che esiste tra ordine e disordine, tra ricordo e oblio, è alla base dell’impulso archivistico che caratterizza sempre più, non solo la società odierna, ma anche, lo stesso processo artistico: il semplice gesto di raccogliere, classificare e conservare, si trasforma in un medium estetico con il quale ripensare e raccontare i depositi della conoscenza e della coscienza individuale. In questa prospettiva, l’artista diventa un collezionista d'informazioni che crea personali modelli (o anti-modelli) d’archivio, con i quali misura ed interpreta il mondo reale e quello immaginario.

Tautologicamente, da uno stesso archivio, quello GAI – Giovani Artisti Italiani, si sono individuati e selezionati gli artisti che di questa tematica ne hanno sviluppato una singolare interpretazione e ricerca: le delicate opere di Daniela Berti e di Alice Tioli, ne rappresentano la valenza come codice necessario alla creazione, dove l’inventario diventa nuovamente invenzione; la ricerca di Sofia Paggioro e di Officina della Barbabietola, invece, riscoprono l’importanza della documentazione e dell’archiviazione, registrando silenziosamente, attraverso il disegno o la fotografia, il mondo che li circonda ed in ultimo, Davide Sgambaro, mostra la sua visione dell’archivio come simbolo del tempo e della memoria.

La mostra vuole inoltre relazionarsi anche con la storia dello spazio che la ospita, l’antico tribunale cittadino, visto che etimologicamente la stessa parola ‘archivio’ (dal greco ἀρχεῖον) significa ‘palazzo dell’arconte’, ovvero il luogo in cui si conservavano gli atti emanati dal magistrato.

Archivio GAI (Giovani Artisti Italiani)

L’area Creatività dell’Ufficio Progetto Giovani di Padova è da ventisei anni membro dell’Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani (GAI), che si prefigge di sostenere e favorire, attraverso eterogenee iniziative, la formazione, la ricerca e la promozione della creatività dei giovani. Ogni sede ha un proprio archivio dove raccoglie i profili degli artisti, di età compresa tra i 18 e i 35 anni, che operano nel territorio di riferimento; attraverso la rete nazionale, il GAI può contare più di trentamila contatti in tutte le aree espressive.

www.progettogiovani.pd.it

www.giovaniartisti.it

 

OPERE E BIOGRAFIA DEGLI ARTISTI

Daniela Berti

Raro Notturno / 2013

Nell’epoca del bombardamento mediatico, Daniela Berti tesse l’archivio della quotidianità, riscoprendo la semplicità dell’intimità del vissuto: le pagine di due quaderni, piene di appunti e disegni, che hanno accompagnato l’artista durante molti viaggi, vengono ricalcate e ripresentate in fogli di acetato, trasformando una semplice collezione di pensieri in una vera e propria catalogazione. Segni, immagini e scritte si riuniscono nelle pagine di un ipotetico diario per proiettarsi, grazie alla trasparenza che li caratterizza, nello spazio che le ospita.

Il titolo è un omaggio al libro di Jack Kerouac I sotterranei, dove il flusso di coscienza, legato alla beat generation, si collega allo spirito casuale dei soggetti del lavoro.

Nata a Treviso nel 1992, si è laureata con Liliana Moro in Arti Visive e Teatro presso l’Università IUAV di Venezia; fa parte del Collettivo AAA, con il quale organizza eventi d’arte pubblica come il progetto 27metricubi, una galleria temporanea che viaggia per l’Italia e l’Europa. Nel 2015 ha esposto a Paratissima, all’interno della mostra Leaving Room – Dimora e/o Prigione e ha partecipato a Nuovi Segnali, giovani artisti per giovani curatori, a cura di Ufficio Progetto Giovani-Comune di Padova e Università di Padova. Attualmente frequenta il Corso di Secondo Livello in Grafica delle Immagini, indirizzo Illustrazione presso ISIA di Urbino.

danielaberti.o@gmail.com

 

Officina della Barbabietola

EXCIVICO#1 / 2015

EXCIVICO#1 non è solo un progetto fotografico ma una vera e propria mappatura degli elementi architettonici inattivi, dismessi, in disuso abbandonati o disabitati presenti in Saccisica (PD).

La collaborazione tra artisti, curatori, amatori dell’arte e della fotografia (riunitesi grazie ad un concorso indetto dal collettivo ‘Officina della Barbabietola’), ha permesso di riscoprire luoghi dimenticati sotto una differente ottica, rendendoli immortali con un semplice scatto.

Officina della Barbabietola è un’associazione culturale con sede in Saccisica, che realizza e racconta spazi e aspetti della provincia sud orientale di Padova. Coinvolge, di volta in volta, interpreti diversi ed interroga il territorio attraverso azioni dalle diverse sfumature: esposizioni fotografiche sul muro dell’argine di un fiume, aperitivi con musica elettronica in un impianto idrovoro, incontri formativi dedicati alla fotografia.

                                                                              www.officinabarbabietola.it

 

Sofia Paggioro

Tramway Blind Portraits / 2015

Tramway Blind Portraits, si compone di diciotto disegni, che documentano la performance avvenuta nel tram di Padova il 21.03.2015: sono i ritratti dei passeggeri che Sofia Paggioro ha voluto rappresentare alla ‘cieca’, ovvero lasciando scorrere liberamente la penna senza posare mai lo sguardo sul foglio, tentando di catturane, più che la fisionomia, l’essenza della loro prima impressione. Ogni giorno si caratterizza per una moltitudine d’incontri che facciamo: nelle strade, nei negozi, nei mezzi di trasporto, ovunque, siamo sempre circondati da persone che conosciamo  solo per pochi attimi e che altrettanto velocemente scordiamo; tentare di sottolineare l’impossibilità di archiviarne il ricordo è l’ambizioso progetto dell’artista.

Nata a Padova nel 1992, si è laureata allo IUAV in Arti Visive e Teatro,  attualmente è iscritta al corso magistrale Econmics and Management of Arts ancd Cultural Activities presso Ca’ Foscari di Venezia. Nell’ultimo anno ha esposto alla 99ma Collettiva Giovani Artisti della Fondazione Bevilacqua la Masa a Venezia, con la performace Collective Blide Portraits. Con l'opera 16 oranges are not enough è stata selezionata dall'Archivio GAI di Padova per partecipare a Mediterranea 17 - Biennale Giovani Artisti dell'Europa e del Mediterraneo, curata da Andrea Bruciati, presso la Fabbrica del Vapore a Milano. 

www.sofiapaggioro.tumblr.com

 

Davide Sgambaro

345:52,35 / 2013

Momento imbarazzante nel quale un essere comprende la propria mortalità / 2014

345:52,35 è un’opera composta da 292 candeline, dei ventiquattro compleanni dell’artista, conservate accuratamente negli anni dalla madre, che si fondono l’una con l’altra in un unico

contenitore. Le diverse cromie delle cere, si mescolano pittoricamente l’una sull’altra, creando una metaforica stratificazione della memoria e delle speranze inespresse.

Questo particolare simulacro del tempo, si confronta con uno più convenzionale: Momento imbarazzante nel quale un essere comprende la propria mortalità, non è altro che un orologio, dove le ore scandite non sono mai quelle reali ma solo un fittizio susseguirsi di attimi casuali.

Nato a Cittadella (PD) nel 1989, si è laureato presso l’Università IUAV di Venezia in Arti Visive e dello Spettacolo, dove frequenta anche il corso magistrale. Nell’ultimo anno ha esposto alla A+A Gallery di Venezia e frequentato il workshop di Lara Favaretto presso Fondazione Spinola Banna a Poirino (TO); ha partecipato a Nuovi Segnali, giovani artisti per giovani curatori, a cura di Ufficio Progetto Giovani-Comune di Padova e Università di Padova. A febbraio parteciperà alla mostra finale della 98ma Collettiva Giovani della Fondazione Bevilacqua la Masa di Venezia mentre a marzo parteciperà alla residenza de La Non-Maison Foundation a Aix-en-Provence, in Francia.

cargocollective.com/davidesgambaro

 

Alice Tioli

Nidi di ragni / 2016

Alice Tioli accumula e colleziona piccole tracce del vissuto reale: trasforma i propri capelli in confortevoli nidi, conserva con cura ossa di animali come dei talismani e confronta, in parallelismi formali, la struttura di piccoli coralli, o di rari fiori, con l’anatomia umana.

Ogni opera diventa di per sé un archivio, un catalogo, una lista di piccoli simulacri e oggetti che altrimenti si perderebbero, monumenti con una doppia memoria, personale e collettiva, tecnico-formale e contenutistica concettuale.

Nata a Padova nel 1991, laureata all’Accademia di Belle Arti di Venezia con Mauro Zocchetta, attualmente è iscritta al all’Università di Padova. Ha partecipato al Premio Mag Marsciano presso il Museo Dinamico del Laterizio e delle terrecotte a Perugia,  e a Nuovi Segnali, giovani artisti per giovani curatori, a cura dell'Ufficio Progetto Giovani-Comune di Padova e Università di Padova. A febbraio esporrà le sue opere al Caffè Pedrocchi di Padova.

www.alicetioli.com

 

Info e contatti

Centro Culturale San Gaetano

Ufficio Progetto Giovani; via Altinate, 71 - Padova

www.progettogiovani.pd.it ; Tel: 049 8204795

Mail: pg.creativita@comune.padova.it

Marco Tondello

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 569 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Metti il tuo post in evidenza

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)