Jazz&Roll mostra personale di Mauro Modin a Palazzo Cà Zanardi Venezia a cura di Angela Zenato

Jazz&Roll mostra personale di Mauro Modin a Palazzo Cà Zanardi Venezia a cura di Angela Zenato

Titolo

Jazz&Roll mostra personale di Mauro Modin a Palazzo Cà Zanardi Venezia a cura di Angela Zenato

Inaugura

Venerdì, 11 Gennaio, 2013 - 18:30

A cura di

Angela Zenato

Artisti partecipanti

mauro modin

Presso

Palazzo Cà Zanardi

Comunicato Stampa

Dal tocco Jazz al ritmo Rock&Roll,
Con un'installazione di Matteo Vettorello ospite

A seguito di un recente evento che ha visto a Milano (Teatro dal Verme) la comunione tra le sonorità spirituali di Yuseef Lateef e l’arte energetica, dinamica di Mauro Modin, l’artista approda in un contesto antico all’interno di un palazzo veneziano che mette a disposizione il suo caratteristico pian terreno: Cà Zanardi. Ogni nobil dimora del tempo possedeva almeno uno spazio da dedicare allo sfarzo. L’ ampia e spaziosa location d’arte di oggi era il luogo elitario destinato all’incontro tra famiglie raffinate della Venezia del XVI secolo, tra sale e colonnati portanti.
La possibilità di interagire in questo ambiente ricco di memorie, realizzandovi esposizioni d’arte ed eventi culturali contemporanei, musica e libertà comunicativa, fa di questo particolare spazio il luogo ideale per rivisitare e dare nuova forma all’incontro conviviale, al confronto stimolante di contrasti. È su questa linea di pensiero che la personale di Mauro Modin, pittore poliedrico, intimamente ispirato dalla musica Jazz, porterà sulla scena un gran numero di opere, dai dipinti alle sedie e collages, avvolte da un’aura magica che ci racconta qualcosa sulla creazione musicale e sulla vita profonda del Jazz. Accanto alle sue opere frizzanti sarà ospitata un’installazione del giovane Matteo Vettorello, concentrato sul senso di una disarmante realtà contemporanea e sull’esperienza di un’arte sempre più disgregante. La sua Passeggiata Artificiale sembra riflettere l’alienazione odierna sotto l’influsso di percezioni alterate.
L’opening dell’evento avverrà venerdì 11 gennaio, in compagnia degli artisti in loco a chiarire ogni curiosità tra aperitivo, ricco buffet d’accoglienza, musica Jazz-Funk e raffinato dj set ad opera di B.E.A.: sempre una garanzia di buon gusto sonoro ed esperienza.
Il contrasto con cui si è pensata la serata mette uno di fronte all’altro il colore deciso modiniano e l’oscuro incerto di Vettorello, il mondo tenace della musica ritmata e quello alterato dell’eccesso umano, il calore di un’emozione armonica e la fredda morsa dell’abbandono.
L’esposizione è stata realizzata grazie alla gentile concessione di Andrea Chinellato, da anni attivo sostenitore della diffusione artistica e sempre disponibile alla valorizzazione di Cà Zanardi, e si focalizza su tematiche opposte, tra loro discrepanti, ma proprio per questo di forte impatto.
Oltre ad alcune sorprese ad effetto pensate proprio in occasione dell’apertura, le opere di Modin vanno necessariamente collegate ad una tensione cosmica interna e all’arte matura di un lungo operare, trasformare, sentire. Non si vive senza musica, ci dice Modin con insistenza! Per lui un vero moto dell’animo. Tavoli e sedie saranno esposti con stile nelle sale di Cà Zanardi, mentre sonori dipinti saluteranno tutti gli invitati proprio quando meno ce lo si aspetta. È un’aria di festa, è il piacere e la bellezza che Modin vuole comunicarci, dispiegata in una miriade di sfaccettature cromatiche, vitali impulsi, passionali immagini!
La sua personale ricerca ha a che fare con la gioia e l’arte con essa si sposa.

Angela Zenato

www.mauromodin.it
www.matteovettorello.it

Opening:
Venerdì 11 gennaio, 18.30

Entrata Libera

Ricco buffet

Dj Set: B.E.A
 

Immagini

mostra d'arte, evento, artista, curatore, artistici
mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 513 visitatori collegati.

Informazioni su 'mauro modin'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)