IO SOTTRAGGO - Performance Confessional - a Step09 New Art Fair

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

 

All’interno di una delle più prestigiose realtà museali italiane, il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo Da Vinci “ di Milano , il 25 Novembre inaugura la tre giorni più innovativa tra le nascenti fiere d’arte contemporanea: “Step09 – New Art Fair”. Oggi alla sua terza edizione,  Step09 è una fiera decisamente eclettica, da sempre tesa alla sperimentazione. L’obiettivo principale è quello di “scovare” nuove, sperimentali, geniali, creatività tra i giovani artisti italiani e internazionali, attualmente curati da lungimiranti gallerie d’arte, di quelle che non hanno paura di osare. Ogni galleria  presenterà un unico artista, o in alternativa, un progetto che coinvolga un numero massimo di 4 artisti scelti.  E si tratta di circa 60 gallerie nazionali ed internazionali, accuratamente  selezionate dal comitato organizzativo della fiera stessa. Altra vincente novità di quest’anno:  l’esclusiva attenzione da parte di una serie di  mediapartnership , i cui nomi spiccano ai vertici della comunicazione e dell’informazione  artistica. Si tratta, per la precisione, di Art Tribune, Lobo Di Lattice e  La Repubblica XL, note testate, che  forniranno una cronaca dettagliata relativa a  questa terza edizione di Step09, in alcuni casi arricchita da  interventi estemporanei all’evento. Gi spazi messi a disposizione dal celebre Museo Nazionale Leonardo Da Vinci sono i seguenti: la Sala delle Colonne, la Sala del Cenacolo, i Chiostri e i Cortili. Dunque, da quest’anno l’esposizione si estenderà anche all’esterno. En plain air, come direbbe un pittore impressionista o barbizonnier. E, di fatti,  è proprio con il nome di “ Step Enpleinair”  che verranno esposte opere installative e  sculture, all’interno del giardino architettonico all’italiana, sempre facente parte del museo. Ma in una fiera tanto attenta alla giovane arte non poteva mancare una sezione peculiarmente dedicata ad artisti under 30: Next Step. La sezione  Video Arte, vedrà la partecipazione di artisti internazionali selezionati dalle stesse gallerie partecipanti.

 

La sezione Live Performance, proporrà invece una serie dinamica di esibizioni, come un nastro narrativo fluttuante, sul quale si avvicenderanno argomentazioni e azioni di ogni sorta, scandite da distanze orarie che andranno dalle due alle tre ore. Ogni performance, proposta chiaramente dalle gallerie partecipanti all’evento,  durerà circa 15-20 minuti. In questa cornice,  flessibile e mutevole,  va ad incastonarsi un evento che già da qualche mese ha preso ad essere itinerante, e che propone  una tematica alquanto affilata: l’ossessività nella patologia anoressico-bulimica.

 

IO SOTTRAGGO. LA TRIANGOLAZIONE CIBO-CORPO-PESO, proposta  della Galleria Famiglia Margini di Milano,  è un progetto ideato, scritto e agito da Giovanna Lacedra,  curato da Grace Zanotto e Massimiliano Bisazza, con video-sonorizzazione a cura di Giuseppe Fiori. Si tratta di una performance-confessional  totalmente autobiografica, che nello spazio creativo-distruttivo-creativo-rigenerativo di 20 minuti, mette e rimette in scena l’ingranaggio perpetuante dei rituali ossessivi anoressico-bulimici. Un ingranaggio nel quale l’artista stessa è da anni invischiata. IO SOTTRAGGO è atto performativo caustico, autentico, disperato, catartico, sensibilizzatore. Un atto in  cui è il corpo stesso dice la verità. La verità figlia del gesto, la verità figlia della parola, la verità figlia del dolore, la verità figlia di una creatività capace di sgorgare persino dall’ossessività di una patologia paradossale come quella anoressico-bulimica, dove non è l’appetito ad essere malato, ma una piaga dell’amore. Una incrinatura nell’amore. Una fenditura tellurica nell’amore, che ha spalancato una ferita di vuoto buio e ingoiante. La ferita di quell’amore mancato, abusato, violato. E sottratto. La ferita del disamore. La corrosione del contatto. L’incapacità della relazione. Perché nei disturbi del comportamento alimentare non è l’appetito ad essere disturbato, ma l’anima, l’emotività, il vuoto affettivo, la relazione. Un disturbo del comportamento alimentare è un disturbo del “comportamento” , non della “alimentazione”, è una compulsione a sottrarre, sia che si digiuni sia che si divori il mondo. Ma alla fine è sempre il vuoto a dover prevalere. Quel vuoto ingombrante che nessun pane sarà mai in grado di colmare. IO SOTTRAGGO è tutto questo, in una performance di soli 20 minuti, corredata dai diari che l’artista stessa scrisse nei mesi più annichilenti: quelli di un’anoressia ha scalpellato  il suo corpo, quasi fino alla morte.

 

IO SOTTRAGGO performance,  andrà in scena sabato 26 novembre a partire dalle ore 12.00 e sino alle ore 13.30. Apertura  al pubblico per visitare l'installazione dei diari, e la proiezione del reportage fotografico sul corpo anoressico,  a partire dalle ore 12.00. Azione performativa, ore 13.00.

 

Step09 New Art Fair  - Terza edizione. Uno sguardo sull’arte di domani Milano: Museo Nazionale  della Scienza e della Tecnologia “Leonardo Da Vinci” – Piazza San Vittore 21.

 

Per scaricare il biglietto d’ingresso gratuito cliccate sul sito: www.step09.com

 

 

Data Inaugurazione: 
Sabato, 26 Novembre, 2011 - 12:00

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 629 visitatori collegati.

Informazioni su 'Gio Lacedra'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)