HORLOGERIE EXQUISE - GOD IS WEARING A ROLEX - testo critico di Sonia Arata


 

In occasione della mostra "God O' ClocK - Horlogerie Exquise - God Is Wearing A Rolex"
Famiglia Margini e' orgogliosa di presentare le nuove opere di Christian Zanotto:
una serie di lavori consistenti in immagini digitali (realizzate con l'ausilio di diverse tecniche e software) trasferite su lastre di cristallo attraverso un
processo di esposizione fotografico ed una raccolta di video che costituiscono infatti viaggi attraverso l'universo che le opere dischiudono.
Queste realizzazioni sono il frutto di anni di ricerca ininterrotta e "segreta" per portare avanti un'indagine sulle possibilita' creative in livelli-soglia situati tra la fisicita' e l'immaterialita'e per sviluppare nuove iconografie attraverso visioni che siano quelle di uno specchio nero del contemporaneo.
Queste opere, sorta di particolari pale, sono dense di stimoli che suscitano nello spettatore molteplici interrogativi.
Le figure attingono all'immaginario del sacro, del religioso, del mitologico; personaggi possenti ed alati, ieratiche "sacerdotesse", entita' dal corpo perfetto, femminee e mascoline al tempo stesso, ci si presentano, quadro dopo quadro, nella loro nudita' od adornate da un elaborato abbigliamento ricco di preziosi dettagli.
Accanto alla loro ecco poi la presenza di complesse macchine metalliche e dorate, sorta di mezzi da seduta, locomozione o combattimento, comunque tutte dotate di svariati ingranaggi, impressionanti costruzioni dall'oscura funzione.
Dunque le domande che tali visioni portano ad emergere e che si moltiplicano attraverso l'approfondito tour, pregno di input visivi, sonori, musicali e verbali, che i video costituiscono, riguardano una dimensione intima della nostra psiche; le risposte che l'artista ci stimola a cercare vanno trovate attraverso un percorso psicologico/filosofico in cui ciascuno di noi possa identificare un suo filo di pensiero da snodare e seguire per riuscire ad incontrare le proprie soluzioni.
Ci si sente spinti a trovare una nuova chiave con cui guardare agli interrogativi piu' profondi circa la natura della nostra esistenza, senza piu' perdersi nella dimenticanza, in un alieno tempo-spazio o nell'automatico movimento che le figure dell'orologio,del macchinario, del marchingegno, delle ruote-ingranaggio, della croce uncinata che ruota ci conducono a percepire.
Come spesso accade, nelle opere di Zanotto razionalita' ed irrazionalita' si congiungono, la tensione prodotta e' condotta sul filo del rasoio, cio' che e' giusto e cio' che e' falso si mescolano, mediante l'alchemico filtro di quest'arte che ci richiama qui ad una bellezza dal fascino estremo, resa attraverso inediti virtuosismi e per mezzo di una tecnica realizzativa attentamente studiata col fine di portarci innanzi il senso dell'ambiguita' : le figure ritratte risaltano vive e dotate di una loro massa corporea, pero' situate in una dimensione immateriale luminosa, al di la' dello specchio. Esse non sono dipinte ad olio, ma nitide come fotografie, lucenti per il cristallo, cangianti per la micro-rifrazione dei loro colori, a seconda delle diverse illuminazioni e punti di osservazione.
Senza arrivare ad una risposta personale, individuale, l'uomo pare continuare a perdersi e a ritrovarsi nello specchio dei suoi propri oscuri e celati credo, oggi nuovi, che miscelano il terrore al piacere, l'estetica all'anestetico, che sublimano insieme l'intimita' spirituale ed il desiderio sensuale, carni psicologicamente vincolate ai superiori dogmi di implacabili e squisiti meccanismi ad orologeria nascosti laddove esistono automatismi inconsci ed inconsapevolmente seguiti.
Contemplando le grandi lastre incorniciate vediamo anche il riflesso di noi stessi, immersi nel loro mondo ; soglie da attraversare ,come Alice, per intraprendere un viaggio inusuale attraverso un universo normalmente velato, ma omnipresente ed eterno. E vivo, forte, potente: l'autorita' delle figure, il loro appartenere, intoccabili, ad una sfera altra si intuisce anche dal loro evidente legame con la ricchezza e con il loro poter esistere ed agire oltre e sul tempo-spazio da noi percepito.
La figurativita', sempre impostata su un grande controllo compositivo, e' infatti intrisa della memoria dotta dei modi della tradizione pittorica, dalle immagini fabbricate nelle botteghe dagli artisti nel rinascimento ai rimandi ed echi del gotico, del manierismo, del barocco: le opere paiono cosi', nella nostra memoria, causare un senso nuovo di continuita' spazio-temporale. Il gusto per il dettaglio e la preziosita', vicino allo stile fiammingo, dal coraggio visionario e dalla cura maniacale per il particolare iper-definito, rimandano, negli intrecci e trame complessi dei vari decori,a percepire un senso di interrelazioni continue.
Il titolo della mostra ,"GOD O' CLOCK - Horlogerie Exquise - God Is Wearing A Rolex", ci propone, attraverso giochi di parole, quest'idea: un Rolex, nome-marchio diventato sinonimo di orologio di suprema qualita', l'"orologio d'oro" per eccellenza, indossato al polso di Dio diviene simbolo del prestigio di chi del tempo e' padrone, perche' ne detiene l'esistenza ed il controllo. Questa intelligenza, proiezione umana, entita' divina o artificiale, ci si mostra oggi schiudendoci le nuove strade di un itinerario che si intuisce aperto ad una cangiante mutabilita', per scoprire nuovi orizzonti momento dopo momento, percorrendo il cammino necessario a trovare i nuovi collegamenti tra estremi apparentemente inconcigliabili.

Sonia Arata
----------------------
UN DIO CHE INDOSSA UN ROLEX AL POLSO STA FORSE BLEFFANDO SULLA FINE DEI TEMPI CON UNA VECCHIA BOMBA AD OROLOGERIA SEMPRE CITATA PER INTIMORIRE?
 

GOD O' CLOCK

HORLOGERIE EXQUISE

(GOD IS WEARING A ROLEX)

Mostra Personale di

Christian Zanotto

con il Patrocinio della Provincia di Milano

dal 25 Novembre 2010 al 20 Gennaio 2011

presso

Galleria d' Arte Contemporanea

FAMIGLIA MARGINI

Via Simone d'Orsenigo,6 - 20135 Milano

OPENING : Giovedi' 25 Novembre 2010 - ore 18:30

(ingresso libero)

*fotografia su cristallo*

*arte digitale*

*video*

catalogo in mostra

www.famigliamargini.com   famigliamargini@gmail.com

www.christianzanotto.com  redstampart@hotmail.com

 Orario: lun - ven 14:00 - 20:00 e su appuntamento

Info: 02/55199449   328/7141308

 

UFFICIO STAMPA: Flavia Lanza - flavialanza6@gmail.com    340/9245760

 Evento realizzato in collaborazione con

RED STAMP ART GALLERY

Amsterdam - NL

 

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 355 visitatori collegati.

Informazioni su 'Christian Zanotto'

Metti il tuo post in evidenza

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)