Galleria Rojo@artspace Milano | Esposizione personale - Clemens Behr | 22 marzo 18.30

Galleria Rojo@artspace Milano | Esposizione personale - Clemens Behr | 22 marzo 18.30

Titolo

Galleria Rojo@artspace Milano | Esposizione personale - Clemens Behr | 22 marzo 18.30

Inaugura

Giovedì, 22 Marzo, 2012 - 18:30

Artisti partecipanti

Clemens Behr
20.10.1985, Koblenz - Germany
Vive e lavora a Berlino
www.clemensbehr.com

Presso

Rojo@artspace Milano

Comunicato Stampa

Comunicato Stampa del 20 Febbraio 2012

SPECIAL PURPOSE SOLUTIONS

Esposizione personale di Clemens Behr
www.clemensbehr.com

Vernissage: Giovedì 22 Marzo 2012 dalle 18.30 alle 22.00
Dal 22 Marzo al 30 Aprile 2012

Ingresso libero dal Lunedì al Venerdì
Orari: dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00
Su appuntamento chiamando il +39 335 620 67 56

Clemens Behr (1985, Germania) dopo gli studi in Graphic Design presso l'Università delle Scienze Applicate di Dortmund, sta attualmente completando la sua formazione presso l'Accademia di Belle Arti di Belino città dove vive e lavora. Durante una residenza presso l'Accademia di Barcellona nel 2009 è entrato in contatto con ROJO® con cui ha stretto una proficua collaborazione: oltre a pubblicare diversi suoi lavori su ROJO®magazine, Clemens ha presentato nel 2010 - presso il ROJO®artspace di Barcellona - la sua installazione Black White Everything (and Me) e ha partecipato, nel 2011, alle ultime due edizione di ROJO®nova a Rio de Janeiro e a São Paulo.

Special Purpose Solutions è il titolo della sua prima personale in Italia. La mostra è un environment, appositamente ideato per l'occasione, che, attraverso diversi media e supporti, presenta uno spaccato sulla sua produzione più recente e che trasformerà il ROJO®artspace Milano in una sorta di "panic-room" dove false prospettive e giochi d'illusione ottica proietteranno lo spettatore in una dimensione parallela.

Gli interventi di Clemens, che propongono una riflessione sul rapporto tra ordine e disordine, ricreano infatti degli universi astratti capaci, grazie ai contrasti marcati di linee e colori, di disorientare il pubblico. Con delle geometrie distorte Clemens progetta architetture effimere simili a degli origami che, in delicato stallo tra pieni e vuoti, vivono nell'immaginario interstizio esistente fra macro e micro. La sensazione è di addentrarsi e perdersi in grotte dove è possibile esplorare le forme instabili della crescita dei cristalli: un viaggio labirintico dove si dissolvono i confini tra organico e inorganico.

Le opere di Clemens, oltre ad essere esposte in gallerie e musei, trovano una loro altrettanto naturale collocazione in spazi pubblici: installazioni pop-up che, come moderni totem metropolitani o surreali stalagmiti, crescono dal suolo, si appoggiamo a una parete o irrompono da una vetrina. Strutture realizzate con materiali poveri di scarto - perlopiù incontrati per strada come scatole, cartoni e pezzi di legno, il tutto fasciato con dei nastri adesivi - che appaiono degli assemblaggi spontanei ma che, in realtà, sono il frutto di una sapiente e ricercata organizzazione delle forme nello spazio. Esempi emblematici di una street-installation che si inserisce perfettamente nel contesto del cosiddetto post-graffitismo e che, a diversi livelli, hanno assimilato lezioni eterogenee che spaziano dal Futurismo al movimento Dada passando per l'esperienza di Gordon Matta Clark. A proposito del suo lavoro, scrive Clemens Beher: “Alla fine, la mia arte altro non è che un mucchio di spazzatura... ben disposta”.

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 521 visitatori collegati.

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)