Fragilecontinuo per Arte Fiera Off 2011 - "Il filo di Arianna", una personale di Arianna Fantin

 

Dal 27 gennaio al 19 febbraio 2011, in mostra i lavori dell’artista, che sceglie come mezzo espressivo il ricamo su tela

 

Tutto è contenuto nel titolo, Il filo di Arianna: lo strumento di lavoro dell'artista, la complessità del percorso espositivo, la presenza di un comune denominatore  che lega tra loro le opere esposte. Sono infatti ago e filo il mezzo espressivo scelto da Arianna Fantin; ben 6 sono i lavori in mostra; è il tema del doppio a fare da sostrato alla creazione artistica che lo spettatore è chiamato ad esplorare, in un progetto espositivo che coinvolge tutto lo spazio di Fragilecontinuo.

 

L'assenza del colore, la possibilità di leggere in negativo, l'utilizzo del ricamo fanno da filo conduttore della mostra, che Arianna Fantin allestisce come una sorta di “libro funzionale” (dal testo critico di Katia Baraldi) ispirato alla poetica di Bruno Munari: denso di richiami all'immaginazione e ricco di inviti che innescano il coinvolgimento dello spettatore. In ciò, è il ricamo su tela a fare da strumento espressivo costante, usato come una vera e propria tecnica tipografica e indagato con lo stesso rigore dell'incisione.

 

Il percorso espositivo inzia già all'esterno di Fragilecontinuo, dove lo spettatore è accolto da Poesia/Rita Degli Esposti, installazione creata su un testo appositamente ideato dalla poetessa Degli Esposti e leggibile in maniera ambivalente: in positivo, come parola scritta con il filo, e in negativo, sul retro della tela, in un processo secondo il quale il segno diventa una sorta di disegno del testo.

 

La mostra prosegue con due libri d'artista, anche questi ricamati su stoffa: La casa bianca e Testo cucito. Scritto dalla stessa Arianna, il primo è una riflessione in forma di favola sulla percezione visiva e sul ruolo dell'artista; il secondo, invece, è una raccolta di citazioni e note selezionate nei mesi precedenti la mostra.

 

Il quarto elemento dell'esposizione è Pretesto, performance durante la quale l’artista scucirà – su una tela della sua stessa altezza – un testo originale incentrato su una rilfessione sul linguaggio, in una sorta di metanarrazione simbolica. Per due giorni, Arianna Fantin scioglierà i fili che in precedenza aveva ricamato, in 2 distinti momenti che avranno luogo il 27 e il 29 gennaio, alle ore 19.00.

 

Verbale scritto. Documentato è il quinto elemento della mostra, trittico su tela ben condensato dall'affermazione di Bruno Munari secondo la quale “Una spiegazione molto esauriente annullerebbe la funzione dell’oggetto creato invece per stimolare la fantasia”.

 

Infine, Rhinocerus di Dürer fa riferimento esplicito al misurarsi con la tecnica dell'incisione: sempre attraverso il ricamo, Arianna Fantin riesce a far abbandonare la dimensione della bidimensionalità alla tavola del maestro tedesco, trasformandola in un oggetto scultoreo. 

 

 

“[…] Nei lavori di Arianna vi è una fortissima dipendenza tra messaggio e mezzo. Gli stessi testi che l’artista decide di ricamare, che siano scritti da lei o testi d’altri, sono sempre scelti e pensati per il mezzo, per la loro intrinseca potenzialità nel venire ricamati, diventando segno grafico a rilievo o per il valore aggiunto che essi acquistano nel passaggio su tela. […]”

Dal testo critico di Katia Baraldi

 

 

ARIANNA FANTIN

 

Arianna Fantin nasce a Bologna nel 1986. Nel 2006 frequenta l’Emerson College (UK) e successivamente si iscrive a Scenografia&Costume presso l’Accademia di Belle Arti, prima a Torino e poi a Bologna. Dal 2008 studia presso la Weißensee Kunsthochschule di Berlino.

Dal 2006 lavora attivamente nell’ambito dell’istallazione, della performance e del video.

A cominciare da questo anno partecipa a esposizioni, residenze e concorsi per artisti.

Nel 2007 è iscritta presso l’Accademia di Belle Arti di Torino e contemporaneamente svolge uno stage formativo di 9 mesi presso Cittadellarte - Fondazione Pistoletto di Biella (TO).

Sempre nel 2007 comincia a collaborare con giovani danzatori, approdando a una tipologia di costume performativo che risente dell’influenza della danza contemporanea, del teatro-danza e del teatro di figura. Nel giungo 2007 vince il primo premio della Stampa per il concorso “Vestiti d’arte” (Vercelli).

Il percorso formativo, focalizzato sul teatro e sul cinema, è accompagnato parallelamente dall’attività autodidatta nel campo delle arti visive, dove spesso i due percorsi s’intersecano e si influenzano a vicenda.

Dal 2009 realizza vestiti per la galleria Fragilecontinuo di Bologna, e nello stesso anno comincia la realizzazione di tele, libri e illustrazioni cucite; sperimenta inoltre una tipologia di azione perfomativa basata sul cucire e scucire un testo.

 

INFORMAZIONI GENERALI

 

Chi Arianna Fantin

http://www.ariannafantin.com

 

Cosa Il filo di Arianna – Personale

 

Dove Fragilecontinuo – per Arte Fiera Off

http://fragilecontinuo.blogspot.com

http://www.artefiera.bolognafiere.it/eventi/arte-fiera-off/

Vicolo de' Facchini 2/a (angolo via Mentana), Bologna

 

Quando Vernissage/Performance 27 gennaio 2011, h 19.00 – 29 gennaio 2011, h 19.00

Mostra 27 gennaio – 19 febbraio 2011

 

Contatti Elisa Visentini

press.fragile@gmail.com

335.7413307

 

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 622 visitatori collegati.

Informazioni su 'fragilecontinuo'

Metti il tuo post in evidenza

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)