Deformography

Deformography

Titolo

Deformography

Inaugura

Sabato, 29 Settembre, 2012 - 18:00

A cura di

Julie Kogler

Artisti partecipanti

Hackatao

Presso

Piazzale Cesare Battisti 17, 25128 Brescia

Comunicato Stampa

“DEFORMOGRAPHY” è il titolo originale e allusivo della nuova mostra del duo artistico italiano Hackatao, che si tiene a Brescia nella Galleria Allegrini Arte Contemporanea, dal 29 settembre al 24 novembre 2012.
Dietro lo pseudonimo Hackatao si celano le due vivaci personalità creative di Sergio Scalet (Transacqua, 1973) e Nadia Squarci (Udine, 1977), che dal 2007 intraprendono insieme questa via artistica.
Entrambi provengono dall’ambiente creativo della pubblicità, da cui si sono poi allontanati per dedicarsi ad una missione dalle aspirazioni più elevate, una ricerca artistica tout court dove il tempo è dilatato e la contemplazione una virtù.
Nomen est omen, e così la denominazione Hackatao (Hacker e Tao) scioglie le perizie dell’hacker nel decifrare complesse sfide intellettive - o meglio visive -, in opere d’arte dove il tratto talvolta si addensa nei dettagli, altre volte evapora nelle essenziali sagome dall’immaginario pop generando riuscite armonie pittoriche.
Nelle loro opere alternano ampie campiture monocromatiche, sulla scia del maestro del superflat giapponese Takashi Murakami, a un disegno dettagliato quasi maniacale alla Pieter Brueghel dove le innumerevoli figure s’incastrano l’una all’altra evocando anche le opere visionarie dell’incisore olandese Cornelis Escher.
Questa densa tessitura visiva cattura subito la sensibilità estetica di chi la guarda ed esprime le due componenti complementari di questa fortunata alleanza artistica.
Le fantasiose figure battezzate PODMORK, che si collocano al centro della loro ricerca immaginifica, assumono le vesti di esploratori dei mondi interiori dei due artisti, i quali disegnano le loro riflessioni filosofiche come metafore sulle loro superfici.
I Podmork sono sculture di resina dalle forme sinuose e dagli occhi osservatori realizzate dagli Hackatao a quattro mani mediante un animato processo che avviano con tanti schizzi preliminari ed accese discussioni, abbandonandosi al contempo all’acume dell’intuito.
Tutte le loro opere nascono dalla fusione di due stili distinti che si amalgamano in tele, disegni e sculture che emanano un meditato senso di completezza.
Questi characters si manifestano sempre in manti diversi e conducono attraverso viaggi nella fantasia, facendosi messaggeri messianici di speranza che tentano d’addolcire l’esistenza sulla nostra terra.
Minuziose figure s’affastellano su ogni superficie in un flusso di parole disegnato con grafite come nelle più raffinate calligrafie orientaleggianti. Da contorno fanno i profili di personaggi che generano una sorta di dejà vu, fosse della vita quotidiana o di quella onirica.
Sono oltre trenta le opere della mostra “DEFORMOGRAPHY” tra sculture e tele create perlopiù con grafite, smalti e colori acrilici che presentano un effervescente figurativismo, espressione delle ultime estetiche del XXI secolo dove le icone del nuovo Millennio si fondono con un immaginario subconscio che invita lo spettatore ad avventurarsi nel mondo dei sogni.
I titoli delle opere conferiscono un’ulteriore chiave di lettura all’osservatore; alla maniera dadaista i titoli si discostano dall’essere didascalici all’opera per lasciare spazio ad insolite interpretazioni.
Attribuire una collocazione precisa all’interno del sistema dell’arte ai due artisti equivarrebbe ad una limitazione della loro portata creativa e capacità comunicativa. Infatti, il duo sa muoversi con abilità tra cultura alta e cultura popolare inserendosi tra quelle schiere di artisti che si cimentano in un figurativismo dal respiro surreale veicolato mediante un immaginario stimolante e accessibile, sempre più ricercato dal pubblico internazionale e corteggiato da rinomati collezionisti.
Da abili “borderliner”, Hackatao sanno fondere le citazioni colte del passato a forme coraggiose e ultra-contemporanee, stagliandosi come esponenti innovativi di uno scenario artistico pulsante e straordinario che comincia a spopolare nei più importanti musei del mondo.
L’occasione inaugurale della mostra personale “DEFORMOGRAPHY” alla Galleria Allegrini coincide con la nuova edizione dell’ormai consolidata Notte Bianca a Brescia, che celebra anche la brulicante attività di gallerie e musei della città lombarda.
Qui s’illumina il reame chimerico ricco ed esplosivo di Hackatao, che offre ai visitatori un itinerario attraverso mondi fantastici dove non si finisce mai di fare inattese scoperte.

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 475 visitatori collegati.

Inaugurano Oggi

Occhi chiusi Mente aperta

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea A cura di: Ca' di Fra' - Milano
Con: Angelo Verga
Presso: Ca' di Fra' - Milano

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)