Cristiano Berti - Vertigine del Reale

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Turin. Alternate Take (2006) - Fotografia (Lambda print), cm 125x152

 

Cristiano Berti

Vertigine del Reale

19 febbraio – 18 marzo 2012 

Mole Vanvitelliana di Ancona

ingresso gratuito dal giovedì alla domenica 15:30 - 19:30

 

mostra a cura di Gabriele Tinti

con testo critico di Luigi Fassi

catalogo Allemandi & C.

 

inaugurazione: 18 febbraio 2012 ore 18:30

 

 

Cristiano Berti alla Mole Vanvitelliana di Ancona: un viaggio tra le sorprese della realtà

 

 

La Mole Vanvitelliana accoglie dal 19 febbraio al 18 marzo la mostra Vertigine del reale di Cristiano Berti, artista torinese che da qualche anno vive nelle Marche.

L'ampia mostra, che inaugura il 18 febbraio alle 18:30, comprende lavori prevalentemente realizzati con procedimenti fotografici, digitali e di stampa industriale ma anche, in alcuni casi, costituiti da oggetti consumati e dismessi usati dall'artista come feticci a cui dare nuovo senso.

Elemento comune è il riferimento costante alla realtà, mai manipolata nei suoi dati di partenza, sempre riletta in una chiave capace di rivelarne le anomalie, le storie nascoste e cadute nell'oblio, le assurdità. Nei suoi viaggi di esplorazione della realtà, Berti predilige  situazioni di marginalità sociale che per propria natura sono cariche di potenzialità sovversive del senso comune. Dallo sguardo ravvicinato a questi microcosmi nascosti escono opere di arte visiva senza retorica, in cui è possibile ascoltare la voce dei protagonisti senza inutili filtri ed in cui è evidente l'assenza di ogni intento ammonitore, né tantomeno moralizzatore, da parte dell'artista. Berti si propone quindi come strumento capace di riflettere e amplificare queste storie minori, portandole ai nostri occhi e alle nostre orecchie.

Via via sfilano paesaggi anonimi che si rivelano essere scenari di delitti consumati molto tempo fa, gli edifici delle ambasciate somale abbandonate al loro destino nel '91, scorci di viali torinesi che celano inattese antropologie esotiche, i volti degli attori di secondo piano del cinema italiano a cui la sorte ha riservato una fine orrenda. E poi  bagagli smarriti sui treni, i calchi di arti amputati, lotti di arnesi da scasso sequestrati ai ladri e messi all'asta dall'autorità giudiziaria, la grande foresta degli alberi di natale dismessi. Infine momenti in cui la parola prende il sopravvento, come l'autoritratto acustico della giovane africana intenta a raccontare gli eventi che hanno lasciato una traccia sulla sua pelle, o il viaggio di Ferko e Martinka verso il villaggio ceco di Lety, luogo simbolo dell'Olocausto Rom.

 

Vertigine del Reale è l’occasione per fare il punto su di un’opera tra le più interessanti del panorama artistico contemporaneo. Per la prima volta vengono accostate tra loro opere che sono state finora esposte singolarmente e che, da questo accostamento, ricevono ulteriori chiavi di lettura e interpretazione.

 

 

La mostra è visitabile con ingresso gratuito dal giovedì alla domenica dalle 15:30 alle 19:30, fino al 18 marzo.

 

La mostra Vertigine del Reale, a cura di Gabriele Tinti, è organizzata da Fuorizona ArteContemporanea in collaborazione con il Museo Omero, anche al fine di renderla accessibile al pubblico non vedente.

È realizzata con il patrocinio della Regione Marche, della Provincia di Ancona e del Comune di Ancona e con il supporto di Abet Laminati Spa, Banca dell'Adriatico e Unipol Assicurazioni.

 

Accompagna la mostra un catalogo edito dalla Umberto Allemandi & C. con un testo critico di Luigi Fassi.

L'artista

Cristiano Berti (Torino, 1967) è un artista che vive e lavora tra Jesi e Torino. Opera senza alcuna preoccupazione di tipo stilistico. Ciò non toglie che la sua linea di ricerca possa essere definita come particolarmente rigorosa e coerente nel panorama italiano e internazionale e che possano rintracciarsi dei fattori comuni tra le varie opere realizzate in questi ultimi anni, spesso privilegiando aspetti partecipativi, collaborativi e processuali. Tra questi elementi di continuità c'è il gusto dell'autore per opere in cui l’apparenza formale viene di volta in volta complessificata, contraddetta o resa ambigua.

Berti ha esposto in mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Tra le più recenti vi sono le personali da P74 Center (Lubiana, 2010); Sala Uno (Roma, 2008); Stanica (Žilina, Slovacchia, 2008); Fuorizona (Macerata, 2010, 2007, 2005); Carbone.to (Torino, 2006, 2003, 2000); AOCF58, Roma (2006, 2004, 2001) e le collettive Da Guarene all’Etna 1999-2009 (Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Guarene, 2009); Artist-Citizen: Contextual Art Practices (49th October Salon, Belgrado, 2008); Speaking Volumes (Holter Museum of Art, Helena, USA, 2008); Sexwork. Kunst Mythos Realität (NGBK, Berlino, 2006) e Big Social Game (BIG Torino 2002 - 2.a Biennale Internazionale di Torino, 2002). Ha partecipato con opere di videoarte a numerosi festival internazionali.

http://www.cristianoberti.it

 

Data Inaugurazione: 
Sabato, 18 Febbraio, 2012 - 18:30
indirizzo sede: 

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 0 utenti e 603 visitatori collegati.

Informazioni su 'Simon Carter'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)