Le città invisibili

Le città invisibili

Titolo

Le città invisibili

Inaugura

Venerdì, 14 Settembre, 2012 - 19:30

A cura di

Toti Carpentieri

Artisti partecipanti

Ines Facchin

Presso

ex Convento dei Teatini, lecce

Comunicato Stampa

Strutturata nell'evocazione del celebre capolavoro dello scrittore Italo Calvino, la mostra Le città invisibili di Ines Facchin regala allo sguardo dello spettatore un insolito percorso: cinquantacinque fotogrammi per attraversare e riscoprire tra undici tipologie di città l’Europa . È un viaggio che si ricompone, come pezzi di un puzzle, per ricostruire la memoria dei luoghi e delle forme…cinquantacinque città per raccontare, suggerire, evocare, racchiudere emozioni senza tempo… Si intitola “Le città invisibili” la mostra dell’architetto-fotografa Ines Facchin che sarà inaugurata alle ore 19,30 di venerdì 14 settembre 2012 presso il salone delle Feste ex Monastero ai Teatini. Presenta l’artista il critico d’arte Toti Carpentieri curatore della mostra. L’evento è patrocinato da Amministrazione comunale di Lecce e sostiene la candidatura di Lecce a “Capitale Europea della Cultura 2019”.

Ines Facchin è nata a Roma nel 1950 dove vive e lavora. Dopo il conseguimento del diploma di Liceo Artistico ha seguito il corso di disegno del nudo presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, i corsi di studio delle tecniche di restauro in pittura e dell’iconografia nell’immagine femminile in pittura presso l’Università delle Donne di Roma, e si è laureata in Architettura. Ha la passione per la costruzione del disegno e del progetto architettonico, sempre presente quando poggia il suo sguardo su un qualsiasi dettaglio del mondo reale, che risulta trasfigurato, indecifrabile. Questo fa di lei un’artista dotata di spiccato talento e di grande sensibilità, capace di vedere ciò che sfugge all’occhio comune e di studiare una nuova visione del reale. Amante dei viaggi, in compagnia della sua inseparabile Leica, ha fermato nei suoi scatti particolari intriganti dei più disparati paesaggi urbani: New York, Amsterdam, Madrid, Barcellona, Vienna, Praga, Lisbona, Bilbao…senza tralasciare le splendide città italiane Roma in primis, e poi Venezia, Trani, Lecce, Siracusa, Cagliari.

Parallela all’attività di architetto ha mantenuto un interesse per la fotografia che negli ultimi anni è divenuta la sua attività principale. La sua ricerca è focalizzata nell’individuare il particolare incontro tra natura ed artificio, nei luoghi, nei tempi, nel tempo. Ines Facchin gioca con la luce che cambia al passaggio nelle diverse latitudini del mondo e, come un nuovo Marco Polo prova a regalarci la visione della materia che incontra e che cattura nella luce. Messa da parte la fotografia documentaristica, i suoi scatti vanno oltre il reale, oltre l’immaginario possibile alla ricerca delle architetture del colore di quei particolarissimi accostamenti e combinazioni cromatiche che rivelano un oggetto come una porzione di questa meraviglia che si chiama Terra.

“(…) Gli sguardi sulle città di Ines Facchin (fermandosi, in piena adesione al pensiero di Maurice Merleau-Ponty, sul visibile e sul percepibile) - scrive il curatore Toti Carpentieri - indirizzano la nostra mente e il nostro sguardo sul non visibile di cui il visibile è intessuto, consentendo alla sua fida Leica V-Lux 2 di scoprire sempre qualcosa di nuovo, di fermare stabilmente (rifiutando ogni successiva manipolazione digitale) ciò che l’occhio non ha ancora percepito, guardando, tra analogie e diversità, modalità cromatiche nuove ed antiche, osmosi di forme e di colori, al dettaglio (il segno, il colore, la forma, l’insieme e la texture) come la parte per il tutto. Fino ad identificare il corpus del luogo ben oltre la sua irriconoscibilità, e conferendogli la dimensione del concetto. Non è quindi casuale che, al pari delle città metaforiche di Calvino, le cinquantacinque foto degli altrettanti luoghi di Ines Facchin (una che, per dirla con Marcovaldo, avendo l’occhio “trova quel che cerca anche a occhi chiusi”) con cui abbiamo voluto costruire questa

mostra e i loro undici percorsi, ci portino con immediatezza e semplicita` nel territorio dell’invisibile e del fantastico, lasciando alla intangibile concretezza dell’immagine urbana – il suo essere la tessera di un puzzle di ricordi e di desideri – la possibilità di ritrovare quelle dimensioni nascoste che ci appartengono, godendo di essa, nel segno di Marco Polo, non “le sette o settantasette meraviglie ma la risposta che da` ad una tua domanda”. Fino alla riconquista della memoria smarrita, e quindi dell’essenza delle cose e della pura emozione”.

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 416 visitatori collegati.

Inaugurano Oggi

Panettone Party 2017

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea A cura di: Ornella Piluso
Con: Tra gli artisti presenti alla mostra: Lucia Abbasciano - Ornella Bonomi -...
Presso: Società Umanitaria

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)