CHIUDERE MUSEI E TEATRI PER EVITARE LO SPRECO DI FONDI PUBBLICI?

Dopo aver letto l'articolo sono rimasta un pò perplessa.

pare che "Sull'intero territorio tedesco sono attivi 140 teatri stabili di prosa, 84 teatri lirici, piu' del totale esistente nel resto del mondo, 6300 musei e 8200 biblioteche pubbliche, che insieme ad una miriade di conservatori e scuole musicali si spartiscono una torta di quasi 10 miliardi di euro all'anno."

Non ci giurerei, ma sono quasi certa che l'Italia abbia almeno più musei della Germania.

Molti quesiti sorgono nella mia mente.

Sarebbe giusto chiudere piccoli musei per favorirne altri più grandi o importanti?

Come si determina l'importanza di un certo tipo di memoria?

E nell'eventualità che si accettasse di chiudere un museo per destinare più fondi ad un altro, dove andrebbero a finire le collezioni del primo? 

Quando si parla di luoghi della cultura si può parlare di spreco nel destinare fondi ad essa? 

Forse la realtà museale tedesca non è minimamente paragonabile a quella italiana, ma se una decisione del genere venisse presa anche nel nostro paese, quali sarebbero le reazioni dei nostri addetti ai lavori?

Non sono certa di sapere da che parte sto in questo dibattito, quindi lo propongo a voi.

Buona lettura.

http://www.rainews24.it/it/news.php?newsid=162817&utm_source=dlvr.it&utm_medium=twitter

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 1 utente e 963 visitatori collegati.

Informazioni su 'jessica murano'

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)