CEMENTO - mostra fotografica di Pietro Motisi a cura di Shobha

CEMENTO - mostra fotografica di Pietro Motisi a cura di Shobha

Titolo

CEMENTO - mostra fotografica di Pietro Motisi a cura di Shobha

Inaugura

Venerdì, 12 Ottobre, 2012 - 19:00

A cura di

Shobha

Artisti partecipanti

Pietro Motisi

Presso

Galleria della Residenza Universitaria San Saverio

Comunicato Stampa

CEMENTO
fotografie di Pietro Motisi
a cura di Shobha

Galleria della Residenza Universitaria San Saverio
via Giovanni Di Cristina, 7 Palermo
inaugurazione venerdì 12 ottobre 2012 ore 19:00

in mostra dal 12 al 31 ottobre
lun-ven dalle 09:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:00
sab-dom dalle 15:00 alle 18:00

Catalogo ersupalermoedizioni
con testi di
Goffredo Fofi
Jean Paul Manganaro
Matteo Meschiari

-

CEMENTO è un progetto fotografico che mira alla realizzazione di una vera e propria mappa, un percorso personale di sensazioni e percezioni di e su una terra: la Sicilia.
Il suo presupposto è di creare quello che, parafrasando il fotografo italiano Luigi Ghirri, è un percorso a zig-zag in cui nulla è da escludere, fidandosi delle proprie percezioni, e da seguire all’interno di un determinato spazio (fisico o concettuale che sia) con l’intento di costruire una mappa di luoghi e suggestioni che possa restituire determinate caratteristiche e problematiche del caso.

Questo lavoro fotografico ergo vuol essere una nuova mappa della Sicilia, sulla Sicilia, sui suoi abitanti e sui segni che essi lasciano ed hanno lasciato nel paesaggio in un rapporto con esso che è inevitabilmente ed imprescindibilmente sinergetico e bidirezionale.
L’intenzione di base è di mostrare questo “luogo” da una nuova prospettiva, lontana dai cliché che sempre sono esistiti come predominante punto di vista sull’isola.
Al contempo, lungi dal voler restituire una visione falsata e avulsa da uno sguardo critico sul reale, l’intenzione forte è di instaurare un rapporto tra osservatore e soggetto che permetta di rappresentare l’abuso, talvolta mafioso che si è perpetrato nell’isola.
Insieme a tale intenzione c’è anche una forte attenzione nel concretizzare la questione della rappresentazione del paesaggio.
Paesaggio come unicità e risorsa d’inesauribile energia materiale ed immateriale, come identità.
Proprio la relazione cercata tra l’identità e il paesaggio rappresenta il fulcro centrale di questo progetto, last but not least, fatto di fotografie.
Si restituisce così all’immagine quel ruolo di riflesso e spazio di riflessione allo stesso tempo che aiuta a riconoscere la propria terra e quindi a riconoscersi, lasciando emergere così un aspetto della nostra cultura che sembra essersi sopito dagli inizi del secolo scorso, al tempo in cui sembra che l’ultimo vero occhio che si sia posato sul nostro paesaggio con tali propositi è stato quello di pittori come Michele Catti e Francesco Lojacono.

I paesaggi nel progetto CEMENTO sono fotografati come spazi pressoché vuoti, privati della presenza umana, come se l’intenzione fosse quella di rappresentare una casa nei momenti in cui i suoi inquilini sono assenti.
Ciò rappresenta una strategia utile alla semplice ricerca di un silenzio, di qualcosa che aiuti l’emersione di vibranti dettagli, qualcosa come una sensazione capace di restituire non soltanto la forma fisica di ciò che è rappresentato, ma anche forme altre, interiori, con la pretesa di restituire una fisionomia degli abitanti di quella porzione di spazio, in un vero esercizio fisiognomico dell’uso dell’estetica compositiva applicato al mezzo fotografico.

Dopo la seconda grande guerra, intorno al ’55, lo scrittore Italo Calvino nel suo libro La speculazione edilizia descriveva gli italiani coinvolti in questo processo di costruzione indiscriminata come genti antiestetiche ed antimorali nell’abuso dei luoghi e delle loro caratteristiche natie.
Il processo che egli così descrive è a tutt’oggi vivo e profondamente radicato nella nostra società e di sicuro la Sicilia rappresenta un esempio più che appropriato per mostrare gli effetti di questa deliberata antiestetica violenza che, apparentemente operata sulla terra, mostra i suoi effetti anche sulle anime di chi vi vive.

CEMENTO vuol dimenticare ed evitare il ghetto delle abitudini dello sguardo, posare gli occhi sulla quotidiana violenza del paesaggio che diviene purtroppo ciò che viene vissuto come normale per la maggior parte di noi stessi e che provoca degli inevitabili guasti non costruttivi che si radicano nella nostra vita e nel nostro sistema di segni.
Inoltre, il contrasto che si viene a creare con la presenza di opere di Land Art realizzate in cemento armato aumenta il bisticcio linguistico e crea un interessante spazio di studio e di riflessione che si può attraversare con il proposito di disegnare delle alternative nella lettura e fruizione del concetto di paesaggio affinché tutto ciò possa contribuire a migliorare la qualità della percezione dei nostri spazi.

Alcune informazioni tecniche

Il progetto fotografico CEMENTO è realizzato a colori, utilizzando pellicola piana 5x4 pollici Kodak new Portra 160 ed apparecchi fotografici a banco ottico.
Tale approccio tecnico consente la resa di immagini di elevatissima qualità e dotate di particolare dovizia di dettaglio.
Questo al fine di permettere, nella previsione di creare eventi in cui esporre il lavoro sottoforma di mostra fotografica, la stampa di grandi formati per una fruizione delle opere adeguata e coerente alle suggestioni che ci si presuppone di creare, coerentemente al linguaggio etico-estetico utilizzato in fase di ripresa.

arte contemporanea, gallerie, mostre, eventi

Come Arrivare?

Chi c'è on line?

Ci sono attualmente 2 utenti e 416 visitatori collegati.

Inaugurano Oggi

Panettone Party 2017

mostre, arte, eventi, artistici, gallerie, contemporanea A cura di: Ornella Piluso
Con: Tra gli artisti presenti alla mostra: Lucia Abbasciano - Ornella Bonomi -...
Presso: Società Umanitaria

Informazioni su ''

Accesso utente

CAPTCHA
Inserisci il codice che vedi qui sotto. Serve per evitare la spam e dimostrare che sei un umano e non un computer.

lobodilattice newsletter

Iscrivendoti accetti le nostre Privacy Policy ( link in fondo alla pagina)